Unsplash
SVIZZERA
09.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:04

Un certificato Covid senza vaccinarsi? I giovani cercano conoscenti positivi al virus

Il fenomeno è diffuso sui social. L'esperto mette in guardia: «Si rischiano conseguenze non controllabili sulla salute»

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - «Se prossimamente qualcuno risulta positivo al coronavirus, fatemelo sapere! Mi servirebbe un certificato Covid». Sono di questo tono i messaggi che ultimamente girano sui social media. E le risposte entusiaste non mancano. «Anch'io... organizziamo un corona party!» scrive per esempio un altro utente.

Gli autori di messaggi analoghi sono in particolare persone giovani, che non temono il coronavirus oppure non ritengono giustificata la pressione per la vaccinazione. Uno di questi giovani è P.M.*, che spiega: «In una situazione normale mi farei vaccinare, così come ho fatto con tutte le vaccinazioni. Ma la pressione che durante questa pandemia viene esercitata dai media e dallo Stato fa crescere in me un senso di rifiuto». E se ora lo Stato decide di isolarlo socialmente con l'estensione dell'obbligo di certificato Covid, non gli resta altra scelta che farsi contagiare in modo da ottenere il documento, aggiunge P.M. Sulla stessa linea è D.F.*, che su Facebook scrive: «Preferisco un contagio controllato da coronavirus, in modo da ottenere il certificato che mi dà le stesse possibilità concesse ai vaccinati».

Ma Jürg Utzinger, direttore dell'Istituto tropicale e di salute pubblica svizzero (Swiss TPH), mette in guardia: farsi contagiare con il virus Sars-CoV-2 non è soltanto una cattiva idea, ma è anche pericoloso. «Non importa se ci si sente in salute, tantomeno l'età: un contagio porta sempre con sé un rischio non controllabile». Va considerato, secondo l'esperto, che in caso di decorso grave, non sono disponibili farmaci efficaci. «Se una persona si contagia di proposito e poi ha a che fare con sintomi gravi dovrà essere ricoverata e nel peggiore dei casi mettere in conto la morte. E c'è anche il rischio di soffrire di Long Covid. Dal punto di vista medico, si tratta di un comportamento irresponsabile nei confronti della società e delle persone che poi devono prendersi cura del paziente» conclude Utzinger.

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 15:27:09 | 91.208.130.85