Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
14 ore
Cocaina "liquida" nel bagaglio a mano
Un 46enne cittadino russo è stato intercettato allo scalo zurighese con la droga sciolta in due bottiglie di whisky
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
15 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
15 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
FOTO
LUCERNA
16 ore
Festa federale di tiro, spara anche Viola Amherd
La consigliera federale ha preso parte alla giornata conclusiva dell'evento a Lucerna
SVIZZERA
17 ore
I Verdi in Consiglio federale «per fare la differenza»
Il partito ribadisce la rivendicazione del seggio, a spese del PLR
SVIZZERA
18 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Svizzera
18 ore
Consenso presunto nella donazione degli organi, lanciato un referendum
La decisione è stata presa in Parlamento poche settimane fa. I referendari: «è necessario che la popolazione si esprima»
BERNA
18 ore
Rissa a Berna, un ferito grave
Sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto, secondo la polizia
SVIZZERA
18 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
19 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
20 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
21 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
21 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
21 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
Svizzera
22 ore
«I manifestanti contro le misure anti Covid pagheranno i costi di polizia»
A livello di legge è possibile che accada in quanto rientra nel quadro della legge sulla polizia cantonale del 2020
ZURIGO
11.03.2021 - 17:420

«Trattamento disumano», Carlos vuole un rimborso

Il giovane delinquente ha fatto causa al Canton Zurigo chiedendo 40'000 franchi di risarcimento.

L'avvocato del 25enne punta il dito contro le «condizioni disumane di detenzione» vissute nella prigione di Pfäffikon nel 2017. Il legale del Cantone: «Minacciava di morte chiunque. La causa è assolutamente fuori luogo».

ZURIGO - Il giovane delinquente zurighese conosciuto con il soprannome di "Carlos" si è presentato oggi in tribunale in veste di accusatore. Il Tribunale distrettuale di Zurigo si è occupato di una causa intentata dal 25enne contro il Cantone.

"Carlos" - che nel frattempo preferisce farsi chiamare con il suo vero nome "Brian" - ha intentato una causa di responsabilità dello Stato. L'avvocato Markus Bischoff chiede per il suo assistito una riparazione di 40'000 franchi per le «condizioni disumane di detenzione» subite dal giovane nella prigione di polizia di Pfäffikon (ZH) agli inizi del 2017.

Il 25enne è stato condotto oggi in aula dal penitenziario Pöschwies di Regensdorf (ZH) e benché non fosse previsto, il giudice, vedendolo molto agitato, gli ha dato la possibilità di prendere la parola.

«Hanno cercato di spezzarmi con la durezza. Ma questo ha solo peggiorato le cose», ha detto nel suo breve intervento. «Essere tenuti in isolamento - ha aggiunto - ha un cattivo effetto sulle persone». Basta guardare la cella di colore rosa: «Ti fa impazzire».

L'avvocato del Cantone ha invece sostenuto nella sua arringa che il detenuto avrebbe avuto la possibilità di «comportarsi finalmente in modo corretto per una volta».

Ma nel periodo passato a Pfäffikon, "Carlos" era intrattabile. Minacciava di uccidere chiunque fosse entrato nella sua cella. «La sua distruttività era senza limiti». Motivo per cui, «questa causa di responsabilità dello Stato è fuori luogo».

La decisione del Tribunale distrettuale sulla riparazione chiesta dall'avvocato di "Carlos" sarà resa nota in data ancora da stabilire.

Secondo l'avvocato, il trattamento al quale il giovane delinquente è stato sottoposto nel gennaio 2017 rappresenta una violazione della Costituzione federale e dell'Art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che proibisce la tortura e i trattamenti disumani o degradanti.

Il giovane è stato detenuto a Pfäffikon dalla fine di ottobre 2016 al 26 gennaio 2017. A partire dal 6 gennaio è stato trasferito per 20 giorni nella sezione di sicurezza della prigione. Un'inchiesta amministrativa è in seguito arrivata alla conclusione che "Brian" ha subito durante quei 20 giorni trattamenti «in parte discriminatori e umilianti».

Il detenuto era costretto a dormire sul pavimento, senza un materasso, con le catene alle caviglie e senza la possibilità di fare una doccia. Non gli era permesso indossare vestiti, perché avrebbe intasato il bagno e allagato la cella. Gli è stato dato uno spazzolino da denti solo dopo dieci giorni perché avrebbe potuto usarlo come arma. E per nutrirsi aveva a disposizione solo panini.

Nel luglio 2017, presentando i risultati dell'inchiesta amministrativa, la consigliera di Stato Jacqueline Fehr (PS) aveva ammesso possibili errori da parte della giustizia, escludendo tuttavia fatti di rilevanza penale. Il Dipartimento di giustizia aveva inoltre deciso di sostituire il direttore del carcere di polizia di Pfäffikon.

"Carlos" è diventato un caso "nazionale" in seguito a un reportage televisivo del 2013, in cui si riferiva delle misure di presa a carico decise nei suoi confronti dalla giustizia minorile. In alternativa al piazzamento in una struttura chiusa, al giovane era stato messo a disposizione un appartamento di quattro locali e mezzo, con misure terapeutiche e assistenza 24 ore su 24, e anche la possibilità di seguire lezioni di boxe thailandese, la sua passione.

Il tutto a un costo di circa 29'000 franchi al mese: una cifra a prima vista esorbitante, ma paragonabile ai costi di una presa a carico in una struttura chiusa.

Il 25enne, che negli ultimi anni si è convertito all'Islam, ha problemi con la giustizia da quando aveva nove anni e ha alle spalle una lunga serie di condanne per reati violenti: in tutto più di 30, di cui due da maggiorenne. La vicenda più grave risale al 2011, quando accoltellò ripetutamente alla schiena un giovane, che riportò gravi ferite.

Il prossimo mese di maggio, "Carlos" sarà di nuovo sotto processo: dovrà rispondere davanti al Tribunale cantonale di una serie di aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Ci è costato centinaia di migliaia di franchi, per raddrizzarlo, ed è diventato peggio. Ma se non è cittadino svizzero non si può caricarlo su un velivolo cargo e quando l'aereo è sopra la sua Nazione buttarlo di sotto. Con il paracadute naturalmente, fatto con un sacco da montagna riempito di stracci ;-((
Didimon 7 mesi fa su tio
Se glie li danno possiamo fare causa anche noi alla Svizzera per trattamento disparitario tra un criminale e me...
Roger1980 7 mesi fa su tio
In altri paesi avrebbero già risolto il problema...
Tio1949 7 mesi fa su tio
Bravo fai bene! Ogni volta che chiedi loro ti danno(vedi i 30000 per tenerti in forma). Vedrai che sarai profumatamente indennizzato!
Galium 7 mesi fa su tio
@Tio1949 Spero veramente che sia così, dopo le ingiustizie che ha subito
ciapp 7 mesi fa su tio
gistizia svizzera vergognarevi , come pure gli avvocati che difendono questa feccia
seo56 7 mesi fa su tio
Ahahah!! Non conosce vergogna.. in Siberia deve finire!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 07:50:04 | 91.208.130.85