Cerca e trova immobili

KENYAIl Kenya vieta le plastiche monouso nelle aree protette

07.06.20 - 12:42
Senza agire, le Nazioni Unite stimano che entro il 2050 nell'oceano ci sarà più plastica che pesci
Keystone
L'inquinamento da plastica è un problema a livello mondiale.
L'inquinamento da plastica è un problema a livello mondiale.
Il Kenya vieta le plastiche monouso nelle aree protette
Senza agire, le Nazioni Unite stimano che entro il 2050 nell'oceano ci sarà più plastica che pesci

NAIROBI - La plastica è uno degli inquinanti peggiori e di conseguenza una delle minacce più gravi per la salute del pianeta. I prodotti in plastica monouso stanno infatti inquinando la maggior parte degli ecosistemi, dalle foreste pluviali agli oceani. 

Entro il 2050, le Nazioni Unite stimano che nell'oceano ci sarà più plastica che pesci, a meno che i governi e il settore privato non promuovano una progettazione, una produzione, un uso e una gestione più efficiente delle risorse della plastica.

Lo ricorda il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) in un comunicato, nel quale sottolinea il coraggioso passo del Kenya in questa direzione. Il Paese africano ha infatti deciso di vietare la plastica monouso nelle aree naturali protette.

Perciò, a partire dal 5 giugno, nei parchi nazionali, nelle spiagge, nelle foreste e nelle aree protette keniote, i visitatori non potranno più portare bottiglie d'acqua, piatti monouso, posate o cannucce di plastica. L'iniziativa è il seguito di una decisione innovativa del Kenya, che ha già previsto il divieto a livello nazionale dei sacchetti di plastica monouso nel 2017.

«Vietando la plastica monouso nei suoi parchi e nelle aree protette, il Kenya si unisce al resto del mondo nel definire l'agenda per la gestione sostenibile dei rifiuti», ha detto Juliette Biao, Direttrice della regione Africa all'UNEP.

«La conservazione del nostro ambiente è legata al nostro benessere e a quello delle generazioni future. Questo divieto è importante per affrontare la catastrofe dell'inquinamento da plastica che il Kenya e il mondo stanno affrontando, e speriamo che catalizzi politiche e azioni simili da parte delle comunità dell'Africa orientale», ha detto Najib Balala, a capo del Segretariato per il Turismo e la fauna selvatica.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Nmemo 4 anni fa su tio
... se andassero a controllare chi le brucia e spegnessero i roghi perpetui ... Comunque l'Europa si lava la coscienza esportando inquinamento e miserie ...

sedelin 4 anni fa su tio
in ruanda tutta la plastica é vietata da anni. tutto il mondo dovrebbe seguire l'esempio, subito non domani.

Canis Majoris 4 anni fa su tio
Risposta a sedelin
Quanto hai ragione! Ma noi consumatori possiamo fare subito il cambiamento! Basta evitare di acquistare prodotti imballati nella plastiche (aiuto è quasi impossibile) io ci provo da anni ma che fatica!!!!!!

Mattiatr 4 anni fa su tio
Risposta a sedelin
Il Ruanda ha abolito la plastica perché non era in grado di processarla, difatti non avevano strutture per lo smaltimento dei rifiuti. Basti pensare che dalla capitale venivano raccolte 100 tonnellate di spazzatura al giorno senza sapere dove metterla. Oggi la plastica è vietata ma con ogni probabilità vetro, alluminio, carta e altre materie vengono comunque scaricate in giro. La storia del Green Ruanda è una favoletta raccontata per farsi belli nel resto del mondo, la verità è che purtroppo faticano a trovare i fondi per creare delle strutture sufficienti a garantire un tenore di vita migliore nel paese (la posizione geografica sicuramente non è d'aiuto).

sedelin 4 anni fa su tio
Risposta a Mattiatr
si vede che non sei stato in ruanda, altrimenti non scriveresti cavolate. la verità sul paese é che la pulizia in generale é paragonabile a quella svizzera; non é una favola, ma il frutto dei tuoi pregiudizi.

Mattiatr 4 anni fa su tio
Risposta a sedelin
Ma quali pregiudizi ;-) Semplicemente ho trovato una decina di articoli che dicevano così, quindi mi sono affidato a loro (non articoli di siti farlocchi). Poi se sono falsi non posso che chiedere perdono, però mi pare strano che non ci sia nemmeno un fondo di verità.

sedelin 4 anni fa su tio
Risposta a Mattiatr
vai di persona in ruanda e guarda con i tuoi occhi, i giornalai scrivono ciò che vogliono.

Corri 4 anni fa su tio
E l'industria che c'è lo impone, gran parte della popolazione non riesce a evitarlo.

Mattiatr 4 anni fa su tio
Risposta a Corri
Per la carne vai dal macellaio e per la frutta vai in campagna, già così hai dimezzato l'uso della plastica.

Canis Majoris 4 anni fa su tio
Ma lo facessero tutte le nazioni! Basta plastica
NOTIZIE PIÙ LETTE