Immobili
Veicoli

STATI UNITILe 16 scimmie di Elon Musk, morte per un chip destinato agli umani

15.02.22 - 19:00
All'inizio degli esperimenti le cavie erano 23. Un'Ong denuncia «l'estrema sofferenza» a cui sarebbero state sottoposte
Reuters
Le 16 scimmie di Elon Musk, morte per un chip destinato agli umani
All'inizio degli esperimenti le cavie erano 23. Un'Ong denuncia «l'estrema sofferenza» a cui sarebbero state sottoposte

SAN FRANCISCO - Un laboratorio, 23 scimmie e dita mozzate. L'azienda di neuro-tecnologia di Elon Musk è stata denunciata per aver ucciso la maggior parte delle cavie in tre anni nel tentativo di impiantare loro un chip nel cervello. Questo è destinato a uso umano e i test sulle persone dovrebbero iniziare quest'anno.

Ci sono 700 pagine depositate lo scorso giovedì al dipartimento dell'Agricolura degli Stati Uniti che rivelano una metodologia di laboratorio non conforme al federal Animal Welfare Act. In particolare, alcune pagine parlano di una scimmia che sarebbe stata ritrovata con le dita degli arti superiori e inferiori amputate, non è chiaro, si legge nel rapporto, «se sia il risultato di un'automutilazione o di traumi non specificati». Come riporta il New York Post, questo animale è poi stato soppresso.

Altre parti del documento riferiscono di un esemplare femmina di macaco con degli elettrodi impiantati nel cervello, che avrebbe avuto sintomi quali vomito e insufficienza respiratoria e che nei giorni successivi sarebbe collassata per esaurimento. Il rapporto spiega che la primate sarebbe poi stata sottoposta ad autopsia e da questa sarebbe stato rilevato che fosse morta a causa di un’emorragia cerebrale. Casi simili a questo e al primo citato si sarebbero ripetuti almeno 16 volte.

Far camminare i paraplegici - Nel 2017 la Neuralink, azienda statunitense fondata da Elon Musk, ha iniziato a sottoporre a tutta una serie di esperimenti 23 esemplari di scimmie, con l'obiettivo di sviluppare un chip da impiantare nel cervello degli umani. Nel dettaglio, la promessa è di consentire di camminare ai paraplegici e, più in là, di favorire la simbiosi uomo-macchina. I primati sono stati affidati per tre anni all'università della California con cui ha collaborato fino al 2020, anno in cui le cavie sono state trasferite nei laboratori di Musk e Neuralink ha interrotto la collaborazione con l'università.

«Estrema sofferenza» - Secondo il documento redatto dal Physicians Committee for Responsible Medicine, un'Ong che difende i diritti degli animali nella ricerca, tra il 2017 e il 2020 sono morte almeno 16 delle 23 scimmie e «tutte o quasi sono state sottoposte a estrema sofferenza». A una settimana dalla denuncia, Neuralink ha ammesso che otto primati sono morti o sono stati soppressi durante i test del chip cerebrale, ma, come riporta l'Independet, nega di aver sottoposto gli animali a «sofferenze estreme». Sul sito dell'azienda è recentemente apparsa una pagina in cui è possibile candidarsi per la posizione di "Direttore della sperimentazione clinica". Questo fa presupporre che Musk sia pronto a iniziare i test sugli umani.

NOTIZIE PIÙ LETTE