Archivio Keystone
Militi dell'Esercito svizzero trasportano via elicottero acqua per le mucche fino all'alpe, a Schänis (SG) in una foto del 2018.
SVIZZERA
09.08.2020 - 09:550

«Il riscaldamento climatico sta bruciando le nostre Alpi»

Fra ghiacciai in fusione, siccità e frane l'allarme dell'Iniziativa delle Alpi: «Non si può più tergiversare»

BERNA - Il riscaldamento climatico mette sempre più in pericolo la regione alpina: lo denuncia l'Iniziativa delle Alpi, che in questo fine settimana ha accesso dei piccoli falò - poi riuniti in forma digitale - per ricordare l'importanza del trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia, riducendo in tal modo le emissioni di CO2.

«Le montagne bruciano», è lo slogan lanciato in un comunicato dall'organizzazione ambientalista. Per via della situazione dovuta alla pandemia e alla siccità il tradizionale falò è stato ridimensionato e scomposto in molti piccoli fuochi pubblicati via Instagram. Le numerose «scritte infuocate» ricevute dai membri in tutta la Svizzera sono state poi composte insieme, a formare un quadro complessivo.

L'Iniziativa delle Alpi denuncia quella che considera una mancanza di azione. «Abbiamo bisogno di una politica climatica più coraggiosa, che ammetta che solo a fatica riusciamo a cambiare direzione», afferma il presidente Jon Pult, citato nella nota. «Perciò dobbiamo prendere anche misure drastiche. Non è più possibile tergiversare».

Mente gli svizzeri vanno in montagna e condividono le immagini dei panorami sui social la situazione è grave: l'arco alpino è più in pericolo di quanto si pensi, sostiene l'organizzazione. I ghiacciai stanno morendo, il permafrost si scioglie rapidamente e le montagne franano con paurosa rapidità. I conseguenti scoscendimenti, uniti alle occasionali forti piogge dovute anch'esse al cambiamento climatico, fanno scendere a valle masse di detriti che minacciano la natura e la vita delle persone.

Da anni l'Iniziativa delle Alpi auspica contromisure che proteggano l'ambiente. Chiede che sia accelerato il trasferimento del traffico merci dalla gomma al ferro, più favorevole al clima, e che siano massicciamente ridotte le emissioni di CO2 del rimanente traffico pesante. Anche per i camion devono valere obiettivi di riduzione del CO2 e la tassa sul traffico pesante va completata con un elemento relativo alle emissioni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 18:10:21 | 91.208.130.89