Immobili
Veicoli

SVIZZERALa Germania sconta la benzina. Le previsioni: «Rincari e turismo del pieno»

31.05.22 - 20:30
Dopo Francia e Italia nuovi sconti oltre confine. I distributori nazionali sono preoccupati.
IMAGO
La Germania sconta la benzina. Le previsioni: «Rincari e turismo del pieno»
Dopo Francia e Italia nuovi sconti oltre confine. I distributori nazionali sono preoccupati.
Non solo, l’ennesima corsa al carburante scontato potrebbe far lievitare comunque i prezzi. Anche in Svizzera.

ZURIGO - Sempre più Paesi stanno adottando misure per alleggerire il peso del caro carburante. Dopo Italia e Francia, mercoledì seguirà la Germania, che ha deciso di ridurre le tasse sulla benzina di circa 30 centesimi e di circa 17 centesimi sul diesel, almeno per tre mesi.

Secondo 20 Minuten, lo scenario a cui si assisterà sarà simile a quanto si è già verificato in Ticino, dove i distributori di benzina, come noto, stanno registrando un forte calo delle vendite. Gli automobilisti confederati potranno ora recarsi anche in Germania per fare il pieno e risparmiare.

Il club automobilistico tedesco ADAC prevede quindi lunghe code al confine e di conseguenza invita gli automobilisti alla pazienza. Secondo ADAC, il traffico tornerà a normalizzarsi non prima del fine settimana. Non solo, per l'esperto di materie prime Elias Hafner, l'incremento della domanda potrebbe mettere in difficoltà alcuni distributori, anche se l'offerta non dovrebbe venire meno.

Se in Ungheria il Governo ha deciso di limitare l'acquisto di carburante a prezzo calmierato solo per i propri cittadini, lo stesso non avverrà in Germania. Qui, però, non tutti i distributori potrebbero adottare gli sconti (le compagnie petrolifere non sono obbligate). Tuttavia, dovessero intascarsi per intero l'agevolazione fiscale, le Autorità hanno già annunciato che interverranno con delle sanzioni.

Come già accaduto in Italia, in ogni caso, il sollievo potrebbe essere temporaneo. Negli ultimi giorni le compagnie petrolifere stanno acquistando le materie prime a un prezzo ancora maggiore. Risultato? La benzina potrebbe diventare più costosa, nonostante il taglio delle accise.

Il ministro dell'Economia tedesco Robert Habeck lo ha predetto: la domanda aumenterà e la benzina diventerà improvvisamente un bene ancora più prezioso.

Cosa significa tutto questo per la Svizzera? Ramon Werner, capo di Oel-Pool che gestisce circa 700 distributori di benzina sul territorio nazionale, si aspetta un aumento del turismo del pieno. In Ticino l'azienda ha perso circa il 35% dei suoi clienti. «Lo stesso accadrà anche al confine con la Germania». E poiché la domanda aggiuntiva va a pesare su un'offerta già scarsa, i prezzi potrebbero continuare a salire ovunque, anche in Svizzera. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA