Cerca e trova immobili

NIGERTentativo di golpe in Niger, circondato il palazzo presidenziale

26.07.23 - 13:09
L'accesso alla residenza è stato bloccato. Il capo di Stato «è sano e salvo» e sarebbe in corso una mediazione con la guardia presidenziale
AFP
Fonte ats
Tentativo di golpe in Niger, circondato il palazzo presidenziale
L'accesso alla residenza è stato bloccato. Il capo di Stato «è sano e salvo» e sarebbe in corso una mediazione con la guardia presidenziale

NIAMEY - È in corso un tentativo di colpo di Stato in Niger. Alcuni militari della guardia presidenziale hanno circondato il palazzo del presidente eletto Mohamed Bazoum, bloccandone gli accessi.

Secondo una fonte militare regionale, il capo dello Stato nigerino è attualmente trattenuto dagli ammutinati. Un'altra fonte vicina alla presidenza, citata da media internazionali, afferma che Bazoum «sta negoziando» con i soldati coinvolti. La guardia presidenziale è guidata dal generale Omar Tchiani, già in carica sotto il regime di Mahamadou Issoufou. Secondo alcune fonti, il presidente stava pensando di destituirlo dall'incarico.

È stato vietato l'accesso sia alla residenza del presidente Bazoum, sia agli uffici del complesso presidenziale. D'altro canto, nessuna forza militare speciale era visibile in mattinata nell'area in cui si trova la presidenza, il traffico era normale e non si sono sentiti spari, ha riferito un giornalista dell'Afp.

Gli accessi alla presidenza a Niamey sono bloccati a causa di uno «sbalzo d'umore» della guardia presidenziale per un motivo non specificato, ha dichiarato sempre all'Afp una fonte vicina alla presidenza, aggiungendo che in mattinata erano in corso «colloqui» e che «il presidente sta bene, è sano e salvo».

«Lui e la sua famiglia sono nella residenza», ha aggiunto la fonte a condizione di anonimato. «Ho parlato con il presidente e con i suoi amici ministri e stanno bene», ha dichiarato un deputato del Partito nigerino per la democrazia e il socialismo (Pnds).

Il Niger, partner privilegiato della Francia nella regione del Sahel e afflitto dalla violenza jihadista in diverse parti del suo territorio, è guidato da Bazoum, eletto democraticamente e in carica dall'aprile 2021. La storia di questo vasto, povero Paese desertico è costellata di colpi di Stato. Ce ne sono stati quattro, dall'indipendenza di questa ex colonia francese nel 1960: il primo nell'aprile 1974 contro il presidente Diori Hamani e l'ultimo nel febbraio 2010, che ha rovesciato il capo di Stato Mahamadou Tandja. I tentativi di golpe sono stati numerosi

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE