Immobili
Veicoli

STATI UNITILa Banca Mondiale avverte: il rischio di recessione è «devastante»

16.09.22 - 08:18
Nel mirino l'aumento dei tassi di interesse intrapreso dalle banche centrali
AFP
Fonte Ats
La Banca Mondiale avverte: il rischio di recessione è «devastante»
Nel mirino l'aumento dei tassi di interesse intrapreso dalle banche centrali

WASHINGTON - La Banca Mondiale avverte: le banche centrali potrebbero far scivolare l'economia mondiale in una «devastante» recessione il prossimo anno se alzeranno troppo i tassi di interesse.

«La mia profonda preoccupazione è che se i trend in atto continueranno, le conseguenze saranno devastanti per le economie emergenti e in via di sviluppo», afferma il presidente dell'organismo David Malpass, citato in un comunicato diffuso nella serata di ieri.

Uno studio della Banca Mondiale di Justin-Damien Guénette, Ayhan Kose e Naotaka Sugawara è categorico: «l'esperienza delle recessioni precedenti suggerisce che almeno due sviluppi, che si sono già materializzati negli ultimi mesi o potrebbero essere in corso, aumentano la probabilità di una recessione globale nel prossimo futuro».

In primo luogo, rilevano gli economisti, «ogni recessione globale dal 1970 è stata preceduta da un significativo indebolimento della crescita globale nell'anno precedente, come è accaduto di recente. In secondo luogo, tutte le precedenti recessioni globali hanno coinciso con bruschi rallentamenti o recessioni definitive in diverse grandi economie».

Nonostante l'attuale rallentamento della crescita globale, osservano gli specialisti, «l'inflazione è salita ai massimi pluridecennali in molti paesi. Per arginare i rischi derivanti da un'inflazione persistentemente elevata e in un contesto di uno spazio di bilancio limitato, molti paesi stanno ritirando il sostegno monetario e di bilancio». Di conseguenza a livello internazionale assistiamo ad un inasprimento della politica monetaria. «Queste azioni politiche - sottolineano - sono necessarie per contenere le pressioni inflazionistiche, ma i loro effetti potrebbero produrre impatti maggiori del previsto, sia nell'inasprimento delle condizioni finanziarie che nel rallentamento della crescita».

Secondo gli autori dell'analisi i responsabili dovrebbero percorrere un percorso «che richiede una serie di misure sul lato della domanda e dell'offerta». Dal lato della domanda, osservano, «la politica monetaria deve essere impiegata in modo coerente per ripristinare, in modo tempestivo, la stabilità dei prezzi. La politica di bilancio deve dare priorità alla sostenibilità del debito a medio termine, fornendo al contempo un sostegno mirato ai più vulnerabili. I responsabili politici devono essere pronti a gestire le potenziali ricadute derivanti dal ritiro sincrono globale delle politiche a sostegno della crescita. Dal lato dell'offerta, devono mettere in atto misure per alleviare i vincoli che affrontano i mercati del lavoro, i mercati dell'energia e le reti commerciali».
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA