tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
51 min
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
10 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
10 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SAN GALLO
15 ore
Anche il sito del Canton San Gallo nel mirino degli hacker
La pagina è stata temporaneamente inaccessibile oggi a causa di un attacco di tipo DDoS.
SVIZZERA
16 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
16 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
LUCERNA
17 ore
La navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni fatica a riprendersi
L'estate 2021 si è chiusa con un +30% rispetto al 2020. Ma risulta ancora in flessione nel confronto con il pre-crisi
SAN GALLO
17 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
18 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
18 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
ZURIGO
29.08.2021 - 23:320
Aggiornamento : 30.08.2021 - 08:52

I vaccinati iniziano a perdere la pazienza

Finora, la politica non ha voluto puntare il dito contro gli scettici sul vaccino.

Qualcosa però sta iniziando a cambiare, complici l'aumento dei positivi e dei ricoveri in ospedale.

ZURIGO - I medici di terapia intensiva sono nuovamente alla ricerca di posti letto disponibili per i pazienti Covid, i politici discutono per applicare misure più severe, e il ministro della Sanità Alain Berset teme una nuova ondata.

Insomma, uno scenario già visto, con una sostanziale differenza. Oggi, infatti, il vaccino è disponibile in enormi quantità. Ma molti svizzeri lo evitano, sia perché non si fidano, sia perché non vedono in esso alcun vantaggio.

Per evitare una spaccatura nella società, i politici sono stati finora riluttanti a criticare gli scettici sui vaccini. Tre settimane fa - ricorda oggi il Blick -, Berset ha definito «bizzarro» il dibattito sull'ampliamento del certificato Covid. L'intenzione era chiara: non voleva mettere inutilmente sotto pressione i non vaccinati per paura che questo potesse rivelarsi controproducente.

Cambio di rotta - Ma la situazione sta cambiando. I positivi aumentano e sono soprattutto i ricoveri a preoccupare. Nove pazienti su dieci con coronavirus nelle unità di terapia intensiva non sono vaccinati.

Le parole del presidente della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) Lukas Engelberger sono indicative del cambio di rotta: «Abbiamo servito la vaccinazione su un piatto d'argento. Ora tocca ai cittadini sfruttare questa opportunità. Se non lo fanno danneggiano loro stessi e la società».

Anche Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sembra aver perso la pazienza. In risposta a chi sostiene che gli ospedali non siano mai stati sovraccarichi ha dichiarato con tono insolitamente tagliente: «Certo che erano sovraccarichi!». Per aggiungere subito dopo: «Questo non significa che le persone morivano davanti all'ospedale. Il sovraccarico significa che entriamo in una situazione in cui non si è più in grado di offrire la totalità dei servizi».

Per prevenire situazioni simili, il Consiglio federale vuole utilizzare più ampiamente il certificato Covid. Solo coloro che sono stati vaccinati, guariti o testati possono accedere a ristoranti, cinema, teatri o centri fitness. Così come già si pratica nei paesi vicini. 

Vaccinati arrabbiati - Il cambiamento di umore tra le autorità non è una coincidenza: riflette sostanzialmente solo lo stato d'animo della popolazione. A testimoniarlo è il direttore sanitario ginevrino Mauro Poggia, arrivato addirittura a suggerire di far pagare la degenza in ospedale ai pazienti positivi non vaccinati: «Nei mesi scorsi, ogni volta che pubblicavo un articolo scientifico sui social, a commentare erano quasi esclusivamente no-vax. Ed erano anche molto aggressivi», sottolinea. 

Qualcosa ora è cambiato. «Oggi a commentare sono sempre più persone che contraddicono pubblicamente chi si oppone alla vaccinazione». Per Poggia, insomma, i vaccinati stanno perdendo la pazienza. «La gente sta notando che il ritorno alla normalità è stato ritardato dagli scettici sui vaccini».

Dello stesso parere è il medico cantonale di Basilea Thomas Steffen: «La gente sta iniziando a dirsi: "per non trascinare oltre questa situazione mi faccio vaccinare, altrimenti non migliorerà mai», sottolinea.

Eppure uno zoccolo duro di scettici sul Coronavirus continua a mobilitarsi contro la vaccinazione. Basti guardare le diverse centinaia di corona-scettici che sabato si sono dati appuntamento a Bellinzona per protestare contro le misure messe in atto per contenere la pandemia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 09:00:44 | 91.208.130.87