Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
16 min
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
44 min
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
1 ora
Telecamere nei centri d'asilo per scongiurare le violenze
I dispositivi saranno installati all'esterno e interno delle strutture per migliorare la sicurezza dei richiedenti.
FOTO
TURGOVIA
1 ora
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
2 ore
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
2 ore
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
3 ore
Assicurazione di base: dominano Helsana e CSS
La prima ha guadagnato quasi 300'000 assicurati dal 2016.
BERNA
3 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
SVIZZERA
3 ore
200 nuovi impieghi per Decathlon
Entro la fine del prossimo anno la forza lavoro supererà le 1000 unità
ARGOVIA
3 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
GINEVRA
15 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
20 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
FRIBURGO
20 ore
Incidente al passaggio a livello, 26enne in ospedale
La donna è finita contro il palo della barriera del passaggio, che in quel momento era alzata.
SVIZZERA
22 ore
Sicurezza rafforzata tra le comunità israelite svizzere
Non c'è un particolare timore d'incidenti legati al conflitto in Medio Oriente
SVIZZERA
19.01.2021 - 08:040
Aggiornamento : 10:44

«Il virus mutato è un'ulteriore minaccia per la scuola»

Istituti e classi in quarantena a causa delle più contagiose varianti. E si torna a parlare di insegnamento a distanza

La presidente dell'associazione dei docenti (LCH): «A un certo punto il controllo della pandemia deve essere prioritario»

Fonte 20 Minuten / Daniel Waldmeier e Pascal Michel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Ristoranti e negozi che non vendono beni di prima necessità sono chiusi. Un lockdown “light” che ha risparmiato le scuole. Perlomeno sinora. In questi giorni sono infatti stati registrati diversi episodi in cui una nuova e più contagiosa variante del coronavirus è entrata in aula, mettendo in quarantena centinaia di allievi. Per esempio la scuola media di Morbio Inferiore. Ma casi analoghi si contano anche a Bremgarten bei Bern (BE), Frauenfeld (TG) e Oberwil (BL), dove la misura è scattata per una o più classi.

E si torna dunque a parlare del settore scolastico. La situazione preoccupa Dagmar Rösler, presidente dell'Associazione dei docenti (LCH): «I virus mutati sono una minaccia supplementare. Se la situazione peggiora, si dovrà pensare all'insegnamento a distanza». La sua speranza è che non si debba effettivamente arrivare a questo punto. Ma: «In un determinato momento il controllo della pandemia viene prima di tutto». Si potrebbe però, per esempio, pensare di passare all'insegnamento a distanza perlomeno nelle scuole superiori o professionali, per un periodo limitato, in quanto si tratta di studenti che percorrono un tragitto più lungo.

Genitori preoccupati - Con un aumento di scuole o classi poste in quarantena, diventerà difficile svolgere le lezioni con regolarità. E questo anche a causa della mancanza di insegnanti. La presidente della LCH osserva che già nella situazione attuale ci sarebbe molto malcontento tra docenti e genitori. «Ci sono genitori che si preoccupano per i loro figli». Altri si troverebbero invece in difficoltà per il loro accudimento, nel caso che questi non potessero più frequentare le aule scolastiche.

Ma la responsabilità è della politica, sottolinea ancora Rösler. Se le scuole restano aperte, vanno adottate ulteriori misure per proteggere il personale docente: «Gli insegnanti dovrebbero rientrare tra i gruppi a rischio che ricevono il vaccino in via prioritaria».

«I bambini contagiano i genitori che lavorano da casa» - Secondo Franziska Iff, co-presidente dell'associazione “Bildung Aber Sicher CH” (Istruzione, ma in sicurezza), gli attuali piani di protezione scolastici sarebbe insufficienti. «Purtroppo i bambini trasmettono il virus, come mostrano anche esempi e dati attuali dall'estero. È un fatto che autorità cantonali e federali devono finalmente riconoscere».

E fintanto che le scuole non saranno davvero sicure e quindi il virus continuerà a circolare nelle aule, anche l'attuale obbligo di telelavoro sarebbe inutile: «I genitori possono lavorare da casa, ma poi vengono contagiati dai figli che il virus lo portano a casa da scuola». Una situazione insostenibile, in particolare considerando ora la presenza delle varianti. L'associazione chiede quindi l'insegnamento a distanza per tutti gli allievi.

In questo modo si avrebbero a disposizione alcune settimane per elaborare piani di protezione che consentano una riapertura graduale e sicura degli istituti. Come modello, Iff propone Israele, dove la mascherina è obbligatoria anche nelle scuole elementari e il rientro in classe è avvenuto a più fasi. L'associazione ritiene che l'argomento secondo cui l'insegnamento a distanza non sia efficiente non è sostenibile: «Non sappiamo quasi nulla sugli effetti a lungo termine sui bambini, non possiamo correre rischi».

Per i Cantoni la scuola a distanza è l'ultima ratio - Il fatto che in determinati cantoni vengono messe in quarantena intere classi a causa del virus mutato è soltanto la dimostrazione che vengono applicati i piani di protezione, secondo la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE): «In casi estremi, si può procedere a una chiusura temporanea delle scuole, com'è il caso dall'inizio della pandemia» afferma il responsabile della comunicazione Stefan Kunfermann.

All'inizio di gennaio, il Consiglio federale ha chiesto ai Cantoni di «valutare quali misure potrebbero essere adottate nell'ambito della scuola dell'obbligo, in caso che provvedimenti supplementari diventino inevitabili». Nel frattempo il direttori cantonali della pubblica educazione hanno inoltrato le loro risposte, come fa sapere ancora Kunfermann.

La CDPE è d'accordo sul fatto che l'insegnamento a distanza dovrebbe essere l'ultima ratio. Le scuole hanno infatti una responsabilità sociale. «Sono un luogo di stabilità, continuità e integrazione. Con il virus che si è nuovamente diffuso, molte famiglie si trovano in una situazione difficile. Allo stato attuale le conseguenze di una chiusura delle scuole si farebbero sentire a vari livelli». Questo mercoledì si saprà verosimilmente se anche il Consiglio federale è di questa opinione.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 12:09:53 | 91.208.130.87