Tipress
Tecnologia nel mirino.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
ZURIGO
12 min
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
1 ora
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
2 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
SVIZZERA
4 ore
«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»
La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»
FRIBURGO
6 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
SOLETTA
6 ore
Il Canton Soletta dichiara guerra ai giardini ghiaiosi
Un atto parlamentare del PS additava quella che definiva una «nuova moda». Il Governo ha riconosciuto l'esistenza del problema e intende promuovere i prati fioriti
SVIZZERA
7 ore
Gli svizzeri vivono di più, ma il livello d'istruzione pesa
Tra il 1990 e il 2015 l'aspettativa di vita degli uomini è passata da 78 a 82 anni e quella delle donne da 83 a 86
VAUD
7 ore
Maestro di yoga sfruttò sessualmente le allieve, confermata la pena di 9 anni
Cinque donne l'avevano denunciato ed era scattala la condanna - per coazione sessuale - da parte del tribunale distrettuale prima e della corte d'appello poi
SVIZZERA
18.10.2019 - 14:220

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

BERNA - Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile 5G è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni (DATEC). In totale sono state raccolte quasi 40'000 firme.

Secondo il testo del terapeuta Notburga Klett, con l'introduzione del 5G la Confederazione viola il suo dovere di protezione della salute e dell'ambiente. Si dimostra inoltre negligente nel dovere d'informazione della popolazione sugli effetti delle attuali frequenze utilizzate per la comunicazione, si legge in un comunicato del comitato della petizione.

Notburga Klett nel suo studio medico constata legami fra l'elettrosmog e le malattie croniche. A suo dire, il previsto sviluppo della rete rischia di moltiplicare le radiazioni.

Il tema del 5G fa molto discutere. Oltre alla petizione depositata oggi, è stata recentemente lanciata un'iniziativa popolare denominata "Per una telefonia mobile compatibile con la salute e a basso consumo energetico".

Il comitato promotore avrà tempo fino al 15 di aprile per raccogliere le 100 mila firme necessarie. Il testo, che preconizza una modifica dell'articolo 118 della Costituzione federale, si propone di proteggere maggiormente la popolazione dalla radiazioni elettromagnetiche.

Entro la fine dell'anno è atteso un rapporto dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) sui rischi per la salute legati al potenziamento della tecnologia di telecomunicazione 5G.

Commenti
 
sedelin 3 sett fa su tio
Bene, ottimo!
Bayron 3 sett fa su tio
E allora??? Quelli che vogliono la tecnologia sono milioni. Non si può fermare il progresso. Evviva la tecnologia, evviva il 5G!!
Nazgul 3 sett fa su tio
Accipicchia, addirittura un medico che avvia una petizione contro il 5G, allora stavolta deve essere qualcosa di ser... anzi no aspetta, c'é scritto "terapeuta", non "medico", vediamo un po' cosa fa questa persona... aah linfodrenaggio, agopuntura, riflessologia plantare, osteopatia, yoga. Fiùù, per un attimo ho avuto paura che si trattasse di una persona competente in materia xD
fakocer 3 sett fa su tio
@Nazgul Non necessitano titoli accademici o conoscenze professionali nel campo radiofrequenze, è sufficiente che la radiazione non più convogliata da una wawe guide o da un'antenna parabolica venga sparata come da un irrigatore da giardino entri dalla tua finestra ad arrostirti, lentamente ma lo fa, ad arrostirti i mitocondri delle cellule dell'ipofisi. Supponi d'aver fortuna e ti rimedi solo una leucopenìa (o altra variante di alterazione dei leucociti) ti rivolgerai dal competente in materia radiofrequenze o andrai dal medico?
Nazgul 3 sett fa su tio
@fakocer Una cosa giusta l'hai detta: non è necessario avere titoli accademici per poter divulgare informazioni in un qualsiasi campo, ciò che conta è *quali* informazioni divulghi. Ciò che conta non è tanto chi parla, ma da dove vengono i dati che sta comunicando. L'importante è che queste informazioni derivino da studi seri, fatti seguendo il metodo scientifico, che abbiano superato la peer review e siano comunemente accettati dalla comunità scientifica. Ovviamente non è questo il caso: non esiste nessuno studio serio che dimostri la pericolosità della radiazione non ionizzante (nonostante ne siano stati fatti a migliaia). Le stesse motivazioni che cerchi di portare tu sono piuttosto un ammasso di "buzzwords" buone solo a spaventare gli sprovveduti. Ti chiederei di spiegarmi esattamente cosa significano tutte quelle parole e "teorie" che hai citato, tanto per farmi due risate...
Lore62 3 sett fa su tio
@fakocer Strano, la nostra stella, senza contare i raggi gamma provenienti dall'esplosione delle supernove nello spazio profondo, causano MOLTI più danni al nostro organismo, ma nessuno raccoglie firme per spegnerlo, anzi, tutti in spiaggia a "prenderlo"...XD Almeno lo sai che il telefono accostato all'orecchio è centinaia di volte più "irradiante" di qualsiasi antenna nelle vicinanze?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-11 22:24:43 | 91.208.130.86