keystone-sda.ch / STF (Chris Pizzello)
Matthew Loeb, sindacalista della International Alliance of Theatrical Stage Employees.
STATI UNITI
17.10.2021 - 17:230

A Hollywood si è evitato lo sciopero

L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie

LOS ANGELES - Lieto fine a Hollywood nella vertenza che da mesi ha opposto i lavoratori "invisibili" dello spettacolo agli studi di produzione di film e serie tv. In extremis, e a 24 ore dalla scadenza che avrebbe comportato uno sciopero di oltre 60 mila tra cameramen, tecnici del suono, costumisti, parrucchieri, truccatori e altro personale di supporto, il sindacato ha trovato un accordo con le major.

I picchetti davanti agli ingressi degli studi Sony, Disney, Fox, Warner e Paramount erano già pronti quando è arrivato l'accordo. L'intesa, che deve essere ora messa al voto degli iscritti, è stata sottoscritta dal sindacato (la International Alliance of Theatrical Stage Employees) e dall'alleanza dei produttori.

Il nuovo contratto triennale prevede pause durante i turni di lavoro tradizionalmente massacranti, un week-end di 54 ore, un aumento del 3% dei salari e una paga minima per i lavoratori a minor reddito: «Possiamo parlare di un “happy ending” hollywoodiano», ha commentato il presidente della Iatse Matthew Loeb: «I nostri affiliati non hanno ceduto, sono rimasti uniti».

Gli effetti dello sciopero sarebbero stati immediati, fermando di fatto film e serie televisive attualmente in lavorazione in una Hollywood che sta riprendendosi dopo il lungo lockdown da pandemia. Di fatto per la Alliance of Motion Picture and Television Producers l'andata a Canossa è stata vantaggiosa: avrebbero perso di più' col blocco delle produzioni se domani fosse scattata l'astensione dal lavoro.

Se indetto, quello dei tecnici di Hollywood sarebbe stato il primo sciopero nazionale nella storia della Iatse in 128 anni. Avrebbe interessato non solo l'area di Los Angeles, ma anche nuovi poli di produzione in Georgia, il New Mexico e il Colorado.

Le parti erano tornate al tavolo delle trattative due settimane fa dopo che i membri del sindacato avevano votato alla quasi totale unanimita' per lo sciopero. Durante i negoziati si erano schierati con i lavoratori "invisibili" dello spettacolo star come Octavia Spencer, Mindy Kaling e Jane Fonda.

Anche la Directors Guild of America aveva diffuso un comunicato firmato, tra gli altri, da Steven Spielberg, Christopher Nolan, Barry Jenkins, Ron Howard e Ava DuVernay.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 17:22:56 | 91.208.130.87