ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
24 min
Vaccino AstraZeneca anche per gli over 65
È la direzione in cui intende andare la Germania sulla base dei risultati di uno studio scozzese
ITALIA
46 min
Ecco come cambiano le zone Covid in Italia
Tra le regioni che diventano arancioni si contano Lombardia e Piemonte
ITALIA
1 ora
«Truffa» milionaria ai danni di un imprenditore arabo: 42enne svizzero arrestato a Venezia
L'operatore finanziario avrebbe sottratto 126 milioni di euro. Era latitante.
NUOVA ZELANDA
3 ore
Auckland in lockdown per sette giorni
Il provvedimento è dovuto alla scoperta di un nuovo caso di coronavirus
BRASILE
4 ore
Il Brasile di fronte alla quarta ondata
L'OMS: «Che sia un monito per tutto il mondo, la pandemia non è finita e ogni rilassamento è pericoloso»
RUSSIA
4 ore
Dzerzhinsky non tornerà davanti al quartier generale dell'intelligence russa
È stato cancellato il referendum sul ripristino del monumento dedicato al fondatore del KGB
STATI UNITI
4 ore
Usa: la Camera approva il maxi-piano di aiuti
Si tratta di un pacchetto da 1'900 miliardi di dollari per contrastare gli effetti della pandemia
ARABIA SAUDIT
5 ore
Negli Stati Uniti via libera al vaccino Johnson&Johnson
Lo ha dato la commissione della FDA. Per oggi è attesa l'approvazione da parte dei vertici
GIAPPONE
6 ore
Niente cognome da nubile una volta sposate, lo dice la ministra delle pari opportunità
La giapponese Tamayo Marukawa è tra i firmatari di una lettera che osteggia la proposta di riforma.
STATI UNITI
18 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
19 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
FRANCIA
26.05.2014 - 20:580
Aggiornamento : 24.11.2014 - 00:31

Europee, Le Pen il giorno dopo il terremoto

"È crollata una diga, è finita la demonizzazione. Adesso parliamo di politica, delle grandi scelte per la Francia"

PARIGI - Il giorno dopo "il terremoto", "lo shock", il "big bang" - le tre definizioni più gettonate in Francia per descrivere la giornata di ieri - una sola sopravvissuta, Marine Le Pen, si aggira fra le macerie della politica. In briciole il Partito socialista del presidente della Repubblica François Hollande, sull'orlo del baratro la destra Ump.

In serata, in un messaggio registrato all'Eliseo e mandato in onda su tutte le reti alle 20, il presidente François Hollande si è ancora una volta rivolto ai francesi che gli hanno votato contro. Per ammettere la "verità dolorosa" dello scrutinio europeo e confermare che non "devierà" dalla strada che si è prefisso: "riformare la Francia e riorientare l'Europa". Verso la "crescita", ha ribadito, e verso un arretramento di Bruxelles laddove l'Europa è meno necessaria. Un discorso fumoso e ripetitivo, insistente sull'"amore per la Francia", dopo il quale la maggior parte dei commentatori negli studi si chiedeva cosa avesse spinto Hollande a prendere la parola già questa sera.

Trionfante ma senza eccessi, la leader del Front National non sbaglia un colpo dal 2011, da quando prese un partito di protestatari e nostalgici senza ambizioni politiche per trasformarlo in una macchina da guerra. "È crollata una diga - ripete alle tv - è finita la demonizzazione. Adesso parliamo di politica, delle grandi scelte per la Francia". Florian Philippot, numero 2 e luogotenente della bionda Marina, alle 7.00 del mattino era già ai microfoni delle radio: "quando si supera il 20% dei suffragi - ha spiegato con voce calma nonostante i festeggiamenti fino a notte fonda - si supera una tappa. Soprattutto quando lo si fa contro tutti i partiti".

Un francese su quattro (i risultati definitivi sono 24,95%) è la quota che ormai vota Le Pen in Francia. Con picchi fra operai e giovani, un incredibile 33,61% nel nord-ovest e un distacco di quasi 5 punti dai primi inseguitori - l'Ump fu fondato nel 2002 per sbarrare la strada alle ambizioni del Front National - e il doppio delle preferenze del partito al potere. Entrambi - PS e Ump - sono a brandelli, Marine Le Pen ha spiegato alle schiere di inviati e davanti a mille telecamere che "per fare un risultato del genere si devono prendere voti a destra, ma anche a sinistra". L'obiettivo ormai non più nascosto di Marine sono le presidenziali 2017, con un panorama dei partiti francesi che sarà forse definitivamente cambiato. E in cui lei, leader di un Front National che catalizza da solo tutto il malcontento dei francesi (l'estrema sinistra è quasi scomparsa) vuole giocarsi le sue carte come e meglio del padre, arrivando al ballottaggio.

In casa socialista si continua a mandare avanti Manuel Valls, che per un sondaggio delle ultime ore viene indicato come un buon candidato per le presidenziali del 2017 dal 49% dei francesi, semplicemente perché il titolare della ditta, Hollande, nello stesso sondaggio viene citato dall'11% degli intervistati. Dopo due anni la sua popolarità si è semplicemente dissolta, non è più neppure comparabile ai peggiori momenti dei suoi predecessori. Dopo una riunione di crisi all'Eliseo stamattina, il discorso senza novità della serata. E domani sarà a Bruxelles in una posizione sempre più scomoda, quella di presidente del paese ormai "pecora nera dell'Europa". In casa le cose non vanno meglio, il PS è lacerato, il fronte dei 40 che si sono astenuti sulla legge di stabilità finanziaria con i suoi 50 miliardi di sacrifici rischia di ampliarsi.

L'Ump è alla resa dei conti. Il presidente Jean-François Copé, che non ha mai convinto ed è apparso determinato soltanto nella lotta per la poltrona contro François Fillon, sta per essere silurato perché pesantemente invischiato nello scandalo Bygmalion, soldi del partito finiti nelle tasche di amici. Il pessimo risultato (20,80%) non fa che accelerare la procedura e l'ufficio politico del partito domani chiederà la sua testa.

Di Tullio Giannotti, Ansa

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-27 14:21:39 | 91.208.130.85