Keystone
FRANCIA
22.10.2020 - 11:150
Aggiornamento : 11:55

L'assassino di Samuel Paty era in contatto con la Jihad

Il 18enne sarebbe stato in contatto diretto con un terrorista, forse suo connazionale, di stanza in Siria

PARIGI - Il giovane assassino che ha ucciso e decapitato l'insegnante partigino Samuel Paty sarebbe stato in contatto con uno jihadista di stanza in Siria. Lo sostiene Le Parisien che cita come fonte una persona vicina alle indagini.

L'uomo in questione, che comunicava con lui in russo ma era di nazionalità ignota, si troverebbe a Idlib. Lo avrebbero identificato gli inquirenti, attraverso l'analisi dell'indirizzo IP del computer che usava per comunicare con il killer 18, anche lui di origini russe.

La tesi è quindi che il giovane abbia avuto una radicalizzazione precoce, i cui segnali non sono però stati percepiti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 20:52:25 | 91.208.130.89