Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl Consiglio federale accetta le critiche, non odio e violenza

13.10.21 - 10:41
Dopo essersi riunito in seduta a Lucerna, il Governo incontrerà a breve la popolazione.
20Minuten/Simon Glauser
Il Consiglio federale accetta le critiche, non odio e violenza
Dopo essersi riunito in seduta a Lucerna, il Governo incontrerà a breve la popolazione.
Minacce e gli appelli alla violenza sui social negli ultimi giorni non sono mancati. Per questo a livello di sicurezza sono state prese tutte le precauzioni del caso.

LUCERNA - Il Consiglio federale si è riunito oggi per la sua seduta extra-muros a Lucerna. Dopo aver sbrigato in mattinata gli affari correnti (di cui riferirà in una conferenza stampa prevista non prima delle 15.30), i suoi membri incontreranno la popolazione al Museo dei Trasporti. Ma se questo tipo di appuntamenti sono solitamente accompagnati da un clima festoso, quest'anno la situazione è un po' diversa. Sui social non sono infatti mancati gli appelli alla violenza e le minacce per come il Governo federale sta gestendo la pandemia. Per questo motivo sono state prese tutte le precauzioni del caso a livello di sicurezza, con la polizia che richiede un documento d'identità a chiunque prenda parte all'incontro con i "ministri".

Alcuni musicisti chiamati ad accogliere l'arrivo dei membri dell'esecutivo nella città della Svizzera centrale sono stati ad esempio scrupolosamente controllati dalla polizia, come riferisce 20 Minuten. Una volta giunto a Lucerna, il Consiglio federale si è quindi riunito in seduta. Prima però ha brevemente preso la parola il presidente della Confederazione Guy Parmelin. Parmelin si è detto impaziente d'incontrare la popolazione, aggiungendo che «le critiche sono sempre ammesse», ma che tuttavia «l'odio e la violenza non vanno mai bene».

L'incontro con la popolazione avrà luogo alle 12.30. Nel corso del pomeriggio, come detto, seguirà una conferenza stampa ufficiale del Consiglio federale.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA