Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
LX93, il volo preferito dai muli della droga
La grande maggioranza dei corrieri arrestati a Kloten ha viaggiato sul volo diretto che collega Sao Paolo e Zurigo
ZURIGO
8 ore
Venduta all'asta la villa appartenuta a Hugo Erb
È stata acquistata da una società immobiliare per 2,9 milioni di franchi
BERNA
10 ore
Autopostale: i vertici sapevano
Documenti pubblicati oggi dal Blick dimostrano implicazioni del Cda nello scandalo scoppiato due anni fa
SVIZZERA / GIAPPONE
10 ore
Coronavirus, la coppia svizzera può lasciare la Diamond Princess
I due passeggeri hanno finito il periodo di quarantena e sono in buona salute
KENYA
11 ore
Svizzera violentata e uccisa. «Temeva per la sua vita e si nascondeva»
La donna, una basilese, viveva a Milimani. Abitava in una specie di fattoria con 48 gatti, galline, cani e asini.
SVIZZERA
11 ore
Commercio al dettaglio, Migros e Coop sempre nella top 50 mondiale
Sono quattro i gruppi elvetici nei primi 250: Richemont ha guadagnato ben 33 posizioni.
SVIZZERA
13 ore
Chi è Ralph Hamers, il futuro Ceo di UBS
Il dirigente olandese a capo di ING che in patria scandalizzò quando tentò (fallendo) di raddoppiarsi lo stipendio
VAUD
14 ore
Mettere "like" agli insulti su Facebook è punibile
Lo ha stabilito il Tribunale federale confermando una sentenza emessa dal Tribunale cantonale di Zurigo
SVIZZERA
14 ore
Baselworld non si fa spaventare dal coronavirus
La grande fiera del settore orologiero si svolgerà come da programma dal 30 aprile al 5 maggio
SVIZZERA
15 ore
Tre candidature per la presidenza del PS
Si tratta di due co-presidenze e di una candidatura individuale. Storni candidato alla vicepresidenza
NEUCHÂTEL
06.06.2019 - 17:390

La strada "Espace Louis-Agassiz" diventa "Espace Tilo Frey"

La decisione fa seguito a una misura presa dalla Città di Neuchâtel nel settembre 2018 e che aveva suscitato polemiche

NEUCHÂTEL - Il nome della strada "Espace Louis-Agassiz", presso la Facoltà di lettere dell'Università di Neuchâtel è stata ribattezzata in "Espace Tilo Frey (1923-2008)", in onore della pioniera dell'emancipazione femminile e delle minoranze etniche in Svizzera. La decisione fa seguito a una misura presa dalla Città di Neuchâtel nel settembre 2018 e che aveva suscitato polemiche.

Frey, nata in Camerun da madre di etnia fulani e da padre svizzero, è stata una delle undici prime donne elette nel parlamento federale nel 1971 quale consigliera nazionale (Partito radicale/NE).

«Non vogliamo erigerci a giudice» o «eliminare a ogni costo l'eredità di Louis Agassiz», ha dichiarato oggi all'inaugurazione a Neuchâtel Thomas Facchinetti (PS), municipale responsabile dei dicasteri cultura, integrazione, sport e turismo. "Siamo consapevoli del suo considerevole contributo alla scienza", ha detto Facchinetti. «(...) Ma sappiamo anche che ha promosso tesi segregazioniste e razziste nel 19esimo secolo. Per questo non possiamo più dedicargli uno spazio pubblico».

Agassiz è stato tra l'altro cofondatore dell'Università di Neuchâtel e del locale museo di storia naturale. Ma, soprattutto, è stato il primo studioso a proporre scientificamente l'idea che la Terra fosse stata nel passato soggetta a un'era glaciale.

Le autorità cittadine ritengono che a Neuchâtel sussistano numerosi omaggi alla figura dello scienziato, tra cui un busto all'università e un ritratto al museo di storia naturale. Possono dunque "cedere un po' degli onori" che gli vengono tributati a una donna di colore. Le personalità femminili sono del resto ampiamente sotto rappresentate nei nomi delle vie, ha aggiunto il socialista.

Il municipio assicura di non voler rivisitare la storia, ma ricorda che Agassiz ha contribuito a diffondere idee razziste negli Stati Uniti, e "non solo quelle della mentalità del tempo. Con le sue tesi segregazioniste è stato più profilato".

La rinuncia al nome Espace Louis-Agassiz, dove si trova la facoltà di lettere e scienze umane dell'alta scuola, è avvenuta in accordo con il rettorato. Dà seguito alla preoccupazione di non macchiare l'immagine dell'università a livello internazionale con un indirizzo che la collega a una personalità controversa.

Figura controversa - Agassiz, nato a Môtier nel canton Friburgo e morto a Cambridge nel Massachussets (USA), è al centro di polemiche da anni per le sue opinioni razziste: durante un suo soggiorno in Carolina del Sud aveva utilizzato la fotografia di uno schiavo di colore, chiamato Renty, per fornire una prova «scientifica» dell'inferiorità della «razza nera».

Nel 2007, rispondendo a un'interpellanza del consigliere nazionale Carlo Sommaruga (PS/GE), il Consiglio federale aveva condannato le tesi razziali del ricercatore, ma si era opposto al cambiamento di nome dell'Agassizhorn - cima di 3946 metri vicina al Finsteraarhorn, al confine tra i cantoni di Berna e Vallese - in Rentyhorn. L'idea di cambiarlo era stata lanciata nel maggio 2007 dallo storico sangallese Hans Fässler in occasione del 200esimo anniversario dalla nascita dello scienziato.

Il comitato "Démonter Louis Agassiz" (smontare Louis Agassiz) aveva successivamente lanciato una petizione per il cambio di nome che aveva raccolto circa 2500 firme. I comuni di Grindelwald (BE), Guttannen (BE) e Fieschertal (VS) l'avevano però respinta a fine luglio 2010.

Nel 2017, il Club alpino svizzero ha rinunciato a revocare la nomina a membro onorario di Agassiz. Il titolo di membro onorario è in ogni caso decaduto con la morte dell'interessato nel 1873. Persino il famoso alpinista altoatesino Reinhold Messner ha criticato il CAS.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 02:21:56 | 91.208.130.86