Immobili
Veicoli

SVIZZERALa Posta e le FFS colpite da un'ondata di phishing mail

17.08.20 - 15:23
Le due aziende mettono in guardia i clienti: «I messaggi vanno cancellati e non bisogna aprire nessun link»
Archivio Depositphotos
Fonte ATS
La Posta e le FFS colpite da un'ondata di phishing mail
Le due aziende mettono in guardia i clienti: «I messaggi vanno cancellati e non bisogna aprire nessun link»

BERNA - La Posta Svizzera e le FFS sono state prese di mira da cybercriminali e migliaia di e-mail false sono state inviate ai loro clienti. I messaggi con il mittente presse@post.ch devono essere cancellate immediatamente e i link non vanno aperti, avverte la Posta precisando che le mail ufficiali vengono spedite dall'indirizzo notifications@post.ch. L'ex regia ha immediatamente pubblicato un avviso sul suo sito e ha segnalato i casi alla Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione della Confederazione (Melani).

In linea di massima la Posta non richiede ai propri clienti dati personali come password o numeri di carte di credito per telefono o e-mail. Inoltre non chiede una somma di denaro per la consegna a domicilio di un pacco o di una lettera.

La Posta si dice desolata per questo inconveniente e consiglia ai propri clienti di contattare il Servizio clienti (Centro telefonico 0848.888.888) o di visitare il sito web in caso di chiamate o messaggi sospetti.

Anche le FFS prese di mira - Anche le FFS sono state prese di mira da truffatori. Come riportato sul loro sito web, è stato registrato un aumento di mail con malware e di phishing. Questi hanno lo scopo di ottenere dati personali come il login per il ticket shop o d'infettare il computer o lo smartphone tramite un link o un allegato. I truffatori utilizzano gli indirizzi mail delle FFS che hanno falsificato. L'azienda raccomanda quindi estrema cautela in caso di e-mail sospette con allegati o link.

NOTIZIE PIÙ LETTE