Keystone (foto d'archivio)
+8
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
16 min
Berna: Don Nachbaur si dimette
Il 61enne allenatore ha rassegnato le dimissioni per motivi personali
FORMULA 1
48 min
Coronavirus, tocca anche a Lewis Hamilton
Il campione del mondo è positivo, caccia al sostituto.
CHAMPIONS LEAGUE
2 ore
L'Inter deve vincere, ma potrebbe non bastare
Il mister Antonio Conte farà affidamento su Lukaku per fare la differenza. In campo anche l'Atalanta con il Midtyjlland
SERIE A
10 ore
Super-Gervinho oro di Parma
Doppietta dell’ivoriano e i Ducali sprintano.
COPPA SVIZZERA
11 ore
Poca grinta, poca gloria: Ambrì eliminato
Dragoni più incisivi; i biancoblù sono caduti 1-2 alla Valascia.
BUENOS AIRES
13 ore
Premonitore e (un po') macabro, spunta l’ultimo audio di Maradona
Diego ha contattato il compagno della sua ex.
SUPER LEAGUE
15 ore
Tegola Sion: Hoarau ai box fino a fine anno
L'attaccante 36enne si è infortunato a una coscia e salterà sette partite
BASKET
16 ore
Svizzera, niente bis
La nazionale elvetica, pur giocando bene, è stata sconfitta dalla Georgia per 91-84.
ARGENTINA
17 ore
«Maradona aveva battuto la testa a terra, ma nessuno l'ha portato in ospedale»
L'avvocato dell'infermiera che si occupava di Diego: «Rimasto chiuso nella sua stanza tre giorni».
HCL
18 ore
Covid-19: seconda quarantena per il Lugano
Diversi giocatori bianconeri sono risultati positivi al coronavirus. Le prossime tre partite sono state rinviate.
SUPER LEAGUE
20 ore
Il Lugano continua a correre e... non si ferma più
In questa stagione i bianconeri hanno colto otto risultati utili consecutivi: quattro vittorie e quattro pareggi
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
18.11.2020 - 08:000
Aggiornamento : 18:19

«Delusione-Eriksen? La colpa è di Conte, ha fallito»

Una gestione pessima, uno scambio possibile, Arno Rossini guarda in casa nerazzurra.

«Il danese è uno da mettere in vetrina non da tenere nel sottoscala».

MILANO - «Voglio restare tanti anni all’Inter ma un’altra esperienza in Premier la farei», ha detto Antonio Conte ai giornalisti del Telegraph. Una frase molto simile, con dei tempi verbali diversi però, potrebbe dirla pure Christian Eriksen, che con il tecnico salentino condivide lo spogliatoio ma non l’idea di calcio. Qualcosa tipo: «Vorrei restare tanti anni all’Inter ma un’altra esperienza in Premier la farò».

Il danese è unanimemente riconosciuto come uno dei migliori centrocampisti d’Europa. A Milano, però, non ha mai convinto. «Gli manca la “garra”», direbbero i cultori del pallone sudamericano. 

«Non è uno che indossa la tuta mimetica e scende in guerra - ha specificato Arno Rossini - non è un guerriero alla Vidal, alla Kanté, anche alla Barella. E sono quelli i giocatori che piacciono al mister. Gli altri…».

Ma se uno è un fuoriclasse...
«Ha un bagaglio completo di qualità tecniche e tattiche e ha spunti in fase offensiva da grandissimo. Ha però grosse difficoltà in fase difensiva. Ed è questo che ha fatto la differenza». 

Quindi la colpa dell’utilizzo con il contagocce è solo del danese.
«No, il fallimento è tutto di Conte. Eriksen si è intristito e ha probabilmente un po’ mollato quando ha visto che non gli veniva data la giusta fiducia, è vero; sarebbe però toccato al mister trovare una soluzione prima che la situazione precipitasse». 

Uno schieramento differente?
«Eriksen dà il meglio di sé quando ha accanto dei compagni in grado di fare anche un po’ del suo lavoro sporco. Lo stesso Vidal, Gagliardini… l’Inter ha una rosa profonda, soluzioni ce ne sarebbero state. Invece si è scelta un’altra via. Però così… il danese è uno da mettere in vetrina non da tenere nel sottoscala. È uno in grado di emergere in una squadra che gioca a calcio».

I nerazzurri non giocano a calcio?
«Di sicuro non prediligono un gioco pulito o la creatività. Puntano sul temperamento». 

Per questo, negli ultimi giorni, si è molto parlato di una cessione del danese, che potrebbe finire all’Arsenal in cambio di Xhaka.
«Sarebbe una soluzione interessante, che potrebbe fare felici tutti».

Una win-win situation amano dire negli States.
«Esatto, perfetto. Eriksen finirebbe in un team che, guidato da Mikel Arteta, potrebbe fare al caso suo. I Gunners avrebbero un giocatore fenomenale. L’Inter si ritroverebbe tra le mani un centrocampista molto, molto forte».

Granit potrebbe essere l’uomo giusto al posto giusto?
«Ha le caratteristiche che piacciono a Conte. Agendo come regista basso potrebbe forse bruciare Barella, ma mi sento di dire che sarebbe un grande acquisto. Ha le potenzialità per diventare una delle colonne della squadra. Stiamo in fondo parlando di un elemento nel pieno della sua maturità, che ha fisico, tecnica e tenacia e che ha già grande esperienza internazionale. È stato capitano al Gladbach e all’Arsenal».

Lì la fascia gliel’hanno tolta.
«Ha avuto problemi con i tifosi ma poi ha saputo levarsi da una situazione difficile. Ha avuto i co***oni per riemergere e guadagnare nuovamente spazi, minuti e fiducia. Se non hai carattere una risalita del genere non la fai».

E per Granit l’Inter sarebbe una buona occasione?
«Ma sì, certo. È un club solido, con una proprietà ricca, e ambizioso. Un’esperienza del genere sarebbe da fare».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Liselotte Sabroe)
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 09:42:41 | 91.208.130.86