Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
MONDO
2 ore
Meno sussidi (ma anche dazi) per una transizione verde efficace
È quanto sostiene uno studio pubblicato oggi dal World Economic Forum
CINA
4 ore
In Cina TikTok limitato per i preadolescenti a 40 minuti al giorno
La decisione del social cinese per «tutelare i giovani» e prevenire possibili strette governative
CANTONE
10 ore
Manor: «I nostri vestiti saranno social»
Una moda diversa tra una regione linguistica e l'altra. Ecco quali sono i gusti dei ticinesi
CINA
11 ore
Il collasso di Evergrande avrà ripercussioni globali?
Alcuni analisti dicono di no, ma intanto sui mercati asiatici (e non solo) è già visibile un netto effetto domino
GERMANIA
23 ore
Lufthansa, aumento di capitale da 2,14 miliardi
Operazione decisa per poter restituire gli aiuti statali, come annunciato dal gruppo
MONDO
1 gior
La città più sicura al mondo è Copenhagen
Zurigo, la prima città svizzera citata dallo studio, si posiziona al 19esimo posto
STATI UNITI
2 gior
Addio alle password, svolta per Microsoft
Sarà necessario installare l'app Authenticator, e collegare il proprio account
PAESI BASSI
2 gior
Fare una transazione in Bitcoin? «È come buttare nel cestino due iPhone»
Una nuova analisi mette in evidenza il problema dei rifiuti tecnologici generati dalla criptovaluta
SVIZZERA
3 gior
Dentro Logitech, fuori Swatch: come cambia l'SMI
La Borsa di Zurigo segue le evoluzioni provocate dalla pandemia
STATI UNITI
3 gior
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
3 gior
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
3 gior
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
01.06.2021 - 16:390

Economia svizzera, la SECO è ottimista

Nel primo trimestre del 2021, il Pil non è crollato, ma è ampia la differenza tra settori

I più colpiti l'alberghiero e la ristorazione, ma tempi duri anche per arte, intrattenimento e tempo libero

BERNA - Nonostante l'inizio dell'anno sia stato difficile a causa delle restrizioni legate al coronavirus, l'economia svizzera beneficerà di una forte ripresa e potrebbe presto tornare ai livelli pre-crisi.

«Sicuramente vi sarà una ripresa nel secondo trimestre, vedremo un netto miglioramento», afferma Ronald Indergand, economista della Segreteria di Stato dell'economia (Seco), in dichiarazioni riportate dall'agenzia Reuters. «Sussiste una buona possibilità che la Svizzera ritorni ai livelli pre-crisi entro la fine del terzo trimestre, forse anche prima», aggiunge lo specialista.

Nel primo trimestre il prodotto interno lordo (Pil) elvetico è sceso dello 0,5% rispetto agli ultimi tre mesi del 2020. Per avere una nuova previsione annuale della Seco bisognerà attendere il 15 giugno: l'ultima stima - che risale all'11 marzo - pronostica una crescita al 3,2% quest'anno e al 3,5% nel 2021.

La crisi, settore per settore

Il dato complessivo del primo trimestre 2021 nasconde però realtà assai disparate. Il settore alberghiero e della ristorazione ha registrato una contrazione del -30,4%, sulla scia delle chiusure degli esercizi pubblici e della scarsità di turisti internazionali. Anche il comparto arte, intrattenimento e attività del tempo libero segna uno scarto trimestrale molto negativo (-5,1%), sulla scia dei provvedimenti anti-Covid. Nel ramo socio-sanitario (-3,0%) ha invece pesato il rinvio degli interventi programmati. In linea con la minore mobilità della popolazione pure il settore dei trasporti e delle comunicazioni ha mostrato un andamento in rosso (-0,9%).

Di conseguenza i consumi privati hanno subito una netta contrazione (-3,3%): è crollata la spesa per la ristorazione e le attività del tempo libero, ma in compenso è aumentata la domanda di generi alimentari e di altri beni, come i dispositivi elettronici. Il commercio al dettaglio è dunque rimasto relativamente stabile (-1,4%) nonostante le chiusure temporanee. Nel complesso, il settore del commercio ha però registrato un calo pronunciato (-4,8%) a causa delle forti flessioni nel comparto all'ingrosso.

Solo alcuni rami del terziario sono risultati in espansione: si tratta in particolare dei servizi finanziari (+2,6%) e della pubblica amministrazione (+0,7%). Tirando le somme si registra comunque un netto calo del valore aggiunto nel terziario e anche le esportazioni di servizi sono diminuite (-5,2%). Durante la prima ondata, nella primavera del 2020, le perdite erano però state decisamente maggiori. Passando al ramo secondario, l'edilizia ha rallentato (-0,5%), in linea con la stagnazione degli investimenti nel settore (+0,1%). 

L'industria vanta per contro un'evoluzione trimestrale molto positiva: sia la creazione di valore che le esportazioni hanno superato il livello pre-crisi.

A differenza della primavera 2020, nell'autunno/inverno 2020-21 le catene di approvvigionamento internazionali non si sono di fatto mai interrotte. Sostenuto dal forte aumento della domanda da parte di importanti partner commerciali come gli Stati Uniti e la Cina, il settore manifatturiero è cresciuto più dinamicamente nel primo trimestre (+4,9%) rispetto agli ultimi tre mesi del 2020. A questo risultato hanno contribuito sia il settore chimico-farmaceutico che gli altri rami più sensibili alle variazioni congiunturali.

Di conseguenza è proseguita la ripresa di varie categorie dell'export, comprese quelle di orologi e strumenti di precisione, nonché di macchinari e metalli. Il settore industriale ha quindi svolto un ruolo chiave nel limitare il calo del Pil, osservano gli economisti della Seco.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 3 mesi fa su tio
Fanfaroni bugiardi..non serve aggiungere altro
SteveC 3 mesi fa su tio
Certo, questo è quello che vogliono farci credere, nel frattempo sono aumentate le imposte, i prezzi al consumo, il franco è in costante discesa e così via. E ci dicono anche che non c’è inflazione. Come ci si spiega allora che a fine mese non avanziamo niente, malgrado ristoranti semi chiusi, limitazioni di vario genere, vacanze non fatte?
Ro 3 mesi fa su tio
Inaudito. Il 26 5 2021 si leggeva: “ Il mattone torna a tirare “ Oggi dopo 7 giorni .....leggete cosa dicono “ sull’edilizia “.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 20:34:26 | 91.208.130.87