Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
58 min
Pioggia di miliardi sul grigio-verde
Gli Stati hanno dato via libera al credito da destinare al programma d'armamento e all'acquisto di materiale e immobili.
SVIZZERA
1 ora
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
1 ora
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
SCIAFFUSA / AFGHANISTAN
4 ore
Fugge da Kabul grazie all'università svizzera
Halima è studentessa presso il SIT, nel canton Sciaffusa, ma fino a pochi giorni fa viveva ancora in Afghanistan
SVIZZERA
4 ore
Nuove rotte per vecchi spalloni
Dalle ceste portate sulla schiena alle valigette zeppe di denaro sporco, storia di contrabbandi di ieri e di oggi
SVIZZERA
10 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
11 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
SVIZZERA
12 ore
Misure anti-Covid, l'invito alla moderazione di Blocher
Pur avendo simpatia per i critici, la situazione attuale non è così grave da giustificare la violazione dei divieti
ZURIGO
12 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
12 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA / STATI UNITI
13 ore
La Svizzera e «tutto quello che abbiamo fatto a favore dell'Unione europea»
Guy Parmelin replica alle affermazioni di Maros Sefcovic
SVIZZERA
14.01.2021 - 14:010
Aggiornamento : 14:57

«L'identità elettronica sicura e con molti vantaggi»

I promotori del referendum contestano che per avere un'identità digitale occorra passare attraverso operatori privati

Ma per il Consiglio federale è invece «sicura e pratica», lo Stato svolge una funzione di controllo e si sfruttano le possibilità del progresso digitale.

BERNA - «Grazie a un'identità elettronica univoca, sicura e semplice riconosciuta dalla Confederazione, le operazioni in rete diventeranno più semplici e pratiche».  Ne è convinta la consigliera federale Karin Keller-Sutter che raccomanda al popolo di respingere, il prossimo 7 di marzo, il referendum contro la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica (legge sull'Ie).

Il parlamento ha approvato la Legge federale sui servizi d'identificazione elettronica nel settembre 2019. Responsabile per il riconoscimento e la supervisione del rilascio della eID sarà un'apposita commissione federale. La società emittente dovrebbe essere Swiss Sign Group, un consorzio che riunisce la Posta Svizzera, le FFS, Swisscom, Six, le grandi banche e le assicurazioni.

In base alla legge, i dati possono essere trasmessi soltanto col consenso esplicito della persona che usa l'Ie, mentre i fornitori possono usare i dati soltanto per l'identificazione. È vietato usarli per altri scopi o trasmetterli a terzi, compresi i servizi online. I dati, inoltre, devono essere memorizzati in Svizzera.

I promotori del referendum - la cui campagna è condotta dall'ong "Digitale Gesellschaft" (Società Digitale) e dall'associazione "Public Beta", con il sostegno dell'Associazione svizzera degli anziani (ASA) - contestano proprio il fatto che per avere un'identità digitale occorra passare attraverso operatori privati. Aziende come banche e compagnie assicurative prenderebbero il posto degli uffici passaporti e gestirebbero i dati sensibili dei cittadini, secondo questa alleanza che può contare sul sostegno di esponenti del PS, dei Verdi, del PLR e del PBD.

Identità elettronica come vantaggio - Nel lanciare oggi la propria campagna a favore della legge, l'esecutivo ha ricordato che l'Ie non è obbligatoria. Tuttavia, tale soluzione offre molti vantaggi. Molte transazioni si svolgono infatti in Internet: chi ordina merci o servizi su un portale privato o statale deve di regola identificarsi, solitamente mediante un nome utente e una password.

Tuttavia, sottolinea il Consiglio federale, nessuna di queste procedure è disciplinata dalla legge in Svizzera. Da qui l'idea di istituire le basi legali per un'identificazione elettronica riconosciuta e controllata, grazie alla quale in futuro si potrà usufruire sul web anche di offerte per le quali è al momento necessario presentarsi di persona, ad esempio per la conclusione di un abbonamento per il cellulare, l'apertura di un conto bancario o l'ordinazione di un estratto del casellario giudiziale.

Lo Stato sempre al centro - In risposta agli scettici, inoltre, l'esecutivo fa notare che lo Stato mantiene i suoi compiti sovrani poiché controlla e conferma, per mezzo dei propri registri, l'identità delle singole persone.

L'attuazione tecnica e la gestione dell'Ie è affidata a fornitori riconosciuti e controllati dalle autorità. Chi desidera un'Ie può scegliere il fornitore, sia esso un'impresa, il Cantone il comune. Se nessuno di essi soddisfa le condizioni legali, in particolare quelle relative alla sicurezza e alla protezione dei dati, lo Stato può rilasciare una propria Ie.

Sfruttare progresso digitale in sicurezza - Questa suddivisione dei compiti, stando al governo, garantisce che lo Stato svolga una funzione di controllo e, dall'altra, che si sfruttino al meglio le possibilità del progresso digitale, un aspetto quest'ultimo che andrebbe a vantaggio anche dell'economia.

Spetterà alla Commissione federale delle Ie (COMIe) riconoscere i fornitori e i loro sistemi tecnici e controllare costantemente il rispetto delle condizioni legali. Dato che la protezione dei dati prevista dalla legge sull'Ie è più severa rispetto alla legge federale sulla protezione dei dati, l'Ie è più sicura dei login usuali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nikko 8 mesi fa su tio
Assolutamente contrario! L’identità elettronica non va messa in mani private! Visto il business con il commercio di dati personali che le tutte le aziende private già fanno sarebbe una soluzione iniqua, gravida di conseguenze imprevedibili anche in futuro!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 10:06:01 | 91.208.130.89