Cerca e trova immobili

IRANUn anno dalla morte di Mahsa Amini: la polizia spara contro i manifestanti

16.09.23 - 13:25
In occasione del primo anniversario della giovane curda, in tutto il paese sono scoppiate proteste contro il regime.
Reuters
Fonte ATS ANS
Un anno dalla morte di Mahsa Amini: la polizia spara contro i manifestanti
In occasione del primo anniversario della giovane curda, in tutto il paese sono scoppiate proteste contro il regime.

TEHERAN - Le forze di sicurezza in Iran hanno sparato contro alcune persone che stavano manifestando a Teheran in occasione del primo anniversario della morte di Mahsa Amini, la giovane che ha perso la vita dopo essere stata messe in custodia perché non portava correttamente il velo. Lo si apprende da video pubblicati sui social media.

Alcuni manifestanti sono stati arrestati nella capitale iraniana, nei pressi dell'Università di Teheran e di piazza Azadi. Gli agenti hanno impedito l'accesso ai cimiteri dove sono sepolti manifestanti uccisi negli scontri durante le dimostrazioni dello scorso anno.

«Un certo numero di persone che stavano scattando foto e girando video di negozi e centri commerciali e volevano mandarli a media dissidenti all'estero sono stati arrestati dalle forze di sicurezza questa mattina». Lo ha dichiarato il vice governatore generale della provincia del Kurdistan iraniano Mehdi Ramezani.

«Gli arrestati, affiliati a gruppi terroristi anti rivoluzionari, stavano organizzando raduni a Marivan e Sanandaj e pianificavano sabotaggi», ha aggiunto il funzionario, come riporta Irna.

Da questa mattina, sono rimasti chiusi per uno sciopero i negozi in varie località curde, tra cui Saqqez, la città di cui era originaria Mahsa Amini, la 22enne morta esattamente un anno fa dopo essere stata messa in custodia dalla polizia morale perché non portava il velo in modo corretto.

Da giorni è stata segnalata una massiccia presenza delle forze di sicurezza in varie città del Paese, soprattutto a Teheran e nel Kurdistan iraniano mentre in varie città sono state denunciate interruzioni all'accesso a internet per impedire possibili proteste.

Secondo attivisti dei diritti umani, almeno 91 curdi sono stati arrestati e centinaia interrogati nelle ultime due settimane. A Sarpol-e Zahab, nella provincia di Kermanshah, sette giovani sono stati arrestati per «azioni mirate ad incoraggiare il popolo a partecipare a proteste», in occasione dell'anniversario della morte di Mahsa, che lo scorso anno provocò un'ondata di dimostrazioni antigovernative in molte città del Paese che andarono avanti per mesi.

Amnesty International ha lanciato un appello per «avviare indagini sugli atroci crimini commessi dalle autorità iraniane» con la repressione delle proteste iniziate un anno fa dopo la morte di Mahsa Amini, la 22enne curda che ha perso la vita dopo essere stata messa in custodia dalla polizia morale perché non portava il velo in modo corretto.

«Invece di abolire le leggi che impongono, in modo discriminatorio, l'obbligo di indossare il velo, le autorità iraniane hanno sferrato un attacco totale ai diritti delle donne, uccidendo illegalmente centinaia di persone e torturandone migliaia», ha scritto la sezione iraniana della ong su X in occasione del primo anniversario della morte di Mahsa Amini.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Mitomane 10 mesi fa su tio
Ci sono due aspetti da considerare: chi organizza e finanzia le proteste e cosa veramente pensa la maggior parte della popolazione. La repressione nasce dalla necessità di proteggere il Paese da una americanizzazione che sarebbe fatale. A prescindere dalla nostra opinione. Siete favorevoli alla teoria Gender? Gay pride? Teoria LGBTQ+IA pedosatanista? Io no. E sarei felice se la polizia sparasse ai manifestanti finanziati dai globalisti pedosatanisti transumani. Ognuno ha le sue visioni e le difende come può.

Mat78 10 mesi fa su tio
Per non citare quel gigione di Assad e quel liberale di Xi

Mat78 10 mesi fa su tio
Eccoli gli amici della russia, kim ed i macellai della rivoluzione islamica...bella cerchia di amici!

Signore 10 mesi fa su tio
Il problema è che non comandano a casa loro. Comanda una cerchia degenerata e feroce di persone. Inoltre, più aumentano nel mondo i regimi che schiacciano il popolo, più aumenta il pericolo che questi escano dai propri confini, non avendo meccanismi interni che li possano fermare.

G 10 mesi fa su tio
Ricordiamoci a casa loro comandano loro …non si dovrebbe neanche commentare cosa fanno ne dare notizie (tanti hanno fatto peggio) in Siria Turchia (magari peggio) senza il magari 😁
NOTIZIE PIÙ LETTE