Immobili
Veicoli

AUSTRALIASi era auto-assegnato altri ministeri. Scandalo sull'ex premier australiano

16.08.22 - 18:36
Scott Morrison travolto dalle polemiche per aver ricoperto segretamente diverse cariche ministeriali
IMAGO
Si era auto-assegnato altri ministeri. Scandalo sull'ex premier australiano
Scott Morrison travolto dalle polemiche per aver ricoperto segretamente diverse cariche ministeriali
La popolazione e diversi esponenti politici hanno reagito con profonda indignazione alle decisioni prese dal politico ritenendole inopportune

CANBERRA - Uno dei principi fondamentali della democrazia è la separazione dei poteri. Ricoprire diverse cariche durante il proprio mandato, potrebbe creare dei conflitti d'interesse. Lo sa bene Scott Morrison, ex Primo Ministro australiano che come si legge sul Guardian, è finito al centro di un caso giuridico molto particolare.

Anthony Albanese, l'attuale primo ministro, ha accusato Morrison di aver usato la sua posizione di potere quando era Primo Ministro per ricoprire nomine segrete. Tra marzo 2020 e maggio 2021, Morrison ha gestito in segreto i ministeri di salute, finanza, industria, scienza, energia e risorse, affari interni e tesoreria; senza che il pubblico lo sapesse e, in alcuni casi, senza avvisare il ministro. 

Oggi parlamentare, Morrison è ora chiamato a dimettersi dal legislativo del Paese oceanico a seguito di queste rivelazioni. Karen Andrews, ex ministro degli Interni, titolare di uno dei tanti dipartimenti che Morrison gestiva segretamente, ha detto: «Questo è assolutamente inaccettabile. Un Primo Ministro che si comporta in questo modo compromette tutto ciò che un governo federale dovrebbe rappresentare costituzionalmente.»

Non vi è stato alcun annuncio ufficiale del giuramento di Morrison, per nessuna delle cinque cariche ricoperte nei diversi dipartimenti. Le sue auto-nomine gli avrebbero concesso il potere di prendere decisioni arbitrarie su settori cruciali, qualora ne avesse avuto bisogno. Questo lo rendeva un "giudice" a cui spettava sempre l'ultima parola.

In una dichiarazione rilasciata martedì, il diretto interessato si è scusato con i suoi ex colleghi di gabinetto e ha descritto il suo agire «come un meccanismo di sicurezza» su cui poter fare affidamento durante la pandemia di coronavirus.

A difesa di Morrison si è pronunciato l'ex-ministro della difesa, e capo del Partito liberale australiano, Peter Dutton che ha accusato Albanese di tentare di «sfruttare a scopi politici» la situazione. Dal canto suo si è poi detto estraneo alla situazione, preferendo pronunciarsi a riguardo solo dopo aver sentito il parere del suo legale.

 

COMMENTI
 
saetta 1 mese fa su tio
non era quello che faceva la morale sulla pandemia e ritorsioni varie ai no vax? Djokovic compreso? alla faccia della coerenza....🤔 buffone
MissKirova 1 mese fa su tio
Le ritorsioni ai no vax sono giuste a prescindere da tutto!
saetta 1 mese fa su tio
quanta ne devi ancora mangiare prima di capire cos'è??🤣🤣
Mattiatr 1 mese fa su tio
@MissKirova per te è giusto che lo stato faccia attività di ritorsione nei confronti di una specifica categoria della società? Mica male.
saetta 1 mese fa su tio
ah no scusa....iniettare...
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO