Immobili
Veicoli
KEYSTONE
Addio a Cesare Romiti, per 25 anni in Fiat.
ULTIME NOTIZIE Economia
CANTONE
11 ore
L'importanza della frutta e verdura ticinesi vista da... chi la mangia
Presentata “Ticino a te” la nuova campagna del Ccat perché «Siamo quello che mangiamo...»
SVIZZERA
18 ore
Il Ceo di Axpo avverte: «Rischio di carenza di elettricità in inverno»
Il fatto che metà del parco nucleare francese sia attualmente fuori servizio complica ulteriormente le cose
SVIZZERA
1 gior
Arranca il mercato delle auto, ma non di ibride ed elettriche
La crisi dell'auto? Colpa del Covid e della difficoltà a trovare chip. Multe agli automobilisti per 35,8 milioni.
SVIZZERA
1 gior
Gli svizzeri acquistano sempre di più sulle piattaforme online straniere
La Svizzera fa capolino anche nella top ten dei Paesi che più riescono a vendere all'estero
STATI UNITI
2 gior
I magazzini di Amazon rischiano di restare vuoti
Entro il 2024 l'e-commerce potrebbe esaurire tutte le sue possibili risorse lavorative americane
STATI UNITI
2 gior
Stop alla nicotina nelle sigarette
L'amministrazione Biden vuole ridurre la sostanza di modo che non crei più dipendenza e che quindi meno persone muoiano
SVIZZERA
3 gior
Ecco l'identikit della casa ideale per gli svizzeri
Sempre più giovani sognano di comprare un immobile, ma in pochi ci riescono a causa dei criteri di finanziamento
STATI UNITI
3 gior
Il figlio di Elon Musk cambia cognome per troncare qualsiasi legame
Stando a TMZ Xavier avrebbe anche avviato la procedura per cambiare genere
MONDO
3 gior
Tutti stregati dagli Nft: vero investimento o bolla?
Cosa si nasconde dietro la sigla che sta rivoluzionando il mercato delle aste
SVIZZERA
4 gior
L'inflazione rallenterà solo nel 2023
Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo prevede un forte aumento nel 2022 prima dell'atteso calo
SVIZZERA
4 gior
«Sarà un autunno salariale come tutti gli altri»
Nonostante l'inflazione, non verranno annunciati grandi aumenti di stipendi, secondo l'Unione degli imprenditori
ITALIA
18.08.2020 - 10:410

È morto Cesare Romiti

Manager di alto profilo, il suo nome è legato in modo indelebile alla Fiat

ROMA - È morto nella notte Cesare Romiti, a lungo amministratore delegato di Fiat e tra i principali manager e imprenditori italiani. Aveva compiuto lo scorso mese di giugno 97 anni.

Ha passato 25 anni in Fiat, dove ha vissuto tappe storiche come la marcia dei quarantamila. ''Manager di Ferro'', leader della linea dura antisindacale negli anni più difficili della vita in fabbrica, Romiti ha vissuto nel gruppo del Lingotto la stagione più significativa di una vita professionale intrecciata con la storia del capitalismo italiano. Poi altre tappe: Gemina, la presidenza di Rcs, uno dei principali gruppi editoriali italiani. Era nato a Roma il 24 giugno del 1923.

Figlio di un impiegato delle Poste, laurea in scienze economiche e commerciali, i suoi primi passi da manager, Romiti li ha mossi dal 1947 a Colleferro, nel Gruppo Bombrini Parodi Delfino. Nel '70 l'allora Istituto per la ricostruzione industriale (Iri) lo chiama in Alitalia: direttore generale, poi amministratore delegato.

Nel '73 è all'Italstat, la Società italiana per le infrastrutture e l'assetto del territorio, che è stata la società finanziaria dell'Iri.

Dal 1974 in Fiat - Dal 1974 è in Fiat: vive gli anni del forte potere sindacale, delle fabbriche ingovernabili, del terrorismo. Nel 1976 diventa amministratore delegato insieme con Umberto Agnelli e Carlo De Benedetti. L'ingegnere lascia dopo solo 150 giorni, ma il dualismo tra Romiti e De Benedetti, due visioni diverse, si trascinerà per anni. Cesare Romiti rimane solo, al posto di comando, quando il 14 ottobre 1980, dopo 35 giorni di scioperi, 40'000 quadri della Fiat scendono in piazza contro il sindacato, che poco dopo arriva all'accordo su una pesante riorganizzazione.

Il 1980 è anche l'anno della Fiat Uno, lanciata in anteprima mondiale a Cape Canaveral, un simbolo come auto degli italiani, il modello che rilancia le vendite. Una creatura di Vittorio Ghidella che qualche anno dopo lascerà l'azienda, si dice proprio per i contrasti con Romiti che a quel punto assume anche la guida di Fiat Auto. Di quegli anni si racconta di un rapporto sempre più saldo con l'"Avvocato", Gianni Agnelli. E quando nel 1996, a 75 anni, l'"Avvocato" lascia la presidenza di Fiat per diventarne presidente onorario, il testimone passa proprio a Romiti. Che resta presidente fino al 1998, quando anche per lui scatta il limite dei 75 anni.

Precursore - Romiti precorre i tempi quando nel 1991 è vicino ad acquistare Chrysler; anni dopo in una intervista spiega: «Io e Gianni Agnelli avevamo concluso l'operazione ma Umberto Agnelli si mise di traverso». Due caratteri diversi, l'approccio morbido di Umberto Agnelli, spesso in contrasto con il ''pugno di ferro'' di Romiti.

Sono anche gli anni di Tangentopoli, che tocca anche Fiat. Una condanna per falso in bilancio, poi revocata nel 2003 quando non era più reato, porta a Romiti la solidarietà pressoché unanime del mondo imprenditoriale italiano.

«Anche se avessi il desiderio di entrare in politica non ne sarei capace. Io dico sempre quello che penso», afferma una volta Romiti dei suoi rapporti con la politica. Mai una tessera di partito, solo una tentazione, avrebbe confessato anni dopo in una intervista, quando l'ex premier italiano Silvio Berlusconi gli chiese di candidarsi sindaco a Roma contro Walter Veltroni (ma poi scelse Antonio Tajani).

Nel 1998, subito dopo aver lasciato il Lingotto, con la buonuscita dalla presidenza Fiat, Romiti arriva nell'holding finanziaria Gemina che, tra l'altro, aveva rilevato da Mediobanca il controllo di Rcs; fino al 2005 è azionista di Impregilo, ed entra poi nel business delle infrastrutture con la privatizzazione di Aeroporti di Roma. In Rcs Romiti è presidente dal 1998 al 2004. L'uscita da Gemina è del 2007.

La Fondazione Italia Cina è stata la più recente delle sue passioni, voluta e creata da Romiti nel 2003.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 03:30:54 | 91.208.130.85