Immobili
Veicoli

TENNISL’appello di Djokovic: «I tennisti siano uniti»

28.03.21 - 13:00
Il serbo si è espresso in merito allo sfogo che ha coinvolto Pospisil: «È un caro amico e sono solidale con lui».
keystone-sda.ch / STR (Andy Brownbill)
L’appello di Djokovic: «I tennisti siano uniti»
Il serbo si è espresso in merito allo sfogo che ha coinvolto Pospisil: «È un caro amico e sono solidale con lui».

MIAMI - Qualche giorno fa - Vasek Pospisil - si è sfogato in campo contro il giudice di sedia, in occasione del primo turno del Masters 1000 di Miami, per un "penalty point" subito sul 3-5, 15-40 contro Mackenzie McDonald.

Il tennista canadese stava per servire il quinto punto del game, quando è incappato in un secondo "warning", perdendo di conseguenza il punto (3-6). In quel momento al 30enne si è spento il lume della ragione: una racchetta spaccata, una pallina lanciata in aria e parole pesanti rivolte al giudice di sedia.

In seguito, sedutosi sulla sua "panchina", ha iniziato a inveire contro il presidente dell'Atp Andrea Gaudenzi. «Ieri mi ha urlato addosso per un'ora e mezza, perché stavo cercando di unire i giocatori. Il leader dell’ATP! Portamelo qui, portamelo qui quel cog***ne(...)», è stato questo a grandi linee lo sfogo di Pospisil, che più tardi- attraverso i social network - ha condannato il suo gesto, scusandosi.

Il giudice di linea aveva invitato il tennista a lasciare certe questioni fuori dal campo, ma non c'è stato niente da fare. L'atleta era psicologicamente turbato per l'accaduto e la tensione del match ha contribuito alla reazione scomposta. Lo screzio fra i due è dunque probabilmente nato a causa dei contrasti che ci sono - riguardanti la gestione della pandemia, i protocolli e l'organizzazione generale - fra l’ATP e la PTPA, l'associazione parallela di tennisti che Pospisil "dirige" insieme a Novak Djokovic. La PTPA non ha mai trovato un punto di incontro con il Players Council dell’Atp, in cui hanno un'influenza notevole Roger Federer e Rafael Nadal. 

Nei confronti di Pospisil sono arrivati, sempre via social, diversi messaggi di solidarietà e fra questi spicca proprio quello di Djokovic: «Vasek Pospisil è un mio caro amico e sono solidale con lui con tutto il cuore», si può leggere. «I giocatori sono concordi sul fatto che è una persona della massima integrità e che ha a cuore il benessere dei suoi colleghi. Mi auguro che i tennisti professionisti riconoscano l’importanza di essere uniti».

COMMENTI
 
ciapp 1 anno fa su tio
lé pö già brütt quaicoss
Boh! 1 anno fa su tio
....viziati.
Pic73 1 anno fa su tio
Essere uniti ma allo stesso tempo creare un’associazione parallela? Qualcosa non torna... sarà l’associazione degli antipaticoni esaltati che da alla testa...
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT