Keystone
+20
U21
19.11.2020 - 08:000
Aggiornamento : 19:52

Il futuro della Nati è ora

Mauro Lustrinelli si gode la sua scintillante selezione: «Successi in partite che in passato non avremmo mai vinto».

«Mi auguro i miei possano far parte della Nazionale del futuro».

BERNA - Qualificatasi agevolmente alla fase finale dell’Europeo di categoria, la Svizzera U21 è stata una bella sorpresa. E non è stato tanto il biglietto staccato per la competizione a far scattare gli applausi, quanto piuttosto il modo in cui la selezione guidata da Mauro Lustrinelli si è battuta, ha vinto. E ha vinto tanto: nove delle dieci partite disputate. E dire che i risultati degli anni passati erano tutt’altro che positivi, che la speranza era tutt’altro che grande…

«Rispetto al recente passato sono cambiate tante cose - ha sottolineato proprio Lustrinelli - la prima, la più importante, riguarda il mio ruolo. Ora sono al 100%, non è sempre stato così. E se il selezionatore può dedicarsi completamente al progetto, la differenza si sente. Io ho avuto la possibilità di curare i rapporti con i giocatori. Così è stato più semplice dare un’identità precisa al gruppo».

Che è sembrato coeso.
«Sapevamo che aveva fame; quando i ragazzi si sono identificati in esso - tutti, non solo i titolari - è poi arrivata la svolta. Stiamo comunque parlando di giovani dalle grandi qualità, anche se incapaci, a livello U17 e U19, di ottenere i risultati meritati. Abbiamo lavorato per permettere loro di cambiare mentalità. Se vuoi essere competitivo un “salto” è obbligatorio». 

E la crescita c’è stata?
«Certo. Ed è stata netta. La prova sono i successi in trasferta arrivati contro avversarie non di primissima fascia ma contro le quali in altri momenti non avemmo mai fatto i tre punti».

L’ultima affrontata, la Francia, ha interrotto la serie positiva.
«Ce la possiamo giocare con qualsiasi rivale. Però per pensare di sfidare una grande alla pari dobbiamo crescere ulteriormente. I francesi hanno infatti mostrato una malizia, un’esperienza, un’intensità che noi ancora non abbiamo. Questo è però uno stimolo a lavorare di più». 

L’Europeo è un traguardo o un punto di partenza?
«Raggiungerlo come abbiamo fatto noi è stata una grande soddisfazione. Adesso però non ci accontentiamo. Sarà durissima ma di certo, una volta in campo, ci “proveremo”. Cominciamo a vedere cosa dirà il sorteggio…».

Questa U21 è la Nazionale maggiore del futuro?
«È sempre difficile prevedere quanto potrà crescere un giovane, quale livello potrà raggiungere; certo però me lo auguro. Già cinque dei miei hanno assaggiato la selezione maggiore. Poi dipenderà dai singoli. E anche un po’ dal momento. Ora mi pare che la Nazionale a centrocampo sia messa bene. Ciò significa che per arrivare, i miei centrocampisti dovranno pazientare o crescere ulteriormente. Magari in altre zone del campo un’eventuale promozione sarà meno complicata». 

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (SALVATORE DI NOLFI)
Guarda tutte le 24 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 10:35:30 | 91.208.130.85