keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
7 ore
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
9 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
BERNA
11 ore
«Il Covid-19 non spazzi lo sviluppo sostenibile»
Incontro (online) tra capi di Stato e di Governo per non dimenticare l'Agenda 2030, nonostante la pandemia
FRIBURGO
13 ore
Donna annega nel lago della Gruyère
Si trattava di una 66enne: ieri sera era uscita per una nuotata e non era più rientrata
GRIGIONI
13 ore
Auto in fiamme a Coira
Stamani la vettura ha reso difficile la circolazione nel capoluogo retico
SVIZZERA
13 ore
Il coronavirus metterà a dura prova le finanze pubbliche
Ma si mira a evitare aumenti d'imposte, come si evince da un sondaggio condotto in una settantina di Comuni
BERNA
13 ore
Lavori agricoli fatali per un 65enne
L'incidente è avvenuto questa mattina su un pendio ripido di Arni.
VAUD
13 ore
Struttura sanitaria in un mare di debiti, lascia il direttore
Pascal Rubin si è dimesso a causa delle gravi difficoltà finanziarie in cui versa l'Ospedale Riviera-Chablais.
SVIZZERA
14 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
15 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
15 ore
Mister dati ci ripensa: «Via libera alla registrazione in bar e ristoranti»
La raccolta dei dati avverrà su base volontaria, a meno che nel locale non possa venir garantita la distanza sociale.
SVIZZERA
15 ore
Al via i test di sicurezza sull'app SwissCovid
Una prima versione del sistema svizzero di tracciamento è stata messa a disposizione oggi.
SVIZZERA
16 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
16 ore
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
16 ore
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
SVIZZERA
17 ore
Lascia il capogruppo dei Verdi in Parlamento
Lo zurighese Balthasar Glättli aspira a prendere il posto della presidente Regula Rytz
GRIGIONI
17 ore
Bimbo di quattro anni investito
Un bambino di soli quattro anni è rimasto ferito in un incidente avvenuto ieri sera a Malans.
BERNA
18 ore
Covid in Svizzera, 20 nuovi positivi e 6 morti
Il totale dei positivi sale così a quota 30'796, mentre quello delle vittime a 1'655
SVIZZERA
19 ore
Ecco quanti saremo nel 2050
Nei prossimi trent'anni ci sarà una crescita demografica marcata nel nostro Paese.
SVIZZERA
21 ore
«Recessione di proporzioni storiche»
Il capo economista di Raiffeisen Martin Neff prevede un periodo molto duro per l'economia elvetica con il crollo del PIL
BERNA / MILANO
26.06.2019 - 20:020

Uno svizzero a Milano: «Così abbiamo contrastato i classici stereotipi sulla Svizzera»

Fèlix Baumann, console generale a Milano, è a fine mandato: «È una città internazionale e di grande sviluppo. Aspetti che mi piacerebbe vedere anche da noi»

MILANO - Con il cocktail di martedì 25 giugno, il console generale di Svizzera a Milano Fèlix Baumann si congeda dalla città dove ha lavorato per quasi quattro anni. Con il console uscente, al quale succederà dal mese di agosto Sabrina Dalla Fior, 20minuti/tio.ch ha parlato dei momenti più significativi del suo mandato. E non solo.

Sono passati quasi 4 anni dal suo arrivo a Milano: come si è svolto il suo mandato di console?
Prima di tutto devo dire che è stato un grande onore e un grande piacere rappresentare la Svizzera a Milano. Ho assistito allo sviluppo di una delle città più importanti del mondo: dinamica e proiettata nel futuro. In questi anni abbiamo fin dall’inizio voluto diffondere un’immagine della Svizzera innovativa, creativa, competitiva mettendo anche allo stesso tempo l’accento sulla solidarietà e sui valori umani che caratterizzano il nostro paese contrastando i classici stereotipi che, malgrado la vicinanza tra Milano e Svizzera, ci sono comunque.

In che modo?
Abbiamo saputo fare squadra e abbiamo sostenuto tante piccole e medie imprese ad aprire la propria attività in Italia insieme allo Swiss Business Hub. Abbiamo anche promosso l’orologeria, la moda sostenibile e la logistica ferroviaria. Abbiamo fatto molte cose in campo culturale, come per esempio la promozione della partecipazione svizzera alla Milano Design Week che ora si è consolidata con tanti partner pubblici e privati per dare maggiore visibilità ai designer elvetici e all’industria creativa. Quest’anno siamo stati protagonisti alla fiera del libro dei ragazzi a Bologna dove la Svizzera è stato l’ospite d’onore riscuotendo grande successo.

In questi anni il consolato ha puntato sui giovani riuscendo ad avvicinare anche svizzeri di terza e quarta generazione nati e vissuti in Italia.
Diciamo che abbiamo voluto ampliare le liste degli invitati ai nostri eventi cercando di avvicinarci al pubblico milanese e italiano da un lato e anche ai cittadini svizzeri che nel nord Italia sono 32.000, di cui il 90% con doppia cittadinanza e quindi molto radicati nel territorio italiano. Abbiamo voluto cambiare il modo di interagire con loro anche attraverso i social media aprendo nuovi profili. E proprio per coinvolgere i giovani abbiamo dato vita ad alcune iniziative come le feste dedicate ai 18enni per illustrare loro le possibilità di formazione universitaria e di lavoro in Svizzera invitando ogni volta un ospite d’eccezione: nel 2016 Stefan Lichsteiner, nel 2017 Lea Sprunger e lo scorso anno Bastian Baker. Ma grazie alla digitalizzazione abbiamo cercato di aiutare i nostri concittadini nello sbrigare telematicamente alcune pratiche burocratiche senza farli venire in consolato. Anzi, con la biometria mobile, siamo andati noi incontro ai cittadini svizzeri che avevano bisogno dei nostri servizi a Padova, Bologna, Genova e Torino.

Nel 2016 è stato inaugurato il tunnel del San Gottardo e l’anno prossimo sarà la volta del Monte Ceneri. Cosa rappresentano queste opere anche in chiave di rapporti italo-svizzeri?
La Svizzera in Alptransit ha investito 22 miliardi di euro, soldi propri per testimoniare il nostro contributo ad un sistema logistico europeo competitivo ed ecologicamente sostenibile anche se non facciamo parte della UE. Un passo avanti nei rapporti bilaterali sono stati i lavori effettuati per potenziare le vie d’accesso e per completare l’Alptransit a Sud, in particolare sulla linea di Luino e l’opera del terzo valico che l’Italia sta realizzando.

In questi anni, nonostante l’accordo dei frontalieri ancora in sospeso, come giudica i rapporti bilaterali tra Italia e Svizzera?
L’Italia è un partner fondamentale della Svizzera. Non condividiamo solo una lingua e una storia in parte comune: l’Italia è per noi il terzo partner commerciale in assoluto. Nel 2018 il volume degli scambi è di nuovo aumentato avvicinandosi a 33 miliardi di franchi che diventano 50 se si includono anche i servizi. Nei miei anni a Milano abbiamo vissuto altri sviluppi positivi come l’entrata in vigore nel 2016 del nuovo accordo sulla cooperazione doganale e di polizia che nei mesi scorsi ha portato alla costituzione di pattuglie miste lungo il confine tra Ticino e Lombardia. E la cooperazione ferroviaria si colloca in questo senso con la volontà comune di trasferire il traffico merci dalla strada alla ferrovia. Ma anche con l’obiettivo di favorire i viaggiatori come nel caso della Mendrisio Varese che finalmente è stata ultimata e che è diventata il sesto collegamento ferroviario tra i due paesi. Ovviamente rimangono delle sfide aperte: la Svizzera si aspetta che il nuovo accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri, siglato nel 2015, venga ratificato dall’Italia. Ma c’è anche un’altra questione che è quella dell’accesso al mercato finanziario e la possibilità per gli intermediari svizzeri di offrire servizi finanziari in Italia.

Ci sono stati momenti difficili in questi anni? E invece quali sono i ricordi più belli?
I momenti più difficili sono stati quelli verificatisi dopo un incidente o un avvenimento che ha coinvolto i nostri concittadini. Per fortuna non sono stati molti i casi considerando che sono 2,8 milioni i turisti svizzeri che si recano ogni anno in Italia. I momenti professionali belli sono stati tanti: per esempio quando abbiamo accompagnato i vertici di Regione Lombardia nel tunnel del San Gottardo, l’inaugurazione della Arcisate-Stabio alla presenza della consigliera federale Leuthard e del ministro Del Rio, la partecipazione del nostro consigliere federale Ignazio Cassis alla festa del primo di agosto al Centro Svizzero di Milano.

Quale sarà il suo prossimo mandato?
Dal primo di agosto lavorerò come ambasciatore presso la missione permanente elvetica presso le Nazioni Unite a Ginevra dove la Svizzera è anche paese ospitante. Sono molto onorato di poter andare a Ginevra che è uno dei grandi centri della governance mondiale e dare il mio piccolo contributo a trovare soluzioni su temi molto diversi. Il mio ruolo sarà quello di capo della divisione multilaterale e rappresentante permanente della Svizzera alla conferenza sul disarmo. Per un piccolo paese come il nostro ma aperto al mondo, diventa fondamentale raggiungere delle soluzioni condivise basate sul diritto internazionale e la nostra priorità diventa quella di preservare il sistema di regole multilaterali e possibilmente di rafforzarlo.

Cosa le mancherà di Milano?
Di Milano mi mancheranno soprattutto le persone: la mia squadra del consolato ma anche tutti quelli che ho incontrato in questi anni. Ma mi mancherà anche lo spirito della città che è particolare. Milano è una città dinamica in cui cittadini sono orgogliosi di esserne parte e che ha una proiezione internazionale e una visione di sviluppo futuro sempre più ampia. Devo dire che questo aspetto mi farebbe piacere vederlo ogni tanto di più anche in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Daniele Orlando 11 mesi fa su fb
Sempre una risorsa questi milanesi e brianzoli con le valigette piene di soldi pronte a portarle nelle banche CH
albertolupo 11 mesi fa su tio
Profondo conoscitore dell’Italia, se non altro: “Non condividiamo solo una lingua...”. Infatti le condividiamo tutte e quattro.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 07:12:18 | 91.208.130.86