Immobili
Veicoli

SVIZZERAEmmi aumenta le vendite nonostante il coronavirus

28.01.21 - 15:37
La borsa ha tuttavia reagito negativamente alle previsioni del risultato Ebit.
Keystone
Emmi aumenta le vendite nonostante il coronavirus
La borsa ha tuttavia reagito negativamente alle previsioni del risultato Ebit.
Negli ultimi 20 anni il produttore lattiero-caseario si è internazionalizzato: è presente in altri 14 Paesi oltre alla Svizzera.

LUCERNA - Aumento delle vendite per Emmi nel 2020, che ha realizzato un fatturato di 3,7 miliardi di franchi, in crescita del 6% rispetto all'anno precedente. La crisi del coronavirus sembra insomma non aver influenzato negativamente i risultati del colosso lattiero-caseario lucernese, grazie anche alla crescita registrata in Sudamerica, che ha compensato le perdite in altre regioni. 

A livello di organico, cioè al netto degli effetti dei cambi e delle acquisizioni, la progressione è del 2%, ha indicato oggi la società. A trainare i proventi è stato soprattutto il mercato elvetico nel primo semestre, mentre nel secondo hanno contribuito anche i mercati esteri.

Per avere indicazioni sulla redditività bisognerà aspettare il 2 marzo, quando saranno pubblicati i risultati dettagliati. Nel frattempo la dirigenza conferma però le previsioni che vertono su un risultato Ebit compreso fra 255 e 265 milioni di franchi. La borsa ha reagito negativamente: il titolo della società è arrivato a perdere oltre il 3%.

Fondata nel 1907 attraverso l'unione di 62 cooperative della regione lucernese, Emmi negli ultimi 20 anni si è internazionalizzata: è presente in altri 14 paesi oltre alla Svizzera, e circa due terzi degli oltre 8'000 dipendenti lavorano all'estero. Dal dicembre 2004 l'impresa è quotata alla borsa di Zurigo.

NOTIZIE PIÙ LETTE