Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 ora
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
4 ore
Brucia una storica falegnameria neocastellana
L'incendio è divampato oggi pomeriggio in una struttura di Chézard-Saint-Martin, nella Val-de-Ruz.
NEUCHÂTEL
5 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
FOTO
SVIZZERA / GRECIA
8 ore
Karin Keller-Sutter ad Atene per discutere di migrazione
Dal 2014 la Svizzera ha contribuito a rafforzare le strutture d'asilo e di accoglienza nel Paese con circa 12 milioni.
SVIZZERA
8 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
GRIGIONI
9 ore
Covid-19: forte aumento di casi in Prettigovia
Circa un terzo dei contagi registrati nei Grigioni avviene nel distretto di Davos.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
10 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
11 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
SVIZZERA
12 ore
Asilo, rinvii di famiglie in Italia di nuovo possibili
L'ha decretato il Tribunale amministrativo federale.
SVIZZERA
14 ore
Si torna al lavoro ridotto nell'industria dell'automobile
La penuria è particolarmente forte per quel che riguarda chip e sensori elettronici.
NEUCHÂTEL
14 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
SVIZZERA
15 ore
Cure infermieristiche: «L'iniziativa va troppo lontano»
Un comitato interpartitico di centro-destra ha presentato le sue argomentazione in vista del voto del 28 novembre.
CANTONE/ SVIZZERA
15 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
ZUGO
16 ore
85enne sbanda e distrugge l'opera d'arte
Ha perso il controllo dell'auto finendo nella piazzetta davanti a un centro commerciale.
SVIZZERA
18 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
SVIZZERA
19.11.2020 - 18:330

Il secondo pacchetto per ridurre i costi della salute non convince nessuno

Il Consiglio federale dovrà trovare soluzioni alternative per abbassare i costi della sanità.

BERNA - Il Consiglio federale dovrà ampiamente rivedere il secondo pacchetto di misure per frenare l'incremento dei costi della salute. Particolarmente controverso è il tetto massimo e il cosiddetto «modello gatekeeper» di prima consulenza. Criticata anche la sola focalizzazione sui costi.

Medici, ospedali, personale di cura, assicuratori, industria farmaceutica, sindacati e direttori cantonali della sanità respingono completamente o perlomeno in parte il pacchetto. E quelli che in linea di principio accolgono favorevolmente gli elementi centrali proposti, sono insoddisfatti della loro concretizzazione e chiedono miglioramenti oppure presentano alternative. È quanto emerge dalla procedura di consultazione che si conclude oggi.

Due punti centrali - I punti centrali del secondo pacchetto di misure presentato dal governo quale controprogetto indiretto all'iniziativa popolare "Per premi più bassi - Freno ai costi nel settore sanitario (Iniziativa per un freno ai costi)" depositata dal PPD sono due.

Si tratta da un lato di una sorta di tetto massimo per l'aumento dei costi - ad esempio nei settori delle cure ospedaliere stazionarie, delle cure mediche ambulatoriali o dei medicamenti - fissato annualmente da Confederazione e Cantoni, e dall'altro di una prima consulenza obbligatoria cui rivolgersi per problemi di salute, ad esempio un medico di famiglia, uno studio medico HMO (studio medico associato) o un centro di telemedicina. Le prime consulenze consigliano i pazienti, dispensano loro direttamente prestazioni di cura o li indirizzano a specialisti. Il pacchetto comprendente dieci misure dovrebbe permettere di risparmiare circa un miliardo di franchi.

Bozza «troppo poco maturata» - La reazione di principio più positiva arriva dalla Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), che sostiene la maggioranza delle misure. Ma per quanto riguarda l'attuazione ed efficacia dell'obiettivo di contenimento dei costi e della prima consulenza restano molte domande in sospeso: la bozza è «troppo poco maturata». Il tetto massimo così come proposto praticamente non è realizzabile.

Anche per l'Unione sindacale svizzera (USS) la prima consulenza va nella giusta direzione, ma anche secondo essa servono ancora diversi adeguamenti per l'applicazione concreta. L'USS propone l'introduzione di un centro di consulenza e coordinamento delle prestazioni; potrebbe trattarsi dei medici di famiglia e pediatri, dei centri HMO o degli ambulatori. L'Unione sindacale respinge invece l'introduzione di un obiettivo nazionale globale di contenimento dei costi, in quanto dubita che permetterebbe di risparmiare in maniera efficace.

FMH più contraria - La Federazione dei medici svizzeri FMH boccia entrambi gli elementi centrali del pacchetto: con un obiettivo vi saranno tempi d'attesa e rinvii. Un tetto massimo, rispettivamente un budget globale, è la misura con gli effetti più gravosi per la cura dei pazienti in quanto conduce a una medicina a due classi. Un timore espresso anche da altri partecipanti alla procedura di consultazione.

Secondo FMH una prima consulenza obbligatoria per tutti rappresenta inoltre l'abolizione della libera scelta del medico. Oggi quasi due terzi degli assicurati hanno aderito a un modello medico di famiglia o HMO e beneficiano così di sconti sui premi. Per l'associazione una misura promettente per contenere i costi sarebbe invece il finanziamento unitario di prestazioni ambulatoriali e stazionarie.

Per l'Associazione svizzera infermieri (ASI) la pura regolazione tramite le finanze comporta il rischio di voler raggiungere l'aspirato aumento dell'efficienza sulle spalle del personale sanitario. Considerata la penuria di effettivi e l'elevato tasso di lavoratori che lasciano il settore, ciò avrebbe effetti negativi sulle cure. L'ASI definisce poi vetusto il modello gatekeeper: a suo avviso è incomprensibile perché la prima consulenza può essere solamente effettuata da medici.

Soluzioni troppo burocratiche - In linea di massima l'associazione degli assicuratori malattia Santésuisse si esprime a favore dei due punti principali del pacchetto, ma propone a sua volta alternative poiché considera troppo burocratiche le soluzioni avanzate dal Consiglio federale e così non sono possibili veri effetti di contenimento dei costi.

L'associazione degli assicuratori malattia Curaviva respinge invece le proposte del governo, in quanto limitano la concorrenza, peggiorano le condizioni quadro per l'innovazione e indeboliscono il partenariato tariffale. Gli adeguamenti previsti rappresentano "la statalizzazione del sistema sanitario". A suo modo di vedere sarebbe meglio migliorare le condizioni quadro attuali e attuare con fermezza le riforme già decise.

Per l'associazione delle imprese farmaceutiche che fanno ricerca Interpharma la delega della fissazione dei prezzi al Consiglio federale è inaccettabile: il governo vuole creare una base legale per modelli di prezzo. In linea di principio l'organizzazione si dice però pronta a sostenerli qualora migliorino l'accesso ai pazienti. Complessivamente - sostiene Interpharma - la focalizzazione sui costi non contribuisce a un sistema sanitario durevole e orientato al futuro.

La Federazione delle imprese svizzere Economiesuisse boccia entrambi gli elementi centrali del pacchetto: a suo avviso si può influire al meglio sui costi rafforzando la concorrenza delle prestazioni. Questo approccio decentralizzato conduce a metodi di cura migliori e a un rapporto più vantaggioso tra costi e prestazioni mediche.

Il Consiglio federale aveva presentato già nell'agosto 2019 un primo pacchetto di misure per contenere i costi nel sistema sanitario; molte delle nove proposte rischiavano però di essere respinte, pertanto il Consiglio nazionale ha suddiviso in due parti il progetto in modo da potersi concentrare sulle misure meno controverse.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 00:55:29 | 91.208.130.89