Young Boys
2
S.Gallo
1
2. tempo
(1-0)
Servette
Losanna
20:30
 
Yverdon-sport Fc
1
Vaduz
0
2. tempo
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
SC Kriens
20:30
 
Thun
Xamax
20:30
 
Inter
2
Atalanta
2
2. tempo
(1-2)
Lakers
Zugo
19:45
 
Friborgo
Zurigo
19:45
 
Bienne
Langnau
19:45
 
Ajoie
Ginevra
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
Young Boys
2
S.Gallo
1
2. tempo
(1-0)
Servette
Losanna
20:30
 
Yverdon-sport Fc
1
Vaduz
0
2. tempo
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
SC Kriens
20:30
 
Thun
Xamax
20:30
 
Inter
2
Atalanta
2
2. tempo
(1-2)
Lakers
Zugo
19:45
 
Friborgo
Zurigo
19:45
 
Bienne
Langnau
19:45
 
Ajoie
Ginevra
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
keystone-sda.ch (Marco Alpozzi)
+3
SERIE A
19.12.2020 - 15:230
Aggiornamento : 20.12.2020 - 13:38

«La vittoria del Mondiale? Non ho un bel ricordo di quella notte»

L’impresa sfiorata con il Real, «Dimostra che nulla è impossibile».

Buffon tra passato, presente e futuro.

TORINO - Quarantadue anni e (quasi) non sentirli. Nel weekend della sfida al “suo” Parma, il club con il quale ha debuttato in Serie A nel millennio scorso, Gigi Buffon si è confessato all’Equipe, parlando della sua lunga carriera e di una fine che ancora non vede. Il campione italiano ha ricordato il debutto contro il Milan di Baggio e Weah (era il 1995 e terminò 0-0). «Fu il coronamento di un sogno. All’epoca la pressione non la sentivo, oggi invece la cerco per essere migliore». E ha pure ricordato la sua carriera in Nazionale, partita in una sera gelata e capace di portarlo in cima al mondo. «Ma della notte del successo al Mondiale e della successiva festa non ho un bel ricordo. È un evento così grande e importante che ti devasta interiormente, ti aspira ogni goccia di energia, di entusiasmo e leggerezza. La pressione ti divora. Che tu abbia vinto o perso, ti senti comunque svuotato. Solo con il tempo quell’evento è diventato un souvenir inestimabile, perché ti senti incredibilmente fortunato ad averlo vissuto». Fortuna, come quella di vivere notti incredibili. Come quella che ha recentemente portato la Juve a vincere al Camp Nou o che, qualche anno fa, l’ha vista sfiorare l’impresa al Santiago Bernabeu (0-3 fino a pochi istanti dalla fine, dopo aver perso 0-3 a Torino, ndr). «Quella partita dimostra che nulla è impossibile. Dimostra che la forza degli uomini può rendere possibile l'inimmaginabile. Il risultato non mi interessa». 

L’ex numero 1 azzurro ha poi spostato la sua “data di scadenza”: «So che potrei serenamente smettere a giugno ma non so cosa accadrà. Non so se mi fermerò o se continuerò per due o tre anni. Dipenderà dal mio stato fisico e dalle motivazioni».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STR (Joan Monfort)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Aka05 9 mesi fa su tio
Si chiama passione...
Alex 9 mesi fa su tio
la motivazione...giusta....💲💲💲mercenario
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 19:45:58 | 91.208.130.89