SUVA
SVIZZERA
27.10.2020 - 09:400

In bici nonostante il buio, ma con testa

SUVA lancia la campagna "Bici" per sensibilizzare i ciclisti e tutti gli utenti della strada

BERNA - 20'000 sinistri in un anno. 7'000 solo tra ottobre e marzo. Sono i numeri degli incidenti stradali con la bicicletta. Una situazione che ha portato la SUVA a intraprendere proprio in questo periodo una campagna di sensibilizzazione: quando le giornate si raccorciano è ancora più importante che i ciclisti siano visti dagli altri utenti della strada. «Chi rende ben visibile se stesso e la propria bici al buio evita di ritrovarsi in situazioni di pericolo».

Al buio e nella luce crepuscolare gli occhi hanno una ridotta capacità di percepire i contrasti. Un ciclista compare nel campo visivo all'ultimo momento, creando una situazione di pericolo che nei mesi invernali provoca spesso degli infortuni. La Suva raccomanda vivamente di prestare attenzione alla visibilità.

I ciclisti hanno l'obbligo di avere una luce che funzioni. «Applicando dei riflettori ai raggi della ruota si può aumentare la visibilità e quindi la sicurezza», spiega Raphael Ammann, responsabile della campagna "Bici" della Suva. «Anche indossare abiti riflettenti aiuta a essere visti per tempo dagli altri utenti della strada. Pure il casco può essere dotato di riflettori e di illuminazione» prosegue Ammann.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 03:15:06 | 91.208.130.89