Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 min
La quarta dose presto realtà
La vaccinazione è consigliata alle persone con un sistema immunitario indebolito.
SVIZZERA
2 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
2 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
SVIZZERA
3 ore
Donazione organi: gli anziani saranno seguiti e consigliati
Pro Senectute continuerà a sostenere i futuri donatori attraverso una consulenza personale.
ARGOVIA
3 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
BERNA
4 ore
Uccise 15 animali, Berna dà l'ok all'abbattimento di una lince
Le autorità cantonali hanno identificato il felino in questione.
SVIZZERA
4 ore
Gli svizzeri hanno fatto migliaia di buone azioni
La terza «Giornata della buona azione» di Coop ha dato vita a un'ondata di sostegno in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
5 ore
Martore, occhio alle macchine
Il bilancio dell'assicuratore AXA, che ha pubblicato dei consigli per evitare i rosicchiamenti
SVIZZERA
6 ore
Senza nazionalità ucraina, senza statuto S
Chi è originario di uno stato africano o dell'India «subisce discriminazione nella politica di asilo. Anche in Svizzera»
SVIZZERA
6 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
15 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
15 ore
Sei vincitori per una storia fantasy che supera le barriere linguistiche
Nel fine settimana si è svolto il concorso nazionale Linguissimo
SVIZZERA
17 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
FOTO
TURGOVIA
20 ore
Brucia condominio, danni per centinaia di migliaia di franchi
Non ci sono feriti, le cause del rogo sono ancora da chiarire
ZURIGO
21 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
25.11.2019 - 07:450
Aggiornamento : 14:30

«A 16 anni già in burnout», l'ecatombe mentale dei nostri ragazzi

Giovani e giovanissimi in cura psichiatrica sono raddoppiati negli ultimi dieci anni, le loro storie: «La mattina non riuscivo ad alzarmi dal letto»

di Redazione
BZ/ZAF

ZURIGO - Giovani e giovanissimi vittima di stress e ansia, tanto da dover necessitare di cure psichiatriche e/o psicoterapia. Il (preoccupante) ritratto dell'Osservatorio svizzero della salute vede un'impennata di casi negli ultimi dieci anni: da 27'580 (2006) a 48'300 (2017).

Al contempo c'è un raddoppio (e più) dei casi di 18enni che si presentano ai servizi ambulatoriali di pischiatria. In crescita anche i numeri di ricoveri minorili: dal 2012 al 2017 si va da 3'400 a 5'100. In un caso su tre, i dottori diagnosticano disturbi gravi come depressione o manie.

Quel mostro nero che si chiama depressione - «Quando avevo 16 anni, la mattina non riuscivo ad alzarmi dal letto», racconta a 20 Minuten Victoria* (oggi 24enne) e si dava frequentemente malata e non frequentava il suo tirocinio: «Soffrivo di ansia perché pensavo di dover essere perfetta, ed ero depressa perché avevo l'ansia, insomma: un circolo vizioso».

Una volta perso il posto, il crollo: «Ho pensato più volte di farla finita». Dopo un ricovero in ospedale e terapia in clinica può dire di essersi rialzata: «La depressione però farà sempre parte di me, così come la paura di fallire».

«Da quando ho memoria mi hanno sempre bullizzato» - «Sono finito in clinica a 16 anni», racconta invece Daniel* (oggi 21enne), «mi ci ha mandato mio papà, mi facevo schifo tutto, volevo morire».

Nel suo caso tutto parte dal bullismo: «Mi hanno bullizzato da quando ho memoria, sono sempre stato un solitario. Mi picchiavano, mi insultavano, dicevano che non valevo nulla. Riguardandosi indietro, punta il dito contro la scuola: «Non hanno mai fatto niente per aiutarmi... Se sono intervenuti, lo hanno fatto sempre troppo tardi».

La psichiatra: «Situazione preoccupante» - Dagmar Pauli, primaria di psichiatria dell'Ospedale universitario di Zurigo, parla di una vera e propria epidemia: «Sempre più spesso abbiamo in cura ragazzi delle scuole che soffrono di ansia, alcuni hanno già avuto dei burnout.

Sono costantemente sotto pressione per apparire al top: a scuola, dove non possono sgarrare, ma anche nella vita privata. E qui c'entrano i social network. Devi essere bellissimo/a, fare un sacco di cose interessanti da postare su Instagram e rispondere a tutti su WhatsApp».

Ma i genitori, dove sono? «È questa la cosa più drammatica, non ci sono nemmeno loro, assorbiti dall'online: fra vita lavorativa e relazioni personali. Il loro comportamento si ripercuote direttamente quello dei ragazzi. Le famiglie difficilmente hanno tempo di rilassarsi assieme», conclude Pauli.

*nomi noti alla redazione

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 2 anni fa su tio
La causa e che hanno tutti i diritti e nessun dovere. Non ritorniamo ai tempi ,non c'erano psichiatri psicologhi ecc,,,, I genitori si rivolgevano al maestro , sindaco, prete, e polizia. Avevano tutti rispetto di tutti. Terminata la scuola si doveva aiutare i genitori o cercarsi n lavoro.
Dioneus 2 anni fa su tio
E aggiungo Marlen Biscozzo tra i pochi post meritevoli di lettura
Alone 2 anni fa su tio
Ragazzine che a 12 anni vengono sistematicamente accompagnate a scuola in auto per fare un percorso di 200 metri ...come faranno a essere indipendenti ??
Alone 2 anni fa su tio
Non mi sorprendo tanti degli adolescenti ma dai genitori che ci sono dietro, sono loro che hanno creato una generazione di insicuri, come loro ..
Pongo 2 anni fa su tio
la depressione è una malattia psichiatrica seria ed invalidante, il 99% delle persone che pensano o sostengono di avercela non sanno nemmeno come si scrive, pensano che voglia dire "essere tristi"
SosPettOso 2 anni fa su tio
"...Giovani e giovanissimi in cura psichiatrica..." In cura psichiatrica bisogna mandarci quelli che fanno parte del loro entourage, le persone di riferimento che non vedono o non vogliono vedere l'evoluzione di questi giovani e giovanissimi.
Shion 2 anni fa su tio
Semplice, non hanno imparato a passare il tempo vivendo senza iperattività e perseguimento di obiettivi spesso in contesti competitivi. Vivere il momento presente forma una base sopra la quale la superficie degli eventi perde la sua iper drammaticità.
shooter01 2 anni fa su tio
un altro fallimento dell'evoluta società globale ( social network p. es. )
Maxy70 2 anni fa su tio
È il tragico rovescio di quella medaglia chiamata benessere. Da bambini ci incontravamo nel cortile della scuola per giocare alle biglie. A casa c'era un solo televisore, due canali svizzeri e due italiani, tutta la famiglia guardava la stessa cosa e si commentava insieme. Nessuno chattava, nessuno faceva il conto dei "like" ricevuti, non c'erano facebook e instagram, in casa c'era un solo telefono che doveva servire a tutti. Si imparava a condividere. Le ragazze si incontravano a scuola, alle feste campestri o erano le ragazze del quartiere dove eri cresciuto. Non vorrei fare il "dinosauro" ma mi pare che fossimo meno depressi...
navy 2 anni fa su tio
Questo è il mondo odierno. Le radici di queste situazioni sono ancorate in una dinamica di studio e professionale basata sull’incertezza, la precarietà, la debolezza del “sistema lavoro” in generis. Le scarse prospettive e richieste di eccellenza a tutto campo stanno distruggendo più che consolidando il futuro. Colpa di chi? Credo che con maggior ascolto ed empatia avremo già cancellato parte del problema.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-23 14:38:54 | 91.208.130.89