Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 ore
Urtato da un'auto che se ne va
Il 30enne, che spingeva la bici a piedi, ha picchiato la testa al suolo. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
2 ore
UBS si prepara ad acquisire una grande banca europea?
Secondo la "SonntagsZeitung" sarebbe in cantiere un'operazione di assoluto profilo
SOLETTA
2 ore
In motorino in autostrada e senza casco
Il 21enne ha spiegato di avere imboccato per sbaglio l'entrata dell'A1
FRIBURGO
4 ore
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
5 ore
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
6 ore
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
GLARONA
6 ore
Motociclista scivola e si ferisce durante un sorpasso
La sua passeggera è invece uscita indenne dall'incidente avvenuto a Glarona.
SVIZZERA
7 ore
«Ora stiamo usando un bisturi, a marzo ci voleva un'ascia»
Il capo della Task force Covid-19 della Confederazione sostiene la strategia finora adottata da Berna.
SVIZZERA
7 ore
Un salario minimo di 23 franchi all'ora? Si vota a Ginevra
Non solo nazionali: anche a livello cantonale sono previste settimana prossima delle votazioni rilevanti
GIURA
19 ore
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
NEUCHÂTEL
06.06.2019 - 17:390

La strada "Espace Louis-Agassiz" diventa "Espace Tilo Frey"

La decisione fa seguito a una misura presa dalla Città di Neuchâtel nel settembre 2018 e che aveva suscitato polemiche

NEUCHÂTEL - Il nome della strada "Espace Louis-Agassiz", presso la Facoltà di lettere dell'Università di Neuchâtel è stata ribattezzata in "Espace Tilo Frey (1923-2008)", in onore della pioniera dell'emancipazione femminile e delle minoranze etniche in Svizzera. La decisione fa seguito a una misura presa dalla Città di Neuchâtel nel settembre 2018 e che aveva suscitato polemiche.

Frey, nata in Camerun da madre di etnia fulani e da padre svizzero, è stata una delle undici prime donne elette nel parlamento federale nel 1971 quale consigliera nazionale (Partito radicale/NE).

«Non vogliamo erigerci a giudice» o «eliminare a ogni costo l'eredità di Louis Agassiz», ha dichiarato oggi all'inaugurazione a Neuchâtel Thomas Facchinetti (PS), municipale responsabile dei dicasteri cultura, integrazione, sport e turismo. "Siamo consapevoli del suo considerevole contributo alla scienza", ha detto Facchinetti. «(...) Ma sappiamo anche che ha promosso tesi segregazioniste e razziste nel 19esimo secolo. Per questo non possiamo più dedicargli uno spazio pubblico».

Agassiz è stato tra l'altro cofondatore dell'Università di Neuchâtel e del locale museo di storia naturale. Ma, soprattutto, è stato il primo studioso a proporre scientificamente l'idea che la Terra fosse stata nel passato soggetta a un'era glaciale.

Le autorità cittadine ritengono che a Neuchâtel sussistano numerosi omaggi alla figura dello scienziato, tra cui un busto all'università e un ritratto al museo di storia naturale. Possono dunque "cedere un po' degli onori" che gli vengono tributati a una donna di colore. Le personalità femminili sono del resto ampiamente sotto rappresentate nei nomi delle vie, ha aggiunto il socialista.

Il municipio assicura di non voler rivisitare la storia, ma ricorda che Agassiz ha contribuito a diffondere idee razziste negli Stati Uniti, e "non solo quelle della mentalità del tempo. Con le sue tesi segregazioniste è stato più profilato".

La rinuncia al nome Espace Louis-Agassiz, dove si trova la facoltà di lettere e scienze umane dell'alta scuola, è avvenuta in accordo con il rettorato. Dà seguito alla preoccupazione di non macchiare l'immagine dell'università a livello internazionale con un indirizzo che la collega a una personalità controversa.

Figura controversa - Agassiz, nato a Môtier nel canton Friburgo e morto a Cambridge nel Massachussets (USA), è al centro di polemiche da anni per le sue opinioni razziste: durante un suo soggiorno in Carolina del Sud aveva utilizzato la fotografia di uno schiavo di colore, chiamato Renty, per fornire una prova «scientifica» dell'inferiorità della «razza nera».

Nel 2007, rispondendo a un'interpellanza del consigliere nazionale Carlo Sommaruga (PS/GE), il Consiglio federale aveva condannato le tesi razziali del ricercatore, ma si era opposto al cambiamento di nome dell'Agassizhorn - cima di 3946 metri vicina al Finsteraarhorn, al confine tra i cantoni di Berna e Vallese - in Rentyhorn. L'idea di cambiarlo era stata lanciata nel maggio 2007 dallo storico sangallese Hans Fässler in occasione del 200esimo anniversario dalla nascita dello scienziato.

Il comitato "Démonter Louis Agassiz" (smontare Louis Agassiz) aveva successivamente lanciato una petizione per il cambio di nome che aveva raccolto circa 2500 firme. I comuni di Grindelwald (BE), Guttannen (BE) e Fieschertal (VS) l'avevano però respinta a fine luglio 2010.

Nel 2017, il Club alpino svizzero ha rinunciato a revocare la nomina a membro onorario di Agassiz. Il titolo di membro onorario è in ogni caso decaduto con la morte dell'interessato nel 1873. Persino il famoso alpinista altoatesino Reinhold Messner ha criticato il CAS.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 17:07:38 | 91.208.130.85