Cerca e trova immobili

CANTONECongedo di paternità: il 55% delle aziende ha detto sì

22.01.18 - 17:53
L'inchiesta della Camera di commercio sottolinea come la volontà c'è. A volte, però, mancano le risorse
Congedo di paternità: il 55% delle aziende ha detto sì
L'inchiesta della Camera di commercio sottolinea come la volontà c'è. A volte, però, mancano le risorse

LUGANO - Quattro settimane di congedo paternità: secondo un sondaggio della Camera di commercio, che ha condotto un'inchiesta fra 318 imprese affiliate per un totale di 18'583 dipendenti, il 55% delle aziende ticinesi sarebbe d'accordo, sulla carta.

L'auspicio, però, è che se ne occupi in primis la politica, così da studiare misure che annullino le differenze causate dalle dimensioni e da costi, di conseguenza, non sempre e non per tutti sostenibili, a dispetto delle intenzioni.

Lo dimostrerebbe la realtà già in atto: il 48% delle imprese che impiegano oltre cento collaboratori assicura di concedere già, più o meno esteso, il diritto di assentarsi dal lavoro agli uomini che hanno appena avuto un figlio, percentuale che scende al 23% quando vi sono fra i 30 e i 100 occupati, per finire con un 7% sotto i trenta.

Circa il 74% delle aziende dichiara però di assecondare, fin dove possibile, le esigenze familiari dei propri addetti attraverso flessibilità di orario (90%), opportunità di occupazione a tempo parziale (57%), telelavoro (18%) e contributi finanziari (3%).

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE