Keystone
Markus Berger
SVIZZERA
22.10.2020 - 15:350

Svizzera sulla lista nera tedesca: «Altra sberla al turismo»

Svizzera Turismo commenta la decisione della Germania.

Se in questo periodo gli effetti negativi saranno piuttosto limitati, c'è preoccupazione in vesta del periodo natalizio.

BERNA - Il turismo svizzero ha subito oggi un altro colpo pesante quando la Germania ha inserito la Confederazione nella lista dei Paesi a rischio per la sua situazione epidemiologica legata al coronavirus. Finché tale classificazione rimarrà in vigore, immaginarsi l'arrivo di turisti tedeschi sarà difficile.

Prima fase - Svizzera Turismo sta esaminando il contesto in tre fasi, ha dichiarato il portavoce Markus Berger all'agenzia Keystone-ATS. La prima tappa riguarda la stagione autunnale e quei turisti tedeschi che stanno partendo oppure l'avrebbero fatto nelle prossime due settimane. Per questo target la decisione del governo di Berlino è estremamente spiacevole e deplorevole, oltre a rappresentare un duro colpo per il settore.

Seconda fase - La seconda fase copre i prossimi uno o due mesi. Tradizionalmente però tale periodo non è molto importante per il turismo elvetico e anche normalmente gli stranieri che arrivano sono pochi, sottolinea Berger. «Abbiamo avuto fortuna nella sfortuna, visto che ora i viaggi sono generalmente piuttosto rari. Questo ci dà la possibilità che le misure adottate dalla Confederazione facciano effetto» e che la decisione della Germania venga revocata, ha proseguito l'addetto stampa.

Terza fase - La terza tappa coincide con la stagione invernale, che per gli stranieri di solito inizia a Natale. «Per allora speriamo che la situazione si sia normalizzata», afferma Berger. Pertanto, almeno per il momento, l'industria del turismo elvetico sta pianificando una normale attività con ospiti tedeschi, affidandosi ai piani di protezione che già in estate si erano dimostrati validi.

Nel suo elenco ritoccato a rischio-Covid, valido da sabato, la Germania, oltre alla Svizzera, ha inserito oggi pure Liechtenstein, Belgio, Olanda, Polonia, Cechia, diverse regioni di Italia e Austria, così come una della Danimarca. Ciò non implica un divieto di viaggio, bensì, sulla falsariga di quanto accade anche nella Confederazione, l'obbligo per chi entra su suolo tedesco da questi Stati di osservare un periodo di quarantena. Deroghe sono tuttavia previste per i sette Cantoni confinanti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-21 18:32:11 | 91.208.130.89