Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
59 min
La Svizzera estende le sanzioni contro il Nicaragua
Le nuove disposizioni colpiscono sette persone e tre organizzazioni che sostengono il presidente Daniel Ortega.
SVIZZERA
1 ora
«Una nuova crisi in Europa sarebbe disastrosa»
Da Ginevra Ignazio Cassis esprime preoccupazione per un eventuale deterioramento della situazione in Ucraina.
BERNA
2 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
3 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
FRIBURGO
4 ore
Le truffe con i falsi poliziotti si moltiplicano
I tentativi di fronde si stanno registrando in diversi cantoni.
BERNA
4 ore
Deduzione più elevata per la cura dei figli da parte di terzi
In futuro sarà possibile dedurre annualmente fino a 25 mila franchi per ogni figlio.
SVIZZERA
5 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
5 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
5 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
FOTO
BASILEA CITTÀ
5 ore
Un uomo muore tra le fiamme del suo appartamento
L'incendio è divampato questa mattina in un edificio situato sulla riva destra del Reno, a Basilea.
SVIZZERA
6 ore
«Si tratta di un attacco diretto alla Croce Rossa»
Il vasto attacco informatico ha preso di mira proprio i server dell'organizzazione e non la società che li ospita.
SVIZZERA
7 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
8 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
10 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
10 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
SVIZZERA
10 ore
Maurer bacchetta i media: «Hanno fatto pressione per gli inasprimenti»
Per il consigliere federale Omicron non è più di tanto pericoloso quindi le misure potrebbero anche essere revocate
SVIZZERA
12 ore
Divieto di sperimentazione sugli animali? Si rafforza il fronte dei contrari
Resta alto il consenso per l'iniziativa contro la pubblicità per il tabacco, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
FOCUS
GINEVRA/LUGANO
12 ore
Gli affari della "principessa" con un piede in Ticino
La figlia dell'ex dittatore kazako Nazarbayev ha dato nell'occhio, dopo le proteste nel paese d'origine
SVIZZERA / GERMANIA
22 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
1 gior
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
1 gior
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
1 gior
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
1 gior
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
1 gior
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
1 gior
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
1 gior
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
1 gior
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
1 gior
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
SVIZZERA
03.09.2020 - 00:020

Tutto quello che c'è da sapere su come vivremo i grandi eventi

Domande e risposte su come dovremo comportarci nelle manifestazioni con più di mille persone a partire dal 1° ottobre

BERNA - Per chi aspettava con ansia il ritorno dei grandi eventi ci sono buone notizie. Dal 1° ottobre saranno di nuovo consentite le manifestazioni con più di mille partecipanti e l'Ufficio federale della sanità pubblica ha divulgato oggi le domande e risposte al riguardo. Si parla dunque di concerti, rappresentazioni teatrali, congressi, eventi sportivi e altre manifestazioni al chiuso e all’aperto. Per ogni manifestazione dovrà essere presentato un piano di protezione e la stessa dovrà essere autorizzata dal Cantone interessato. Per le partite di campionato delle leghe nazionali di disco su ghiaccio e di calcio si applicano disposizioni più severe.

1. Quali sono le grandi manifestazioni in questione? Le regole valgono solo per gli eventi sportivi e culturali? 

Per grande manifestazione s’intende un evento pubblico o privato, limitato nel tempo, svolto in uno spazio o su un perimetro definiti e che comprende più di 1 000 visitatori o partecipanti. Un evento in tal senso di regola persegue un obiettivo definito e segue un programma. Le persone si trattengono quindi per un tempo piuttosto lungo nello stesso luogo (come a teatro, ai concerti, ai congressi, alle cerimonie religiose e alle competizioni sportive) o partecipano attivamente (come accade negli eventi che riguardano lo sport di massa).

2. Le fiere, i parchi di divertimento, le manifestazioni carnevalesche o religiose sono anch’essi soggetti all’obbligo di autorizzazione?

Gli eventi paragonabili a negozi e a mercati non rientrano in questo disciplinamento, ossia ad esempio le fiere, le esposizioni commerciali o i parchi di divertimento, in cui le persone si muovono tra gli spazi di vendita o espositivi in modo ordinato. Ma anche per questi eventi il gestore deve elaborare e attuare un piano di protezione. Tuttavia i cortei, come ad esempio quelli carnevaleschi o quelli legati a celebrazioni religiose, sono considerati manifestazioni e pertanto devono essere autorizzati, se il numero di visitatori o di partecipanti supera le 1 000 persone.

3. Chi decide di autorizzare un evento?

I Cantoni sono competenti per il rilascio delle autorizzazioni.

4. Perché non tutte le grandi manifestazioni sono soggette all’obbligo di autorizzazione da parte di un’autorità federale?

Nella situazione particolare la competenza per i provvedimenti di protezione della popolazione incombe ai Cantoni. Per questo i Cantoni possono anche valutare se, ad esempio, la situazione epidemiologica consente di autorizzare una grande manifestazione sul proprio territorio. Per questo devono prendere in considerazione anche le condizioni locali (come il luogo della manifestazione, i settori di accesso).

5. Quali condizioni devono essere soddisfatte affinché il Cantone possa autorizzare una manifestazione?

Per le grandi manifestazioni devono essere adempiti i seguenti criteri di autorizzazione:
• la situazione epidemiologica nel Cantone o nella regione interessata consente lo svolgimento della manifestazione;
• il Cantone dispone delle capacità necessarie per il tracciamento dei contatti;
• l’organizzatore presenta un’analisi dei rischi e un piano di protezione corrispondente.
Quest’ultimo deve prevedere misure chiare e severe (p. es. rispetto coerente della regola della distanza o obbligo della mascherina). Inoltre vige l’obbligo generale di stare seduti in posti personalizzati, a meno che il Cantone non abbia eccezionalmente autorizzato posti in piedi in determinati settori per le manifestazioni all’aperto (gare di sci, corse ciclistiche, feste di paese).

6. Nell’ambito dell’evoluzione epidemiologica c’è un valore soglia oltre il quale una grande manifestazione non è più possibile?

Si rinuncia a stabilire valori soglia fissi per valutare la situazione epidemiologica. I numeri di casi nei Cantoni possono anche essere riconducibili a situazioni epidemiologiche differenti all’interno di un Cantone (p. es. un focolaio locale o un gran numero di viaggiatori rientrati dall’estero e risultati positivi al test). Anche i tassi di ospedalizzazione e altri parametri non possono essere stimati dappertutto allo stesso modo. Le autorità cantonali competenti devono osservare costantemente la situazione epidemiologica e adottare i necessari provvedimenti. Per ragioni di trasparenza e di affidabilità, i Cantoni devono agire sulla base di piani; così il piano di allarme graduato elaborato dai Cantoni, ad esempio, può servire da linea guida.

7. L’obbligo dei posti a sedere vale anche per le manifestazioni come le gare di sci?

Per principio sì. I Cantoni possono però autorizzare posti in piedi nei settori destinati al pubblico per le manifestazioni all’aperto, come le gare di sci alpino, di sci di fondo o ciclistiche, oppure le feste di paese. Tuttavia nei settori di partenza e di arrivo o in quelli destinati a ospitare un palco i posti in piedi non sono indicati.

8. Oltre all’obbligo dei posti a sedere per le rappresentazioni teatrali o i congressi sono previste altre condizioni?

Ad eccezione dell’obbligo di sedersi in posti personalizzati e di rispettare le regole fondamentali di distanziamento e di igiene non sono previste condizioni specifiche. Questo perché le manifestazioni e quindi anche il comportamento dei partecipanti possono essere molto diversi. La situazione in un concerto di musica classica è diversa da quella di un concerto rock o di un evento sportivo. Ogni  organizzatore deve presentare un piano di protezione che contenga un’analisi dei rischi. Quest’ultima deve tener conto anche del comportamento del pubblico e delle condizioni del luogo. Dev’essere disciplinata in modo chiaro la gestione dei flussi di persone prima, durante e dopo la manifestazione. Inoltre dev’essere stabilito se vige l’obbligo della mascherina, se devono essere tenuti liberi dei posti a sedere o a quante persone consentire l’accesso o come viene gestito o eventualmente limitato il piano di ristorazione. È anche importante chiarire con le autorità competenti e le aziende di trasporto locali il flusso di persone davanti al luogo in cui si svolge la manifestazione.

9. Vale sempre la regola secondo cui possono essere ammesse solo 300 persone per settore?

L’obbligo dei settori vale solo per le manifestazioni con al massimo 1 000 persone. Per le grandi manifestazioni devono essere previsti posti a sedere personalizzati e il flusso delle persone deve essere disciplinato con precisione nel piano di protezione. Pertanto i settori non sono necessari. Se però nelle grandi manifestazioni sono ammessi eccezionalmente posti in piedi, come ad esempio nelle gare di sci, allora vige anche qui l’obbligo dei settori. Partite di campionato delle leghe nazionali di disco su ghiaccio e di calcio

10. Perché le partite delle leghe nazionali di disco su ghiaccio e di calcio sono disciplinate diversamente dalle altre grandi manifestazioni?

Le autorizzazioni per le partite di campionato nel settore professionistico, segnatamente nelle leghe di disco su ghiaccio e di calcio, devono essere gestite in modo uniforme in tutta la Svizzera. Riguardo ai relativi piani di protezione si applicano quindi prescrizioni materiali più dettagliate. Esse comprendono in particolare l’obbligo di stare seduti, inclusi i posti a sedere personalizzati e l’obbligo della mascherina. Non devono essere offerti contingenti di posti per i sostenitori della squadra ospite. Nel settore della ristorazione è permesso il consumo solo da seduti.

11. Quanti spettatori troveranno posto in uno stadio?

Nelle sale chiuse e negli Stadi aperti può essere assegnata solo i due terzi dei posti a sedere disponibili.

12. Cosa significa consumo da seduti nel settore della ristorazione? Non ci sono più gli stand di ristoro allo stadio?

Nei punti di ristoro possono essere acquistati bevande e prodotti alimentari, da consumare però solo da seduti, al tavolo nel settore dedicato alla ristorazione oppure al proprio posto nel settore degli spettatori. Controllo sul posto e sicurezza della pianificazione

13. Chi controlla se i piani di protezione sono effettivamente attuati e rispettati?

Innanzitutto gli organizzatori devono sorvegliare il rispetto da parte dei visitatori dei provvedimenti adottati e intervenire in caso di infrazione. Ai Cantoni compete il controllo ufficiale.

14. La Confederazione può intervenire presso un Cantone e vietare una grande manifestazione da esso autorizzata?

No, la responsabilità della decisione e dell’esecuzione è dei Cantoni.

15. Qual è il margine di manovra dei Cantoni nell’autorizzazione di grandi manifestazioni?

I Cantoni valutano le manifestazioni e i piani di protezione e decidono in merito all’autorizzazione. Se la situazione epidemiologica peggiora e il tracciamento dei contatti non è più garantito, un Cantone può rendere più severe le prescrizioni e, ad esempio, ridurre il numero massimo di persone o esigere che si indossi la mascherina.

16. Che sicurezza hanno gli organizzatori nella pianificazione di una manifestazione dal momento in cui il Cantone ha rilasciato l’autorizzazione?

Se la situazione epidemiologica tra il momento del rilascio dell’autorizzazione e lo svolgimento della grande manifestazione peggiora, il Cantone può revocare l’autorizzazione già concessa. Evidentemente, per correttezza, deve farlo il più presto possibile. Lo stesso vale se il Cantone non è più in grado di adeguare le capacità per il tracciamento dei contatti alla nuova situazione epidemiologica in modo sufficientemente rapido. In tal caso la manifestazione potrebbe eventualmente svolgersi con un numero inferiore di visitatori.

17. Gli organizzatori ricevono un indennizzo in caso di revoca dell’autorizzazione?

No. Un organizzatore non ha diritto ad alcun indennizzo di responsabilità civile né in caso di mancato rilascio, né in caso di revoca di un’autorizzazione. La legge sulle epidemie non prevede un tale obbligo di indennizzo. Solo in pochi Cantoni è prevista la possibilità di ottenerlo.

 

Allegati
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 18:57:39 | 91.208.130.85