20 Minuten
BASILEA CAMPAGNA
13.06.2020 - 21:310

Mea culpa dopo aver trattato un bambino come un criminale

Un bimbo di 8 anni era stato bersaglio della polizia dopo che aveva provato a pagare con delle banconote finte.

La direttrice del Dipartimento di sicurezza di Basilea Campagna ha presentato le sue più sentite scuse per l'accaduto.

BASILEA - Interrogatorio, foto segnaletiche e perquisizione in casa. È durata non meno di tre ore la procedura di polizia nei confronti di un ragazzo di 8 anni e di suo fratello di 10 anni, trattati come delinquenti dalla Polizia di Basilea Campagna. Il loro crimine? Scherzosamente hanno chiesto se potevano comprare qualcosa con delle banconote finte in un negozio di alimentari Volg a Diegten (BL). Finti euro che i due bambini si erano procurati in marzo, quando erano state lanciate in aria in occasione del carnevale di Sissach.

La vicenda, rivelata questa settimana dalla Basler Zeitung e ripresa dalla stampa internazionale (The Guardian e Frankfurter Allgemeine Zeitung, ad esempio), ha conosciuto il suo (possibile) epilogo ieri. Dopo che il personale del negozio Volg si era già scusato con il minore e la sua famiglia per aver denunciato il suo "crimine" alla polizia, è stato il turno della direttrice del Dipartimento di sicurezza di Basilea Campagna. 

«Abbiamo esagerato» - Kathrin Schweizer ha chiamato venerdì la famiglia del giovane "contraffattore", ammettendo che la polizia ha esagerato. È stata inviata anche una lettera ufficiale di scuse. La direttrice ha quindi fatto mea culpa, ammettendo che non era necessario redigere un verbale e scattare foto dei bambini. La polizia, in effetti, non aveva preso le cose alla leggera: i video di sorveglianza sono stati esaminati fino a quando i "colpevoli" sono stati identificati, un buon mese dopo i fatti. Un agente ha quindi chiamato la famiglia, spiegando che i bambini avevano commesso atti gravi. «Ho detto che avremmo collaborato, ma dopo la telefonata, temendo il peggio, ho pianto come una fontana», aveva raccontato la madre, scioccata.

Solo il più piccolo era colpevole - Dopo un lungo interrogatorio, l'ostinato inquisitore aveva concluso che solo il più piccolo dei due fratelli si era reso colpevole di «mettere in circolazione denaro contraffatto». Secondo il padre dei ragazzi, l'ufficiale di polizia sembrava deluso di non poter accusare il fratello maggiore. A dieci anni, avrebbe potuto essere processato dalla giustizia minorile, a differenza del più giovane. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-29 23:47:36 | 91.208.130.89