Cerca e trova immobili

SVIZZERATassi in giù, «il franco forte ha probabilmente contribuito»

20.06.24 - 14:35
Solo parte degli analisti si aspettava la mossa della BNS. E ora? Cosa succederà nel prossimo futuro?
Depositphotos (johan10)
Fonte ats
Tassi in giù, «il franco forte ha probabilmente contribuito»
Solo parte degli analisti si aspettava la mossa della BNS. E ora? Cosa succederà nel prossimo futuro?

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha abbassato per la seconda volta consecutiva il tasso guida, portandolo all'1,25%. Circa la metà degli analisti intervistati dall'agenzia finanziaria AWP si aspettava questa mossa, mentre l'altra metà aveva ipotizzato che il tasso di interesse di riferimento sarebbe rimasto invariato.

«La decisione della BNS in materia di tassi d'interesse è stata probabilmente una scelta tirata», ha commentato Alessandro Bee, economista di UBS. Le aspettative sull'inflazione a medio termine erano più favorevoli a un taglio dei tassi, mentre contrario era il fatto che le altre principali banche centrali esitassero a ridurli.«A far pendere l'ago della bilancia potrebbe essere stato il recente e significativo apprezzamento del franco», afferma Bee.

Dello stesso parere è Renato Flückiger, della banca Valiant. «La BNS ha giustificato il taglio dei tassi di interesse con la diminuzione della pressione inflazionistica. Tuttavia, riteniamo che anche il sostanziale indebolimento dell'euro in seguito alle elezioni europee abbia avuto un impatto significativo», ha affermato.

Meno sorpreso dalla decisione della BNS è apparso Karsten Junius, di Safra Sarasin. A suo avviso, la pressione inflazionistica a medio termine continuerà a diminuire. Inoltre, la BNS prevede solo una crescita moderata per la Svizzera e si aspetta che la capacità produttiva continui a diminuire, mentre la disoccupazione aumenta.

Daniel Lüchinger, della Banca cantonale dei Grigioni (GKB), invece, definisce il taglio del tasso guida «piuttosto sorprendente». Sebbene l'inflazione sia all'interno della forchetta di obiettivi auspicata dalla BNS, «la pressione inflazionistica è ancora presente». In particolare, i salari sono aumentati di recente.

Cosa succederà in seguito?
Resta da vedere come evolveranno i tassi d'interesse. Forse non nell'immediato, ma almeno a medio termine molti esperti si aspettano un ulteriore rialzo dei tassi. Brian Mandt, della Banca cantonale lucernese (LUKB), vede un margine di manovra in tal senso in considerazione dell'andamento atteso dell'inflazione e ipotizza che la BNS abbasserà il tasso di riferimento all'1% tra un anno.

Anche Philipp Burckhardt, della banca Lombard Odier, si aspetta «un passo finale verso un tasso d'interesse neutro a medio termine», ma non in occasione della prossima valutazione di politica monetaria a settembre. Thomas Gitzel di VP Bank è dello stesso parere. Una pausa a settembre darebbe alla BNS più tempo per valutare il suo futuro orientamento di politica monetaria. Inoltre, ci sarebbe maggiore chiarezza sul comportamento della Bce e della Fed.

Nel frattempo, il margine di manovra della BNS per ulteriori tagli dei tassi d'interesse è limitato, afferma Philipp Merkt di Postfinance. «La BNS dovrebbe essere ansiosa di non raggiungere nuovamente il limite dei tassi di interesse a zero. Altrimenti, il suo margine di manovra sarebbe fortemente limitato in una eventuale prossima crisi».

Per David Marmet della Banca cantonale di Zurigo (ZKB), lo sviluppo dipende soprattutto dall'andamento del franco. Alla luce delle prospettive economiche e delle previsioni sull'inflazione della BNS, ulteriori tagli dei tassi di interesse sono «difficilmente giustificabili». Se il franco non si apprezzerà in modo significativo nei prossimi mesi, Marmet prevede che il tasso d'interesse di riferimento rimarrà invariato fino alla fine dell'anno.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE