Cerca e trova immobili

CINA / UELa Cina e la ripicca: pensa a penalizzare la carne di maiale "made" in UE

17.06.24 - 11:10
Pechino ha avviato una procedura antidumping forse come ritorsione alle sanzioni UE sull'elettrico.
Imago
Fonte ats ans
La Cina e la ripicca: pensa a penalizzare la carne di maiale "made" in UE
Pechino ha avviato una procedura antidumping forse come ritorsione alle sanzioni UE sull'elettrico.

PECHINO - La Cina lancia un'indagine antidumping sui prodotti importati dall'Ue legati alla carne di maiale. Lo riferisce il ministero del commercio in una nota, secondo cui Bruxelles ha 20 giorni di tempo per presentare "opinioni" sulla vicenda.

La mossa è vista come una ritorsione ai dazi provvisori annunciati dall'Ue sull'importazione di veicoli elettrici made in China, accusati di godere di sovvenzioni statali.

Il ministero del commercio ha aperto un'indagine antidumping «sulle importazioni di carne di maiale e sui relativi sottoprodotti provenienti dall'Unione europea» (Ue), in risposta a una richiesta «formalmente presentata dalla China Animal Husbandry Association (associazione cinese di zootecnia) per conto dell'industria suina nazionale", secondo il comunicato.

«In base alle prove raccolte, la produzione totale di carne suina e relativi sottoprodotti soddisfa il ricorso alle disposizioni delle norme antidumping della Repubblica popolare» ed è in linea con le norme dell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto).

L'indagine arriva alla luce delle crescenti tensioni commerciali tra la Cina e l'Ue, che la settimana scorsa ha dichiarato che avrebbe imposto dazi provvisori aggiuntivi fino al 38,1% sulle importazioni cinesi di auto elettriche a partire dal prossimo mese, dopo un'indagine antisovvenzioni.

Pechino ha avvertito che i dazi «danneggerebbero gli interessi dell'Europa» e ha condannato il "protezionismo" del blocco europeo. Prima della decisione, i media statali di Pechino avevano intensificato le minacce secondo cui il Regno di Mezzo avrebbe potuto prendere di mira le esportazioni dell'Ue, compresi carne di maiale e prodotti lattiero-caseari. La Cina ha avviato un'indagine antidumping a gennaio sul brandy importato dall'Ue, con una mossa considerata rivolta ad aumentare la pressione sulla Francia, accusata di aver spinto per l'indagine della Commissione europea sui veicoli elettrici.

Nota:

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE