Keystone
BERNA
08.08.2018 - 07:330
Aggiornamento : 10:29

Niente sedie a rotelle: l'autobus deve pagare il viaggio in treno ai disabili

Eurobus, che da due mesi propone collegamenti a lunga percorrenza, dovrà adattare la sua flotta. Flixbus no

BERNA - Quando, due mesi fa, i primi bus a lunga percorrenza hanno iniziato a collegare le città svizzere, l’Ufficio federale dei trasporti (Uft) ha posto una condizione precisa all’operatore del servizio, la società Eurobus: la Legge federale sui disabili (LDis) doveva essere rispettata. «L’azienda si è impegnata a dotarsi di autobus conformi», conferma la portavoce dell’Uft Florence Pictet.

Al momento, però, i torpedoni rimangono quelli che Eurobus già possedeva. Per averne di nuovi, infatti, ci vorranno mesi. L’azienda è così sottoposta a un ulteriore obbligo: «Deve pagare i costi di trasporto in treno per i viaggiatori in sedia a rotelle per i quali non sia possibile salire e scendere» dall’autobus, fa sapere l'Uft. Roger Müri, di Eurobus, spiega che per il momento sono necessari una sedia a rotelle pieghevole e una minima capacità di camminare per salire sui suoi mezzi, che sono dei normali bus gran turismo: «Abbiamo sempre informato in maniera trasparente le persone in sedia a rotelle su cosa è possibile e cosa no», assicura il responsabile. In dicembre, però, tutto cambierà: in una prima mondiale Eurobus metterà in servizio degli autobus a due piani che dispongono di un accesso al pianale ribassato per mezzo di una rampa, due posti per sedia a rotelle e una toilette per disabili, annuncia Müri.

Mentre Eurobus si trova costretta a investire, però, Flixbus non è obbligata a sottostare alle disposizioni della LDis perché non propone collegamenti all’interno del territorio nazionale, ma solo dalla Svizzera verso l’estero e viceversa. Marc Moser, dell’associazione mantello Inclusion Handicap, trova che ciò costituisca un errore: «È nostra opinione che anche Flixbus debba sottostare alla LDis», commenta. «È importante che vi si faccia attenzione fin dall’inizio nel caso di nuove proposte come gli autobus a lunga percorrenza», sottolinea.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
casi89 3 anni fa su tio
e perche eurobus (ditta svizzera) deve pagare e flixbus(ditta tedesca che non paga tasse in svizzera) non viene neanche monitorata causa invalidi,non paga niente? coverno federale al guizaglio ue.
Thor61 3 anni fa su tio
@casi89 La risposta l'hai già data! ;o))) La sudditanza del cf verso l'UE (Alias germany) è visibile in ogni cosa che riguarda i rapporti con la germania e l'UE. E chissà quante altre "Anomalie" ci sono fatte sotto banco. Saluti
seo56 3 anni fa su tio
Tipiche “ca@@te” svizzere!!
francox 3 anni fa su tio
Che "tolla", nemmeno in molte stazioni FFS un invalido può prendere il treno..

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 14:51:54 | 91.208.130.89