Immobili
Veicoli
20Minuten/Noah Knüsel (archivio)
Da mesi ormai si ripetono manifestazioni contro il Consiglio federale.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
20 min
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
1 ora
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
2 ore
Il vaccino protegge i pazienti ad alto rischio da un decorso grave
Lo dimostra una valutazione del registro dei malati di Covid-19 nelle unità di terapia intensiva
SVIZZERA
2 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
GRIGIONI
3 ore
Corsa a sposarsi il 22.2.22
Sette matrimoni già prenotati a Coira per quella data. Già tutto esaurito a Zurigo.
SVIZZERA
4 ore
Amori tossici, succede a una persona su due
Violenza fisica, stalkeraggio, offese e degradazioni. La vita di coppia non sempre è rose e fiori.
SVIZZERA
4 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
6 ore
«Non sottovalutate la slitta, indossate un casco»
Secondo uno studio dell'Upi, si raggiunge velocemente una velocità di 45 chilometri all'ora
BASILEA
6 ore
Arma puntata contro un dipendente Manor
L'uomo si era intrufolato nell’edificio prima dell'apertura del negozio. Un sospettato è già stato arrestato.
SVIZZERA
7 ore
«Il nostro parco giochi è il loro spazio vitale»
La Stazione ornitologica svizzera di Sempach invita a prestare attenzione: «Gli sport invernali disturbano la fauna»
SVIZZERA
7 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
SVIZZERA
7 ore
Parità salariale, la Posta è vicina al suo obiettivo
In una società del gruppo sono tuttavia previste delle misure correttive
SVIZZERA
12.10.2021 - 10:070
Aggiornamento : 13:52

Consiglio federale fra la gente, l'atmosfera si surriscalda

Nonostante le numerose manifestazioni di dissenso, il Governo ha confermato la seduta extra-muros prevista a Lucerna.

Non mancano però le minacce. La polizia, temendo per la sicurezza dei membri dell'esecutivo, sarà presente in forze. La popolazione dovrà aspettarsi controlli e perquisizioni.

LUCERNA - Domani il Consiglio federale terrà la sua 15esima seduta extra-muros a Lucerna. Dopo aver sbrigato gli affari correnti, nel primo pomeriggio, come tradizione dal 2010 (vedi box in fondo), incontrerà la popolazione per un aperitivo al Museo dei Trasporti. Si tratta di modo per «manifestare il proprio legame con tutte le regioni della Svizzera», come ricorda lo stesso esecutivo.

Il VIP è Alain Perverset - Non tutti i cittadini sono però soddisfatti delle decisioni prese negli ultimi mesi dal Consiglio federale: più volte alla settimana ci sono manifestazioni contro la sua gestione dell'emergenza coronavirus, che talvolta culminano pure con degli scontri con la Polizia. E infatti un'azione è prevista anche per domani: su Telegram un gruppo definitosi "Resistenza Svizzera" sta infatti facendo circolare un volantino in cui invoca un raduno davanti al Museo dei Trasporti. "Alain Perverset" è annunciato come "ospite VIP".


screenshot Telegram

Uova, pomodori, ma anche pietre - I commenti che l'accompagnano sono colmi di odio, offensivi e alcuni contengono pure minacce. Si parla di lanciare uova e pomodori marci. Ma anche di «portare pietre». Un altro utente scrive: «Speriamo che non ci sia nessuno a cui il Consiglio federale non piace e che sia anche armato. Oh sì, c'è, vale a dire il popolo svizzero». E ancora, in riferimento alla votazione sulla Legge Covid: «Il percorso democratico è finito!».

Controlli all'entrata del Museo - Essendo un evento pubblico, non è necessaria una notifica preventiva da parte dei presenti. All'ingresso verrà richiesto però - oltre al certificato Covid - un documento d'identità. A essere responsabile della sicurezza dei consiglieri federali è la Polizia federale. «Siamo informati sull'evento e valutiamo continuamente se e in che misura i consiglieri federali siano a rischio. Gli appelli a manifestazioni contribuiscono a questa valutazione», afferma la portavoce Mélanie Lourenço. Sia la Fedpol, sia la polizia di Lucerna, tacciono evidentemente sulle specifiche misure di sicurezza. «A seconda della situazione, potrebbe essere tuttavia opportuno effettuare controlli personali».

Al Museo come in aeroporto - Per l'ex portavoce del Ministero pubblico basilese Markus Melzl, tuttavia, la situazione è chiara: «Vista l'atmosfera calda e considerate le minacce, si può presumere che la polizia e la Fedpol inaspriranno le misure di sicurezza». È difficile per Melzl immaginare che le persone possano entrare al Museo senza essere monitorate. «Sarebbe ipotizzabile, ad esempio, utilizzare scanner mobili, simili a quelli utilizzati negli aeroporti». In questo modo è possibile verificare se qualcuno ha con sé un'arma, pietre o uova marce.

Massima sicurezza - Per Melzl, le misure di sicurezza sono necessarie anche nella stanza in cui si svolge la seduta fra i membri dell'esecutivo: «Anche se non si teme un vero attacco, sono necessarie forze di sicurezza. Dovrebbero intervenire, ad esempio, se qualcuno volesse sputare a un consigliere federale, maltrattarlo o – come di recente accaduto alla direttrice della sanità zurighese Nathalie Rickli – versargli addosso qualcosa. Secondo Melzl, anche agenti di sicurezza in abiti civili o unità speciali potrebbero essere impiegate per questa protezione diretta dei consiglieri federali.

Vicini, ma distanti - Il fatto che una manifestazione non autorizzata si svolga direttamente davanti al Museo dei Trasporti, secondo Melzl, rende la situazione ancora più complicata a livello di sicurezza: «Questa manifestazione dovrà certamente essere tenuta a distanza con recinzioni o con un cordone di polizia». «Anche se sembra quasi ironico che il Consiglio federale voglia essere vicino ai cittadini, ma allo stesso tempo debba tenere a distanza parecchie persone, la sicurezza ha sempre la priorità», conclude l'esperto.

Le sedute lontano da Palazzo federale
I Cantoni ad aver finora avuto l'opportunità di ospitare una seduta extra-muros sono Ticino e Giura nel 2010, Uri, Vallese e Basilea Città nel 2011, Sciaffusa nel 2012, Vaud nel 2013, Svitto nel 2014, Friburgo nel 2015, Vaud e Glarona nel 2016, Soletta nel 2017, San Gallo nel 2018 e Zurigo nel 2019.

screenshot Telegram
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 18:50:23 | 91.208.130.86