Immobili
Veicoli

BERNA Rifugiati, ore davanti ai centri d'asilo. Distribuiscono acqua e cibo per i bebè.

13.03.22 - 17:15
Proprio a causa delle code, la SEM ha comunicato che chi ha già alloggi da parenti o amici non deve registrarsi subito.
keystone
Fonte ats
Rifugiati, ore davanti ai centri d'asilo. Distribuiscono acqua e cibo per i bebè.
Proprio a causa delle code, la SEM ha comunicato che chi ha già alloggi da parenti o amici non deve registrarsi subito.
Su Internet è poi possibile vedere in quali centri c'è attualmente molta attesa.

BERNA  - I rifugiati ucraini a volte devono aspettare ore davanti ai centri d'asilo. Per accelerare la registrazione, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) vuole puntare sulla digitalizzazione.

«Ci dispiace se i rifugiati devono aspettare fuori per ore», ha detto la Segretaria di Stato Christine Schraner Burgener oggi ai media al Centro federale d'asilo di Zurigo. Fuori si è creata una lunga coda. I dipendenti del centro hanno distribuito acqua e cibo per i bebè. In alcune tende sono stati anche riempiti i primi formulari.

Proprio a causa delle code che presumibilmente aumenteranno, la SEM ha comunicato tramite social media che chi ha già alloggi da parenti o amici non deve registrarsi subito. Su Internet è poi possibile vedere in quali centri c'è attualmente molta attesa.

Digitalizzazione - Gli strumenti digitali possono poi venire in aiuto in diversi modi. Ad esempio, in futuro sarà possibile prenotare appuntamento nei centri direttamente online, una misura prevista in particolare per chi ha già un alloggio.

«Vogliamo una migliore digitalizzazione del sistema», ha detto Schraner Burgener, che ammette anche come tutti debbano ancora un po' abituarsi alla situazione, visto che lo statuto S non è mai stato utilizzato prima.

Ad oggi pomeriggio sono stati registrati 3126 cittadini ucraini, in maggioranza donne e bambini. Solo ieri ne sono arrivati 650. Le previsioni del Consiglio federale che parlavano di 1000 rifugiati a settimana potrebbero quindi essere largamente superate.
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA