keystone
FRANCIA-GIAPPONE
08.04.2020 - 07:470

Nissan vuole "congelare" 10mila dipendenti

Sospendere i posti di lavoro in Europa e Stati Uniti. La mossa del colosso franco-giapponese

PARIGI - Nissan sta considerando la sospensione temporanea di oltre 10mila dipendenti negli Stati Uniti e in Europa in seguito allo stop della produzione negli impianti, per via dell'espansione globale del coronavirus e il tracollo della domanda del mercato delle quattro ruote.

Lo anticipano i media giapponesi, spiegando che la casa nipponica ha allo studio una cospicua riduzione della forza lavoro sul mercato statunitense, oltre ai 6000 dipendenti già segnalati nell'impianto inglese di Sunderland, e i 3000 impiegati in Spagna.

I tre impianti Nissan negli Stati Uniti, in Tennessee e Mississippi, sono chiusi dal 20 marzo e il loro fermo è stato prolungato almeno fino al termine di aprile.

Ancor prima della diffusione della pandemia, spiegano i media giapponesi, il terzo costruttore auto giapponese aveva previsto il taglio di 12.500 dipendenti, pari a circa il 10% della forza lavoro, all'interno di un piano più ampio di ristrutturazione.

Dopo l'arresto dell'ex presidente del gruppo Carlos Ghosn per illeciti finanziari, nel novembre del 2018, Nissan ha fatto fatica a recuperare terreno in un mercato già in fase di rallentamento. Lo scorso febbraio l'azienda con sede a Yokohama ha registrato la prima perdita trimestrale in 11 anni nel periodo tra ottobre e dicembre, e ha ridotto ulteriormente le stime sugli utili.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 18:19:18 | 91.208.130.87