Cerca e trova immobili

ARGENTINAMilei ha giurato. «È finita la decadenza»

10.12.23 - 16:58
L'ultraliberista è ufficialmente il 55esimo presidente argentino
AFP
Fonte Ats Ans
Milei ha giurato. «È finita la decadenza»
L'ultraliberista è ufficialmente il 55esimo presidente argentino

BUENOS AIRES - L'ultraliberista Javier Milei ha giurato sulla Costituzione della Repubblica di fronte alle Camere riunite ed è diventato in questo modo il 55esimo presidente dell'Argentina, il decimo dal ritorno della democrazia nel 1983.

Milei ha ricevuto gli attributi di comando - la fascia celeste e bianca e il tradizionale bastone presidenziale - dal capo di Stato uscente, Alberto Fernandez, mentre dagli scranni della Camera dei Deputati si levava il grido «libertà, libertà».

«Inizia una nuova era»

«Si è concluso un periodo di decadenza e inizia un cammino di crescita e redenzione. L'elettorato ha espresso una volontà di cambiamento che non ha ritorno, comincia una nuova era, un'era di pace e prosperità» ha dichiarato Milei nel suo primo discorso, tenuto nella scalinata del Palazzo del Congresso e rivolto ai migliaia di sostenitori e cittadini riuniti nella omonima piazza antistante.

Un gesto inedito, quest'ultimo, nel protocollo delle cerimonie di insediamento presidenziale che tradizionalmente prevedevano il discorso del presidente di fronte alle camere riunite. Milei ha parlato agli argentini alla presenza dalle delegazioni straniere. Tra i presenti anche il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, con il quale Milei ha scambiato un caloroso abbraccio.

Riforme shock

Per l'Argentina «non c'è alternativa all'aggiustamento e non c'è alternativa allo shock», ha ribadito Milei. La popolazione è avvisata: «Non ci sono soldi» e il programma di riforme e stabilizzazione economica «avrà un impatto sul livello di attività, di inflazione e di povertà».

«Attraverseremo un periodo di stagflazione ma sarà l'ultimo sorso amaro che dovrà deglutire l'Argentina. Abbiamo ricevuto la peggior eredità della storia», ha aggiunto.

COMMENTI
 

Aaahhh 2 mesi fa su tio
Lo faranno fuori. Una volta abituati ai sussidi a oltranza non si torna facilmente indietro…

s1 2 mesi fa su tio
Milei ha giurato. «È finita la decadenza» avanti con la putrefazione

Meri lu 2 mesi fa su tio
bene! è finito l'era dei kirsnerismo. i socialisti hanno las lasciato il paese nel lastrico Bravo leone!! 👍

Tirasass 2 mesi fa su tio
Risposta a Meri lu
Il paese è straindebitato da decenni, soprattutto da quando l ultraliberismo usa ha sfasciato i mercati interni di questi paesi, che ora esportano capitali x ripagare il debito. Ma dove vivi? In un mondo parallelo?

Dex 2 mesi fa su tio
Risposta a Tirasass
Vive nel suo giardino, terrorizzato con una paura folle di uscire

Tirasass 2 mesi fa su tio
Presto vedremo le piazze piene di gente. Non si capisce perché a pagare debba sempre essere la povera gente. Lo shock serve solo a smantellare quel poco rimasto e darlo in pasto ai pescecani, i quali non avranno regole ma faranno tutto "per il bene del paese"

leobm 2 mesi fa su tio
Venditore di f u m o

Filippone22 2 mesi fa su tio
Milei è il scendiletto di Israele e USA, svenderà quel poco che è rimasto di pubblico e non farà altro che eseguire gli ordini dei suoi padroni. Buona fortuna agli argentini…

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Il “ridolini” sudamericano ha tenuto il suo discorso d’insediamento davanti alla folla dove, tra i presenti, c’era pure il noto comico ucraino. Cosa avranno in comune i due, oltre a teatrini e cabaret, se non lo “charme” del dollaro americano?

Dex 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
M.erc.en ari come i “giornalisti”
NOTIZIE PIÙ LETTE