Immobili
Veicoli
keystone
RUSSIA
22.08.2020 - 16:520

«Dobbiamo salvare Alexei»

L'appello della moglie di Navalny, l'oppositore russo in gravi condizioni per un presunto avvelenamento.

Secondo la donna il trasporto del marito a Berlino è un bene, ma la sua sicurezza non è ancora pienamente garantita

MOSCA - «Bisogna assolutamente salvare Alexei Navalny», perché «non è solo un oppositore in Russia: grazie a lui sono state avviate inchieste. Ha fornito importanti documenti sulla corruzione in Russia».

Lo ha dichiarato in un'intervista a Sky News Uk Marina Litvinienko, vedova di Alexander, l'ex agente russo ucciso con il polonio a Londra nel 2006.

«Tutti hanno capito» che quando Navalny è stato ricoverato a Omsk, «si trovava in una situazione molto pericolosa». Ora che è stato trasportato a Berlino «è un po' più al sicuro. Ma non credo che possiamo rilassarci: ancora non sappiamo cosa sia successo ad Alexei», ha detto Marina Litvinienko, aggiungendo di non credere che i medici russi «fossero molto liberi di dire quello che potevano avere scoperto».

Del resto, nel caso del marito, Marina ha detto che «per due settimane non si capì cosa avesse. Possiamo dare la colpa ai medici britannici? Certo no. Nessuno prima di lui era stato avvelenato con il polonio radioattivo». «Solo quando avremo capito cosa è successo a Nalvalny - ha concluso -, potremmo cercare di capire chi lo abbia voluto colpire».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 anno fa su tio
E perché mai i servizi segreti russi (che, certamente, vantano una terrificante professionalità in omicidi) avrebbero usato, questo radioisotopo che ha la caratteristica di lasciare tracce del suo passaggio? Oggi invece è la volta di Alexei Navalny, ”oppositore di Putin”. Colpito con un the avvelenato servitogli in aereo. Così che, per identificare i sicari, basta dare semplicemente una controllata alla lista dei passeggeri e/o dell’equipaggio. Ah, sono davvero degli inetti e degli sprovveduti questi avvelenatori dei servizi segreti russi....:):):)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 04:18:25 | 91.208.130.87