AFP
L'area è stata delimitata dalle forze talebane.
AFGHANISTAN
15.10.2021 - 12:550
Aggiornamento : 13:56

Esplosioni in una moschea a Kandahar, numerosi morti e feriti

Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi

KANDAHAR - Diverse deflagrazioni hanno avuto luogo durante la preghiera odierna all'interno di una moschea sciita nella città di Kandahar, in Afghanistan, provocando almeno 32 morti e 53 feriti. Lo ha riportato un reporter dell'agenzia stampa AFP, presente sul posto.

Si tratta del secondo possibile massacro in pochi giorni: è infatti passata appena una settimana dalla sanguinosa esplosione di Kunduz, dovuta ad un kamikaze, che ha causato la morte di almeno ottanta persone.

La preghiera del venerdì dei religiosi sciiti sembra quindi essere diventata un obbiettivo dei terroristi in Afghanistan. Attentati che il Governo talebano non sembra riuscire a contenere, nonostante le promesse date ai sciiti: «Garantiremo la vostra sicurezza».

In seguito all'attacco odierno, costituito da tre esplosioni separate, le forze di sicurezza talebane sono state dispiegate intorno all'area, bloccandone gli accessi. «Siamo rattristati nell'apprendere che un'esplosione ha avuto luogo in una moschea sciita a Kandahar, uccidendo e ferendo alcuni nostri connazionali», ha intanto dichiarato il portavoce del Ministero degli Interni talebano Qari Sayed Khosti.

Stando ai talebani, l'attacco sarebbe stato provocato da un attentatore suicida. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 21:21:59 | 91.208.130.87