Reuters
STATI UNITI
10.09.2021 - 18:150
Aggiornamento : 18:30

Pagamenti interni nelle app, schiaffo ad Apple in tribunale

Secondo la giudice Gonzalez Rogers, gli sviluppatori possono usare i loro metodi di pagamento

Apple, finora, imponeva il proprio sistema, che includeva un 30% di commissioni

SACRAMENTO - Un'altra sberla, a livello giuridico, ha colpito oggi Apple.

È infatti arrivata la sentenza nella disputa con Epic Games, azienda produttrice del noto gioco "Fortnite", che aveva intentato una causa legale contro Apple per «l'anticoncorrenzialità» del gigante tecnologico. In particolare, il caso riguarda le modalità con cui gli sviluppatori possono raccogliere pagamenti all'interno delle app.

Il tutto, lo ricordiamo, era partito nell'agosto del 2020, quando Epic Games ha fatto causa ad Apple per aver rimosso "Fortnite" dall'App Store. Una decisione legata al fatto che Epic Games avrebbe «infranto le regole» inserendo nel videogioco il suo sistema, esterno, di pagamento.

Ora, la giudice Gonzalez Rogers, del tribunale distrettuale statunitense della California, ha decretato che Apple non può impedire agli sviluppatori di fornire link o collegamenti diretti ad altri metodi di pagamento, al di fuori del sistema di acquisti in-app di Apple (che fa pagare agli sviluppatori commissioni fino al 30%). Inoltre, ha sentenziato anche che Apple non può vietare agli sviluppatori di comunicare direttamente con i clienti attraverso le informazioni di contatto ottenute quando i clienti si sono iscritti, all'interno dell'app.

La giudice ha detto che tali regole «nascondono informazioni critiche ai consumatori, influenzandone la scelta», riporta l'agenzia di stampa Reuters.

In ogni caso, non è una vittoria totale per Epic Games, poiché «non è riuscita a dimostrare» che Apple sia un «monopolista illegale», e per questo dovrà pagare i danni. Gonzalez Rogers si è limitata a concedere a Epic alcuni dei suoi desideri, tra cui - il più importante - quello relativo all'App Store.

Le azioni Apple sono scese di circa il 2,5% alla notizia della decisione, che è previsto entri in vigore fra 90 giorni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 02:39:14 | 91.208.130.86