Immobili
Veicoli

PAKISTANTinder bannato per «contenuti indecenti»

06.09.20 - 10:35
Il paese asiatico ha deciso di bloccare cinque App d'incontri online
Depositphotos (sharafmaksumov)
Tinder bannato per «contenuti indecenti»
Il paese asiatico ha deciso di bloccare cinque App d'incontri online

ISLAMABAD - Le autorità del Pakistan hanno deciso di bloccare diverse applicazioni d'incontri online, tra cui Tinder.

Il motivo? Diffondono «contenuti immorali». Lo ha riportato il portale internazionale AlJazeera, sulla base della decisione dell'autorità nazionale per le telecomunicazioni (PTA), che già settimana scorsa aveva notificato un primo avviso alle app.

Le piattaforme online sono accusate di non aver tenuto in considerazione le leggi locali, infatti, in Pakistan, le relazioni extraconiugali e l'omosessualità sono illegali. Le richieste della PTA riguardano la rimozione dei «servizi di dating» e la moderazione dei contenuti in diretta streaming, in conformità con le leggi locali.

La decisione ha acceso ancor di più le discussioni sulla ripetuta censura online delle autorità pachistane. Gli attivisti dei diritti temono la tendenza che sta pian piano prendendo piede: di censura e di controllo di Internet e della carta stampata. Non è infatti un caso isolato: a luglio, il Pakistan ha emesso un "ultimo avvertimento" all'applicazione TikTok, per ciò che riguarda contenuti espliciti pubblicati sulla piattaforma, mentre l'app Bigo Live è stata bloccata per 10 giorni. Anche YouTube è stato più volte avvisato di dover monitorare i contenuti volgari, indecenti, e immorali.

Oltre a Tinder, sono stati bloccati anche Grindr, Tagged, Skout e SayHi.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA