Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
21.01.2022 - 12:370

«Si tratta di un attacco diretto alla Croce Rossa»

Il vasto attacco informatico ha preso di mira proprio i server dell'organizzazione e non la società che li ospita.

Un portavoce della CIRC: «Siamo noi a gestire i dati e le applicazioni, non una ditta esterna».

BERNA - Il vasto attacco informatico segnalato dal Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) di Ginevra mercoledì sera ha preso di mira direttamente i server dell'organizzazione e non della società che li ospita come si pensava in un primo tempo. Questo cyberattacco compromette i dati di più di mezzo milione di persone vulnerabili.

«Si tratta di un attacco diretto contro i server del CICR, e non contro la società che li ospita», ha indicato oggi a Keystone-ATS una portavoce dell'organizzazione, confermando un'informazione pubblicata dalla Tribune de Genève. «Siamo noi a gestire i dati e le applicazioni su questi server e non la società esterna», ha precisato.

Il CICR collabora da tempo con il fornitore in questione, «perché applica lo stesso rigore e gli stessi standard che applicheremmo a qualsiasi server ospitato internamente». La portavoce non ha tuttavia fornito maggiori dettagli riguardo la società, l'organizzazione non è infatti tenuta a rivelare i nomi dei subcontraenti.

A causa dei crescenti rischi di cyberattacco, la grande organizzazione umanitaria ha investito parecchio nella sicurezza informatica, ha precisato la portavoce nella sua risposta per iscritto. Sono infatti i sistemi di rilevamento attuali ad aver permesso d'individuare questa attività criminale.

Il CICR ha indicato ieri di auspicare di entrare in contatto con gli hacker. L'attacco interessa i dati di più di 515'000 persone che sono protette dall'organizzazione umanitaria e quindi vulnerabili. Tra queste figurano persone separate dalle loro famiglie a causa di conflitti e catastrofi, individui scomparsi e le loro famiglie, nonché persone in prigione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 04:56:17 | 91.208.130.85