TiPress
NATIONAL LEAGUE
11.02.2021 - 08:000
Aggiornamento : 18:23

«Non credo proprio che con sette stranieri i club risparmieranno»

Beat Kaufmann sulle licenze svizzere: «Non trovo giusto cambiare in corsa le carte in tavola»

LUGANO - L'hockey svizzero è in fase di riflessione. Tante le idee, così come i dubbi. La riforma riguardante gli stranieri (da quattro a sette dal 2022-23) è solo una modifica di un pacchetto molto più ampio. Ma perché apportare dei cambiamenti a un prodotto che negli ultimi anni ha dimostrato di funzionare? In tempi di pandemia la priorità dev'essere data al contenimento dei costi e alla sopravvivenza dei club, ma che questo possa avvenire con un incremento dei giocatori d'importazione sta lasciando parecchi dubbi.

Anche Beat Kaufmann - attuale supervisore degli arbitri svizzeri - non è convinto... «La mia opinione è che si stiano cambiando troppe cose contemporaneamente. Dubito fortemente che, a medio termine, con sette stranieri le finanze dei club andranno a guadagnarci. L'obiettivo oggi dev'essere proprio questo».  

C'è chi crede che la riforma degli stranieri porterà inoltre più equilibrio nel campionato... «Non mi convince. Chi ha risorse finanziarie importanti potrà continuare a permettersi i migliori stranieri e i migliori giocatori. Il divario tra alcuni club potrebbe allargarsi ancora di più. Negli ultimi anni abbiamo assistito a dei campionati molto belli ed equilibrati, aspetto che i tifosi e gli appassionati hanno dimostrato di gradire. Proprio per questo avrei lasciato tutto com'è ora. Ben vengano i cambiamenti, ma non tutti assieme». 

Via la relegazione? Su questo aspetto l'ex presidente del Lugano è pienamente d'accordo: «In questo caso vedo sì la possibilità di contenere i costi. Chi non ha l'assillo di dover ottenere la salvezza può concentrare le risorse sul rinforzo della propria organizzazione senza pressioni. Era un aspetto sul quale lottavo già quando ero dirigente a Lugano. Per me non è giusto parlare di Lega chiusa: semplicemente chi ha i criteri sportivi, finanziari e infrastrutturali per poter entrare a far parte del massimo campionato è giusto che possa farlo. Questa modifica andava fatta già 20 anni fa».

Un altro tema spinoso riguarda i giocatori con licenza svizzera, che tra poco più di un anno saranno considerati stranieri... «Anche qui faccio fatica a comprendere. Questi giocatori hanno mosso i primi passi nelle nostre squadre giovanili, facendo sacrifici e aspirando un giorno a esordire in National League. Ora che ce l'hanno fatta non trovo giusto cambiare in corsa le carte in tavola...».

HOCKEY: Risultati e classifiche

TiPress
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Capra 9 mesi fa su tio
Scelta bizzarra
angie2020 9 mesi fa su tio
e poi la nazionale? chi faranno giocare gli stranieri? lega sempre peggio!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 15:03:21 | 91.208.130.86