Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
41 min
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
1 ora
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
2 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
2 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
4 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
5 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
6 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
7 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
SVIZZERA
19.07.2020 - 08:040
Aggiornamento : 12:38

Vacanze in paesi a rischio: «Non è possibile controllare tutti»

Il direttore della sezione crisi dell'UFSP è chiaro: la Svizzera si affida alla responsabilità personale.

Ma i Cantoni possono effettuare controlli a campione: si rischia una multa fino a 10'000 franchi.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) effettuerà controlli a campione sul rispetto dell'obbligo di quarantena per chi rientra da Paesi a rischio. Ad annunciarlo venerdì è stato il direttore della sezione crisi e collaborazione internazionale Patrick Mathys. Ogni settimana saranno controllate le liste dei passeggeri di 20-30 voli in arrivo in Svizzera, come pure gli autobus che effettuano trasporti internazionali.

L'UFSP effettuerà un triage e trasmetterà le informazioni ai Cantoni interessati, i quali potranno a loro volta effettuare controlli a campione per verificare se le persone si sono registrate presso le autorità cantonali e sono in quarantena. Per chi non rispetta l'obbligo di quarantena è prevista una multa fino a 10'000 franchi.

Ma la Confederazione continuerà a puntare sulla responsabilità personale dei singoli. E in periodo di vacanze estive, chi parte è tenuto a informarsi. «Non è possibile operare un controllo completo - ha spiegato Mathys in un'intervista rilasciata alla SRF -. Non si può e non lo vogliamo. Non sarebbe nello "stile svizzero". Effettueremo controlli casuali, li adegueremo al volume dei passeggeri e li trasmetteremo ai Cantoni. Se necessario, i controlli verranno migliorati o resi più "rigorosi"».

Un "problema" potrebbe essere il controllo di chi non vola dagli aeroporti svizzeri e chi viaggia con la propria auto targata svizzera. «Purtroppo non è possibile reperire alcuna informazione su queste persone né appurare se sono state in uno dei Paesi a rischio per cui è richiesta la quarantena» evidenzia ancora Mathys.

Non ci sono mezzi per impedire l'importazione da fuori di casi di coronavirus. «Ma - assicura il direttore della sezione crisi dell'UFSP - faremo in modo di mantenere il tasso dei casi importati il più basso possibile». A questo scopo mira la misura della quarantena. «Ma se la gente va in giro, bisogna fare i conti con la circolazione del virus. D'altra parte, anche gli svizzeri che vanno in vacanza possono esportarlo in altri paesi».

In linea di principio, i Cantoni sono responsabili del controllo delle misure previste per contenere i contagi. La lista di paesi che comportano l'obbligo di quarantena attualmente conta 29 nomi. Ma (probabilmente entro mercoledì) sarà aggiornata con un'altra dozzina di Stati.

Meno della metà in quarantena - Meno della metà delle persone che rientrano da Paesi a rischio sono in quarantena. La NZZ am Sonntag ha calcolato che dall'introduzione di questa misura obbligatoria, il 6 luglio, circa 6000 persone sono arrivate da Paesi a rischio negli aeroporti di Ginevra, Zurigo e Basilea.

In base ai dati forniti dai cantoni, il 17 luglio erano tuttavia soltanto 2328 le persone in quarantena e 630 quelle in isolamento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 17:36:05 | 91.208.130.85