Keystone (archivio)
I consiglieri federali presenti alla conferenza stampa
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Viaggi all'estero: tutto quello che ora c'è da sapere
Da settimana prossima saltano ulteriori limitazioni per gli ingressi in Svizzera. Ecco cosa cambia per i viaggiatori
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Neve a giugno? No: un'autostrada di grandine
Oltre Gottardo continuano le precipitazioni e gli allagamenti. Dal Giura bernese a Basilea passando per Zurigo
SVIZZERA
8 ore
PLR, il dopo Petra Gössi partirà il 2 ottobre
L'elezione del nuovo presidente è stata fissata oggi. Le audizioni sono previste per settembre
SVIZZERA
9 ore
Trentadue domande (e risposte) sugli allentamenti
Da sabato prossimo il nostro Paese vivrà una nuova fase di (grandi) allentamenti.
SVIZZERA
10 ore
Ecco il nuovo Embraer E195-E2 di Helvetic
Il velivolo arriverà venerdì a Kloten. Entro la fine di luglio è prevista la consegna di altri tre apparecchi
SVIZZERA
10 ore
Allentamenti: reazioni positive, ma anche qualche interrogativo
Gli ambienti economici si rallegrano per le decisioni comunicate oggi dal Consiglio federale.
SVIZZERA
10 ore
Il mondo della notte festeggia il suo ritorno in pista
La Federazione svizzera per club e festival è soddisfatta degli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale.
SION
14 ore
Un ponte danneggiato desta preoccupazione, chiusa una corsia
I problemi strutturali sarebbero imputabili al sale usato per la rimozione della neve.
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera toglie la mascherina e torna in ufficio
Ecco tutti gli allentamenti che entreranno in vigore il prossimo sabato 26 giugno
SVIZZERA
14 ore
Altri 154 contagi e due decessi in Svizzera
Sono sedici gli svizzeri che hanno necessitato di un ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP.
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
15 ore
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
VAUD
15 ore
Hanno fatto saltare in aria un altro bancomat
Questa volta il colpo è stato perpetrato presso un distributore di benzina a Savigny.
SVIZZERA
15 ore
L'uomo che commissionò l'assassinio della sua compagna resta in carcere
Il Tribunale federale ha respinto il suo ricorso per ottenere la libertà condizionale: «Il rischio di recidiva è alto».
SVIZZERA
15 ore
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
SVIZZERA
16 ore
Alcune norme della legge anti-terrorismo saranno introdotte in autunno
Dopo l'approvazione alle urne, il Consiglio federale ha posto in consultazione oggi la relativa ordinanza.
ZURIGO
16 ore
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
SVIZZERA
16 ore
Accesso al mercato italiano: «Nessuna discriminazione sistematica»
Un rapporto adottato dal Consiglio federale rivela «maggiori difficoltà» di accesso al confine ticinese.
SAN GALLO
17 ore
Beccato un ladro: aveva compiuto sessanta furti
L'uomo, un serbo di 29 anni, aveva colpito diversi garage di San Gallo tra il 2019 e il 2020.
SVIZZERA
18 ore
Incidenti in bici, più di 1'300 legati all'alcol
Secondo Suva, la tendenza sarebbe in aumento.
ARGOVIA
19 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
LUCERNA
20 ore
Investe un ausiliare del traffico e se ne va
L'incidente si è verificato a Lucerna poco più di due settimane fa. Ancora sconosciuta l'identità del conducente.
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
20 ore
Temporali violenti, Cressier è finita sott'acqua
Ai residenti è tuttora sconsigliato di bere acqua dal rubinetto
SVIZZERA
21 ore
Spingono un 60enne giù dalle scale e scappano
La polizia è alla ricerca di un gruppo di giovani
SVIZZERA
21 ore
Vaccino sì, vaccino no? Un quarto degli svizzeri è ancora scettico
Anche l'età e il sesso sembrano essere un fattore: è quanto emerge da un sondaggio dell'istituto Sotomo
SVIZZERA
1 gior
Viola Amherd vuole i caccia F-35
Il ministro della Difesa avrebbe scelto il produttore americano Lockheed Martin per rinnovare la flotta
GINEVRA
1 gior
Dal Portogallo a Ginevra stipati in una gabbia
Una gatta e i suoi quattro cuccioli hanno viaggiato per oltre 18 ore in condizioni indecenti.
SVIZZERA/UE
1 gior
In autunno ripartono i negoziati
Dopo il flop dell'accordo quadro, Bruxelles riallaccerà i contatti con Berna alla fine dell'estate
SVIZZERA
17.02.2021 - 15:000
Aggiornamento : 18:52

Allentamenti a piccoli passi: riaprono i negozi, non i ristoranti

Il Consiglio federale ha deciso di procedere con una riapertura graduale.

Dal primo marzo di nuovo consentiti eventi privati all'aperto fino a 15 persone e attività sportive e culturali per i giovani.

BERNA - Allentamenti scaglionati dovevano essere e allentamenti scaglionati saranno. Il Consiglio federale ha deciso che a partire dal 1° marzo non ci sarà una riapertura totale dell'economia, ma solo parziale. Potranno riaprire i negozi, i musei e le biblioteche, le aree esterne degli zoo, i giardini botanici, gli impianti sportivi e di svago. Non i ristoranti.

Saranno inoltre nuovamente consentiti i raduni fino a 15 persone e, per i giovani fino ai 18 anni, la maggior parte delle attività culturali e sportive.

La parola ai Cantoni - Il governo prenderà tuttavia una decisione definitiva sulla prima fase di apertura il 24 febbraio, solo dopo aver consultato i cantoni. Lo scopo delle modifiche annunciate oggi è di rilanciare la vita sociale ed economica, ma al contempo evitare una terza ondata di infezioni.

Numero di clienti limitato - Salvo parere contrario dei Cantoni o un improvviso e repentino incremento di contagi, il primo marzo dovrebbero dunque riaprire tutti i negozi, ma il numero di clienti dovrà essere limitato. Il Consiglio federale propone anche di riaprire i musei e le sale di lettura di archivi e biblioteche, le strutture per il tempo libero e l'intrattenimento all'aperto, vale a dire zoo, giardini botanici e parchi avventura. In tutti questi luoghi sarà comunque obbligatorio indossare la mascherina, mantenere le distanze e la capacità sarà limitata.

Impianti sportivi - Anche gli impianti sportivi come le piste di ghiaccio, i campi da tennis, i campi da calcio e gli stadi di atletica possono riaprire. È necessario anche in questi casi indossare la mascherina o mantenere le distanze. Inoltre sono ammessi solo gruppi di non più di cinque persone e sono vietate le competizioni e gli eventi per adulti. Per gli eventi privati all'aperto il numero massimo di partecipanti sarà portato a 15.

Meno restrizioni per i giovani - Per i bambini e i giovani, le restrizioni imposte dall'epidemia sono particolarmente pesanti: in questa fascia di età, il disagio psicologico è cresciuto in misura rilevante. Per i ragazzi fino a 16 anni, le regole vigenti prevedono già determinati allentamenti nel settore sportivo e culturale. Ciò nonostante, il Consiglio federale intende innalzare a 18 anni questo limite di età ed estendere il novero delle offerte sportive e culturali ammesse, consentendo anche la ripresa delle attività di animazione socioculturale giovanile.

Cosa potrebbe riaprire in aprile - La seconda fase di apertura dovrebbe iniziare il primo aprile. A quella data saranno autorizzati di nuovo lo svolgimento di eventi culturali e sportivi con un pubblico limitato, lo sport al coperto o l'apertura delle terrazze di ristoranti, sempre che la situazione epidemiologica lo permetta.

Diversi fattori da soppesare - La decisione dipenderà da diversi fattori: il tasso di positività deve essere inferiore al 5%, il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva con pazienti Covid 19 inferiore al 25%, il tasso di riproduzione sotto l'1 e l'incidenza della malattia calcolato su 14 giorni il 24 marzo non dovrebbe essere superiore a quella del primo marzo.

Precisate le regole per entrare in Svizzera - Il Consiglio federale ha anche precisato le disposizioni sull'entrata in Svizzera vigenti dall'8 febbraio 2021, adeguando la pertinente ordinanza. I bambini di età inferiore a 12 anni saranno esonerati dall'obbligo di sottoporsi al test. Le persone che, come i camionisti, entrano in Svizzera per motivi di lavoro e vi si trattengono soltanto per un breve periodo di tempo non sono inoltre tenute a compilare il modulo di entrata. Infine, per adempiere all'obbligo di presentare un risultato negativo del test per il SARS-CoV-2, oltre ai test PCR sono ora ammessi anche i test antigenici rapidi.

Parmelin: «Il tunnel è ancora lungo» - «Vediamo la luce in fondo al tunnel, ma il tunnel è ancora molto lungo». Ha introdotto così la conferenza stampa il presidente della Confederazione Guy Parmelin, spiegando come la decisione di procedere con un allentamento a fasi sia necessaria per poter controllare al meglio l'evoluzione epidemiologica. «Le misure di confinamento sono state introdotte progressivamente e sarà la stessa cosa per quelle di allentamento».

Berset: «La situazione migliora, ma resta delicata» - Dopo Parmelin ha preso la parola Alain Berset, che ha presentato nel dettaglio gli allentamenti previsti per l'inizio di marzo. Allentamenti resi possibili dalla «disciplina» mostrata dalla popolazione, da una «buona» evoluzione della numero di infezioni e dalla «rapidità» con cui prosegue la campagna di vaccinazione. Tuttavia è presto per cantar vittoria: «La situazione rimane delicata». Anche per questo al momento non sono possibili allentamenti nei settori della cultura e della ristorazione, «che stanno soffrendo parecchio».

Maurer: «Altri aiuti all'economia» - Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha deciso di aumentare i miliardi destinati ai casi di rigore e constatato come i conti della Confederazione per il 2020 si siano chiusi con un disavanzo da record. L'intervento di Ueli Maurer durante la conferenza stampa era incentrato proprio su questi due punti. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
stellina 21 4 mesi fa su tio
Non sono arrabbiata 😠😡 RISTORANTE DEVE APRIRE SE NO RISCHIANO DI CHIUDERE PER sempre!!
fgreto 4 mesi fa su tio
Io direi apriamo tutto e andiamo pure a ballare io porto pure mio nonno anzi andiamo a sostenere pure le tesi del UDC se fosse per loro negherebbero pure l esistenza del virus . Vedono solo l economia e non i morti, la gente che soffre che non arriva a fine mese, i disoccupati , tanto per loro è uguale bisogno morire . PEZZENTI
MG1986 4 mesi fa su tio
6 Mio ogni ora buttati dalla finestra. 1 Ospedale con 400 posti letto costa circa 800Mio, quindi ogni 5 giorni ne finanziamo uno. In soli 6 mesi di Lockdown ne abbiamo finanziati 40, ovvero 16'000 nuovi posti letto (vero, sono teorici, ma li abbiamo pagati). Non è che questi hanno l'alberello dei soldi, 7 persone stanno indebitano tutti noi per i prossimi 10+ anni. Purtroppo come popolo non abbiamo neanche i mezzi costituzionali per destituirli, solo il parlamento lo può fare, ma non penso che lo faranno mai... Ricorda molto il 1912, solo che qua nessun orchestra suona mentre affondiamo. Magari potremmo chiedere alla task force Covid, pagata da noi (15’000-20’000) CHF cadauno al mese, almeno di suonarci qualcosa.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@MG1986 C'è modo di verificare quanto prendono i taskforzisti?
MG1986 4 mesi fa su tio
@pillola rossa Mah, penso proprio di no. questa non è la priorità, prima la salute delle persone (mi raccomando) :) . è una stima personale basata sulla media di quanto prendono i dipendenti della confederazione con un titolo di studio (Master, dottorato ecc..) ed ho aggiunto un 20-30% per la situazione urgente/eccezionale. che in pratica permette di aprire il nostro portafogli senza far mandati pubblici, ma chiami direttamente l'amico dell'amico, basta che mi garantisci i voti la prossima elezione ;)
MG1986 4 mesi fa su tio
@pillola rossa Mi correggo, a quanto pare li abbiamo a gratis :) quindi non sono tenuti neanche a suonare mentre affondiamo, qui trovate il link di dichiarazione: https://sciencetaskforce.ch/it/home-italiano/
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@MG1986 Che poi siano negli advisory board dei produttori di vaccini è un dato trascurabile, nonostante il cantone li abbia iscritti nella lista delle attività conflittuali. Ma se il controllo delle attività di chi è iscritto in questa lista viene fatto da chi è iscritto a questa lista alla fine è tutto in regola. Qualcuno sa se gli ospedali con reparti covid hanno ricevuto indennità per i posti letto/ricoverati/morti covid? Questo sarebbe un altro dato interessante. Io ho solo sentito dire per vie traverse, ma forse qualcuno ha migliori informazioni.
burningsimon 4 mesi fa su tio
Oramai la Pasqua è persa perché ben pochi prenoteranno vista la totale incertezza che regna sovrana... comunque siamo governati da 7 incapaci che non si rendono conto del tremendo danno economico causato da questo lockdown...
Meck1970 4 mesi fa su tio
Se non si apre tutto per Pasqua, sarà la fine per tanti negozi, ristoranti e tante altre aziende. Politici.... pensateci bene ....
ciapp 4 mesi fa su tio
quando riapriranno i ristoranti hai 7 puffi di Berna bisognerebbe drgli la diffida per un anno in tutti bar e ristoranti della svizzera
seo56 4 mesi fa su tio
Non è il momento di aprire.. la terza ondata é assicurata...
Nano10 4 mesi fa su tio
Considerato il danno e le copiose uscite di miliardi mi raccomando Cassis e CF continuate a fare beneficenza mandando miliardi a destra e sinistra anziché preoccuparsi di mantenerli per la nostra Nazione
ceresade36@gmail.com 4 mesi fa su tio
El consiglio Federale se ha trovato in unasituazione stato praticamente obbligato a reaprire per colpa della gente che no puo aspetare . Che per forza devono andare al negozio perche poveririni magari gli mancano gli scarpe oppure la maglieta corta gia che adesso si arriva in primavera 🙄🤡 Quando verra la tersa oppure la quarta e quinta ondata di covid meterano i vestiti nuovi per girare in centro con tutto chiuso poi raccogliere firme per reaprire tutto e vuolere ridere in fa ia alla autorità Ma cosi no si finira mai questo orrore
Bibo 4 mesi fa su tio
@ceresade36@gmail.com Magari è la gente dei negozi e dei ristoranti che non può fare a mano di riaprire perché fanno la fame? chi ha i piedi al caldo può anche "tifare" perché tutto sia chiuso all'infinito ma chi lavora in quei settori? si deve convivere col virus, punto!
blob 4 mesi fa su tio
@ceresade36@gmail.com Si , Ceresade36@gmail.com, si, se tutti la pensano e ragionano come te hai ragione, non ne usciamo più...............................
macello22 4 mesi fa su tio
Non ci sono parole... A dicembre quando la ristorazione ha chiuso sono aumentati del doppio i contagi, i ricoverati e i decessi perchè non cera un controllo nei negozi, poi finalmetne li han chiusi e in poche settimane siam passati a 30 casi al giorno con 1-2 decessi, chi sa come mai sono calati così tanto i contagi..... Adesso la prima cosa che vogliono riaprire sono io negozi??? che ipocriti... è proprio vero quello che han detto a Patti Chiari venerdì scorso "A marzo ci sarà una nuova impennata dei casi", e certo che cio sarà e lo sanno molto bene che aprendo i negozi ci sarà. Poi con le varianti in giro che dicono siano più contagiose chi sa che impennata che avverrà nemmeno fosse una gara di Bikers. Attualmente i ristoranti hanno un debito di circa 30 Mila Franchi ciascuno, molti sono gia falliti e tanti falliranno ancora, a questo punto mi sorge una domanda spontanea "Non è che vogliono far morire la Ristorazione?" spero vivamente di no. L'anno scorso con i casi giornalieri che avevamo attualmente adesso hanno riaperto tutto con le limitazioni ed era andata bene perchè la gente poteva tornare a fare quello che faceva prima, con limitazioni ma poteva, adesso invece stanno continuando a confinare la popolazione, nemmeno fossimo in una monarchia. Mi piange il cuore vedere un'intera economia spazzata via così, tutti quei bei posticini rustici di conduzione familiare Falliti, i bar di paese Falliti, le aziende che lavorano con la ristorazione sull'orlo del Fallimento o che falliranno ben presto a causa dei debiti di questi 3 mesi. Va bene ad alcuni è andata bene e l'IPG paga 80% dello stipendio lordo dei dipendenti (poi vanno tolte le trattenute, ma le spese fisse chi le paga? l'affitto l'energia le assicurazioni quelle sono a carico del titolare e si parla di una media di 10'000 CHF al mese. Un cuoco preste come stipendio Lordo mensile 4195 CHF, ora l'IPG gli calcola una base di stipendio di 3470 CHF e tolte le deduzioni base prende di netto 2900 CHF mensili, ora una persona sola potrebbe riuscire con molti sacrifici ad arrivare a fine del mese calcolando 1500 CHF di affitto e 500 di Cassa malati gli rimangono 900 CHF per Mangiare e tutte le altre spese come il telefono le assicurazioni ecc. ma un padre/madre di famiglia come si può pretendere che possano pagare tutte le spese.. Sono sconcertato Spero che Massimo Sutter si faccia sentire al più presto.
Thomseb 4 mesi fa su tio
Che Ca___a pazzesca
pillola rossa 4 mesi fa su tio
"il tasso di positività deve essere inferiore al 5%, il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva con pazienti Covid 19 inferiore al 25%, il tasso di riproduzione sotto l'1..." Il tasso di disoccupazione, di assistenza e di suicidi invece chissene
Nano10 4 mesi fa su tio
Berset e CF siete ridicoli con la chiusura dei negozi non essenziali si e' notato e avuto un calo considerevole di contagi e voi cosa fate? continuate ad accanirvi contro la ristorazione e bar quando è assodato e risaputo che non è questa la fonte di pericolo per un eventuale aumento di infezioni e contagi Covid.
Leila2424 4 mesi fa su tio
Impazziremo tutti
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Ristoratori tartassati all'inverosimile
angie2020 4 mesi fa su tio
e spero anche che non regaliate più miliardi a destra ed a sinistra (all'estero), ma questi bei soldini svizzeri, restino in Svizzera ad aiutare coloro che rischiano grosso, che fanno la fame, fame provocata anche da voi bernesi che ronfate!!!
angie2020 4 mesi fa su tio
governo nazionale insufficiente. Negozi si, mezzi pubblici strapieni, frontalieri dalle zone rosse ed arancioni si, e ristoranti e bar (con le dovute precauzioni), chiusi. siete veramente bernesi, andate avanti con il freno a mano tirato. Non meritate quei posti!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 04:19:24 | 91.208.130.87